Amazon, centinaia di dipendenti verso il licenziamento

Il colosso dell'e-commerce in una nota: "Stiamo facendo aggiustamenti in un paio di posti ma forti assunzioni in altri"

Per centinaia di dipendenti Amazon è in arrivo la lettera di licenziamento. Dopo 8 anni di assunzioni, il colosso dell'e-commerce inverte la rotta e taglia numerosi posti di lavoro, iniziando dal quartier generale di Seattle. La notizia, riportata dal Seattle Times, è stata confermata dalla società di Jeff Bezos.

In otto anni, dal 2010 a oggi, i dipendenti sono passati da 5mila a 40mila nella sede di Seattle, mentre a livello globale sono oltre mezzo milione gli addetti Amazon. "Nell'ambito del nostro annuale processo di pianificazione, stiamo facendo degli aggiustamenti sul numero di addetti nella società: piccole riduzioni in un paio di posti e forti assunzioni in molti altri. Per i lavoratori impattati lavoriamo per cercare posizioni nelle aree in cui stiamo assumendo", ha fatto sapere la società con una nota.

L'obiettivo dei tagli è quindi quello di ridurre le spese consolidando alcune attività al dettaglio per concentrare le risorse sui business più redditizi come l'assistente digitale Alexa e l'intrattenimento digitale.

Commenti
Ritratto di giuliano lodola

giuliano lodola

Mar, 13/02/2018 - 12:39

Incredibile, una grande azienda ha avuto il coraggio di aprire da noi, veri eroi!

cgf

Mar, 13/02/2018 - 15:12

@giuliano lodola guardi che inizialmente ad Amazon manco passava per la capa di aprire da noi, infatti TUTTA l'italia era servita da Francia/Germania. Poi, visti i volumi in crescita hanno capito che continuando in quel modo gli sarebbe costato meno aprire il centro vicino a piacenza, ma... ma la sede sempre in Lussemburgo, i furbetti!! Alcune condanne in commissione tributaria, solo da un paio di anni, hanno una sede rappresentativa in Italia che emette fatture in Italia. Lei lo chiama coraggio? L'aiuto, sempre con la C...onvenienza e con la E...lusione.

cgf

Mar, 13/02/2018 - 15:13

@giuliano lodola guardi che inizialmente ad Amazon manco passava per la capa di aprire da noi, infatti TUTTA l'italia era servita da Francia/Germania. Poi, visti i volumi in crescita hanno capito che continuando in quel modo gli sarebbe costato meno aprire il centro vicino a piacenza, ma... ma la sede sempre in Lussemburgo, i furbetti!! Alcune condanne in commissione tributaria, solo da un paio di anni, hanno convinto loro aprire una sede rappresentativa in Italia che emette fatture in Italia. Lei lo chiama coraggio? L'aiuto, sempre con la C...onvenienza e con la E...lusione.