Allarme terrorismo, annullata Belgio-Spagna ma si gioca Inghilterra-Francia

L'amichevole Belgio-Spagna annullata per il rischio terrorismo. Si gioca, invece, Inghilterra-Francia. Il ct dei transalpini Deschamps: "Rappresenteremo la nostra nazione con ancora più orgoglio"

L'allarme terrorismo ha causato l'annullamento della partita di calcio in programma oggi a Bruxelles tra il Belgio e la Spagna. Sono cresciuti, infatti, i timori per la sicurezza dopo gli attacchi terroristici di Parigi, con blitz e arresti anche in Belgio per trovare responsabili e fiancheggiatori. L'account Twitter ufficiale della nazionale belga ha confermato che la gara non avrebbe avuto luogo. In seguito una dichiarazione sul sito della Federcalcio belga ha dato maggiori dettagli sulla cancellazione del match, che avrebbe dovuto tenersi a Bruxelles allo stadio Re Baldovino. "In consultazione con le autorità competenti e la nazionale spagnola, la federazione belga ha deciso di annullare l'incontro - riporta una nota - . Alla fine della serata la federazione è stata contattata dal governo, che ha raccomandato di non giocare la partita. Questo perché il livello di allarme terrorismo è alto". "Siamo profondamente dispiaciuti che un match del genere sia stato annullato così tardi e capiamo la delusione di molti sostenitori- continua la nota - tuttavia, tenuto conto delle circostanze eccezionali, non possiamo prendere qualsiasi rischio per la sicurezza di giocatori e tifosi".

Inghilterra-Francia si gioca

Confermata l’amichevole Inghilterra-Francia in programma sempre stasera a Londra allo stadio di Wembley, ornato con i colori blu, bianco e rosso della bandiera francese. Partita di "solidarietà con il popolo francese" cui assisterà anche il duca di Cambridge, William, secondo in linea di successione al trono, insieme al rutilante sindaco di Londra, Boris Johnson. Scotland Yard e l’antiterrorismo hanno preparato uno schieramento senza precedenti di agenti in uniforme ed in borghese che pattuglieranno lo stadio e tutta l’area per consentire a Londra di manifestare la sua vicinanza ad una Parigi ferita ma non piegata da terrorismo.

"Siamo qui per rappresentare la nostra nazione con ancora più orgoglio", ha detto il ct della Francia Didier Deschamps. "Scendere in campo con la maglia bianco, rossa e blu è sempre stato per tutti noi un motivo di orgoglio e da venerdì sera c’è una motivazione ancora maggiore".

Nella squadra francese c’è anche Lassana Diarra che venerdi ha perso una cugina nella strage del Bataclan: "Siamo tutti vicini a lui per la perdita di una persona per lui così importante -sottolinea il ct transalpino-. Per Lassana è stata una cosa positiva essere rimasto in gruppo. Io come tutti lo stiamo aiutando. Siamo uniti come non mai. Abbiamo imparato il valore dell’unità e della solidarietà".