Amanda Knox va a convivere: "Ma il carcere pesa ancora"

È una lettera aperta quella che Amanda Knox scrive sul West Seattle Herald, il quotidiano dove tiene periodicamente un blog e in cui racconta della decisione di andare a convivere con il suo attuale fidanzato, parlando tuttavia anche del carcere e di come sia un'esperienza che ancora non ha del tutto superato.

Accusata di avere partecipato all'omicidio di Meredith Kercher nel novembre 2007 e prosciolto in via definitiva dalla Cassazione nel marzo dello scorso anno, la Knox scrive: "Imballare le mie cose è stato come imballare la mia storia. È un momento cruciale".

Ora 29enne, sostiene: "Sono entusiasta di scoprire come sarà condividere il nostro spazio e il nostro tempo. E mi viene in mente la mia cella nella prigione di Capanne".

"Sono passati quattro anni e mezzo da quando sono tornata a Seattle dall’Italia - scrive ancora -. Quegli anni sono stati un incubo, un giro sulle montagne russe di un dramma legale rimasto irrisolto. Non c’è mai stata una sensazione definita, ma è stata dura".

Commenti

swiller

Mar, 02/08/2016 - 12:40

Omicida in libertà.

evuggio

Mar, 02/08/2016 - 13:53

Auguri al fidanzato!

Ritratto di misogino

misogino

Mar, 02/08/2016 - 17:06

una martire

claudio faleri

Mar, 02/08/2016 - 17:16

la volevano incastrare senza vere prove, pur di averla vinta, la scritta...LA GIUSTIZIA è UGUALE PER TUTTI....è una grande cagata

dondomenico

Mar, 02/08/2016 - 17:25

L'Italia, quella buona, non sente la mancanza di questa "povera vittima" della giustizia italiana. Se quello che è accaduto in Italia fosse accaduto negli USA, cara la mia bella, avrebbero riaperto Alcatraz per darti un meritato alloggio!

cabass

Mar, 02/08/2016 - 17:59

e chi se ne frega!