Allarme nelle discoteche, spopola "l'all you can drink"

Bere alcolici e superalcolici senza limiti per 15 euro. La nuova moda che preoccupa a Milano

La movida milanese sta cambiando e c'è una nuova moda che si sta diffondendo e comincia a destare preoccupazione. Si chiama "all you can drink" e in pratica ricalca il metodo che ha fatto la fortuna delle centinaia di ristoranti giapponesi che offrono una formula a prezzo fisso per mangiare a dismisura.

La variante drink però si basa su alcolici e superalcolici e promette ai giovani milanesi una situazione di open bar alla modica cifra di 15 euro.

I prercursori di questa serata sono i promotori di Open Wine, una serata che propone vino senza limiti. Le varianti si sono presto moltiplicate e nei club e nelle discoteche della città sono spuntate formule simili - a un prezzo leggermente maggiore - che permettono di ordinare cocktail dopo cocktail e raggiungere lo sballo a poco prezzo.

Così - scrive Repubblica - il Silb, l'associazione di Unione del commercio che rappresenta le discoteche ha scritto a comune, prefettura e questura, per porre la giusta attenzione sul preoccupante fenomeno.

In un lungo post su Facebook, Roberto Cominardi - presidente del Silb e gestore dell'Old Fashion - parla di "gestori disperati e incapaci, soggiogati dai vari p.r. anch'essi alla frutta". Sottolinea che potrebbero esserci guai alla verifica fiscale ("il fisco verifica il carico di magazzino e le vendite presunte tramite scontrini o biglietti Siae") ma, soprattutto, si rischiano centinaia di giovani in ospedale per eccesso d'alcol.

I guai però, oltre che per i giovani che rischiano la salute, sono previsti anche per i gestori che "incassano denaro incuranti dei danni che provocano sia a livello sociale che economico. Gli incapaci gestori dimostrano, inoltre, un'assoluta ignoranza in campo fiscale. Dato che l'onere della prova è a carico dell'esercente... li voglio vedere a raccontare "Ma io facevo All you can drink".

Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 09/11/2015 - 18:31

Grazie a queste mode cretine prepariamoci ad una carneficina di vite umane e.....patenti.

Ritratto di falso96

falso96

Lun, 09/11/2015 - 18:50

Mi chiedo dove vadano a comprare i superalcolici e a che prezzo per poterci guadagnare questi proprietari di disco.

routier

Lun, 09/11/2015 - 19:39

La selezione naturale di darwiniana memoria dice che a soccombere saranno i più inadatti alla vita. Credo che ognuno sia libero di scegliersi il proprio destino. Per esempio: molti scelgono di diventare possibilmente vecchi, altri, evidentemente, no!

blackbird

Lun, 09/11/2015 - 20:14

Per il FISCO faranno uno scontrino apposito. Per gli scemi, invece non c'è salvezza! Alcol o pasticche gli burceranno il poco cervello di cui sono dotati, poveri piccoli. Tanto buonini e rispettosi di mammina!

Ritratto di sepen

sepen

Lun, 09/11/2015 - 21:08

Uh, ma che bell'articolo sensazionalista! Senza scomodare la movida milanese, nella ben più modesta Ivrea (Epo, per gli amici) dei miei tempi (primi 90) si usavano le feste di piazza. 10mila lire ed entravi a devastarti le budella a tuo piacimento, e nessuno che urlava allo scandalo...

fisis

Mar, 10/11/2015 - 07:33

Attenzione, anche l'alcol a dosi eccessive, è una droga pericolosissima e produce danni irreparabili, si pensi all'alcolismo. Questa moda va stroncata al più presto.