Amanda: "Sono preoccupata"

La Knox segue l'udienza della Cassazione dall'America: "Aspetto con fiducia"

"Sono molto preoccupata ma aspetto con fiducia". A parlare è Amanda Knox nel giorno in cui la Cassazione esamina nuovamente il caso e in cui il pg ha chiesto di confermare (con una riduzione di tre mesi) le condanne a lei e a Raffaele Sollecito per l’omicidio di Meredith Kercher.

La ragazza si è tenuta in contatto con i suoi difensori, gli avvocati Carlo Dalla Vedova e Luciano Ghirga, che via Skype l’hanno informata sull’evolversi della giornata. "Che dicono i giudici? Cosa succede?", ha chiesto la giovane americana ai legali. "Quando l’ho sentita - ha detto l’avvocato Dalla Vedova - già sapeva che la sentenza sarebbe arrivata venerdì. È stata piuttosto silenziosa perché è in forte apprensione". I legali hanno informato della situazione anche i genitori della Knox che sta trascorrendo in famiglia questi giorni. "Amanda è innocente e la sentenza che l’ha condannata contiene moltissimi errori" ha concluso l’avvocato Dalla Vedova.

Commenti
Ritratto di robocop2000

robocop2000

Gio, 26/03/2015 - 07:05

IN GAAALEEEERAAAAAAAAAAA A VITAAAAAAAAAAAAAAAA !!!

Ritratto di Alsikar.il.Maledetto

Alsikar.il.Maledetto

Gio, 26/03/2015 - 11:19

Ma di che cosa si preoccupa costei? Se La Cassazione annullerà l'Appello, allora la signorina sarà innocente. Quindi, libera. Se, al contrario, la Cassazione confermerà l'Appello, allora sarà colpevole. Ma gli Usa mica acconsentiranno all'estradizione? E l'Italia mica è un Paese che manda i propri servizi segreti a rapire un colpevole per portarlo in Italia? Queste sono cose troppo grandi per un'Italietta malata di garantismo mortale. Ripeto: di che cosa si preoccupa costei?

guerrinofe

Gio, 26/03/2015 - 11:44

Amanda è tranquillissima!! Non se ne sogna di tornare ,ora che è a casa è inpensabile.Siamo alle solite si doveva tenerla qui, non si fa certamente contagiare dalla "sindrome dei " Marö!"

angelomaria

Gio, 26/03/2015 - 20:24

PURE NOI CHE RIMANGA A PIEDE LIBERO!!!!!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 26/03/2015 - 23:36

Secondo le leggi in USA non si può venire processati due volte per lo stesso reato. Da noi invece ti processano continuamente per lo stesso presunto reato. La vita delle persone è diventata un macabro gioco nelle mani di CERTI GIUDICI CHE ESASPERANO ALL'INFINITO LE SOFFERENZE DI CHI CHIEDE GIUSTIZIA. CAMBIAMO QUESTA ORRENDA INGIUSTIZIA.