Alto Adige troppo tedesco? Ancora guerra dei toponimi

Accordo tra Delrio e Durnwalder: 135 nomi rimarranno solo in tedesco

L'Alto Adige è sempre più tedesco? La nuova puntata dell'ormai annosa ed infinita telenovela sulla toponomastica in Alto Adige riguarda un accordo stipulato recentemente tra il ministro agli affari regionali Graziano Delrio ed il presidente altoatesino Luis Durnwalder. Centotrentacinque toponimi resteranno nella sola dizione tedesca. Complessivamente nel corso della lunga indagine condotta dai carabinieri di Bolzano tra il 2009 ed il 2010 era stato accertato che circa l’80 % dei cartelli installati lungo i sentieri di montagna da parte dell’Avs (Alpenverein Suedtirol, il club alpino sudtirolese) e dagli enti turistici locali (Turismusverein) erano monolingui. Successivamente le forze dell’ordine avevano accertato che sui cartelli i nomi erano 1.526 e 150 di essi non avevano un corrispettivo in italiano. Tra i nomi che attualmente figurano solo in lingua tedesca non solo nomi di malghe o laghi e cime, ma anche di paesi. Tra i toponimi dove manca l’intesa c’è anche quello dell’ "Alta via della Vetta d’Italia" che si trova in alta valle Aurina. Infatti, questa denominazione potrebbe essere cancellata e chiamarsi definitivamente "Lausitzer Weg". Tra i nomi dove manca l’intesa anche Plata in val Passiria che vogliono chiamare solo Platt oppure Molini di Tures che chiamerebbero solo Muehlen.

Potrebbe scomparire per sempre anche un nome storico come quello di malga Sasso (Steinalm) e assieme ad esso anche quanto accaduto la mattina del 9 settembre 1966. In un attentato compiuto dai membri del movimento separatista Befreiungsausschuss Suedtirol (BAS) alla casermetta della Guardia di Finanza morirono tre finanzieri addetti alla dogana (Franco Petrucci, Herbert Volgger e Martino Cossu). La commissione paritetica Stato-Provincia, inserita nell’accordo tra l’ex ministro agli Affari Regionali Fitto e Durnwalder, aveva individuato parecchi nomi di località solo in lingua italiana e lo stesso Durnwalder aveva bloccato i lavori sostenendo che c’era troppo poco tedesco. "Siamo un pochino troppo generosi", aveva detto Durnwalder in merito al "troppo italiano" nei cartelli.

Commenti

giovanni PERINCIOLO

Lun, 26/08/2013 - 18:53

Nulla di nuovo direi e, pensando male e facendo peccato, direi che molto semplicemente il PD ha pagato la cambiale al suo alleato altoatesino! Vedendo poi alla tv l'incontro entusiastico tra Delrio e Durnwalder dove mancano solo i baci sono sempre più convinto di aver peccato ma.... di azzeccarci! Saluti ai duri e puri trinariciuti!

Mario-64

Lun, 26/08/2013 - 20:08

Bravo Delrio ,smesso di far danni a Reggio comincia a farne a Roma...

vince50

Lun, 26/08/2013 - 20:48

Non importa se Tedesco o altro,ciò che conta è avere la fortuna di non appartenere a questo paese inqualificabile.

telli

Lun, 26/08/2013 - 20:49

Frequento molto l'Alto Adige avendovi degli amici, quindi conosco la situazione. La verità è che il partito "italiano" egemone, ovvero il PD, ha svenduto gli italiani per i voti della SVP al Senato. Triste ma vero! Viva l'Itaglia!

cgf

Lun, 26/08/2013 - 21:04

visti gl inciuci del passato, questo NON è voto di scambio, vero?

olgettino

Lun, 26/08/2013 - 21:41

e Forza "Tralicciiiiiiii", per esser più liberiiiiiiiii!

Tergestinus.

Lun, 26/08/2013 - 22:36

Tanta attenzione per l'Alto Adige, ma alle porte di Trieste sono già più di 10 anni che il comune di San Dorligo della Valle, a maggioranza slovena, ha cancellato la denominazione italiana del capoluogo, "San Dorligo", denominazione di cui ci sono attestazioni scritte fin dal Quattrocento, per lasciare soltanto la denominazione slovena "Dolina", mai attestata prima del secolo XVIII. Uno schiaffo alla storia nell'indifferenza generale.

franco@Trier -DE

Lun, 26/08/2013 - 23:42

gente e popolo ammirevole,malgrado politicamente il Sud Tirolo appartenga alla Italia gli abitanti di detta regione si sentono ancora e sempre austriaci,cosa vergognosa invece per gli italiani che si trovano a Nizza i quali si dichiarano francesi anche dopo che la Savoia è passata alla Francia.

Altaj

Mar, 27/08/2013 - 00:44

Meglio tedesco che afro-mussulmano. Vedi Lampedusa, che dovrebbe cambiare nome e chiamarsi Ali al dusain.

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Mar, 27/08/2013 - 07:27

20 anni di Berlusconi hanno fatto passare la voglia di "italiano" Non mi meraviglio che l'italiano sia passato di moda nel mondo intero.

plaunad

Mar, 27/08/2013 - 08:50

Ho vissuto vari anni da quelle parti per lavoro e, diciamo la verità, l'Alto Adige é tirolese, cioé tedesco. Per storia, lingua, cultura, usi e costumi. La massiccia immissione di italiani, addirittura di meridionali in questi ultimi tempi, non ha avuto altra conseguenza se non la creazione di due gruppi ben separati di cittadini, che oggi si tollerano e si ignorano ma non si mescolano assolutamente. Considerato poi che l'economia é quasi totalmente in mano alla etnia tedesca, per ovvi motivi, é chiaro che quest'ultima detenga il potere e possa imporre regole e regolamenti che paiono ingiusti. Devo comunque dire, per onestà, che ho sempre riscontrato maggiore cortesia, oltre che ovviamente laboriosità, pulizia ed onestà, da parte dei tedeschi che degli italiani.

silvanociaranfi

Mar, 27/08/2013 - 09:20

Nessuno si azzardi a demolire il monumento della Vittoria a Bolzano, come vorrebbero i sudtirolesi. Durnwalder se lo può scordare, parli pure in tedesco quanto vuole, ma il Sud Tirolo é e rimarrà suolo italiano. Aovidersen allora. Cordialità. Silvano

Nadia Vouch

Mar, 27/08/2013 - 10:19

Questa "Europa dei popoli" a me sembra solo una sommatoria di arroccamenti territoriali.

buri

Mar, 27/08/2013 - 11:52

visti che vogliono solo il tedesco, smettiamo di andare a spendere i nostri soldi in Alto Adige, forse i schutzen cambieranno parere

franco@Trier -DE

Mar, 27/08/2013 - 16:48

buri vero, dirò ai tedeschi che facciano uguale , vadano in Spagna e Grecia là sono a prezzi inferiori che la Italia.Quello che dici tu è un boomerang che poi dei vostri soldi ce ne sono ben pochi vai a vedere cosa sono quasi tutti turisti tedeschi.

piertrim

Mer, 28/08/2013 - 10:58

Visti i cambiamenti che dovranno fare sulle mappe, sulle carte geografiche e sulla cartellonistica stradale, avranno ora bisogno di soldini i poverini? Quanti ne avrà promessi Del Rio per avere i voti della SVP?