Andiamo a votare. Basta veleni sui referendum

Domenica prossima è quindi bene andare alle urne senza timore. Per fare una Brexit non basta un referendum, ci vogliono gli inglesi e una regina. Ma per migliorare un po' il nostro Paese (tutto), questo voto può servire davvero

Tra sette giorni in Lombardia e Veneto si vota per il referendum che chiede di allargare le autonomie, soprattutto fiscali, delle due regioni. C'è un fronte del sì convinto, quello di Forza Italia e Lega, uno tiepido (il Pd) e qualche svogliato contrario in ordine sparso (la Meloni, i dalemiani e altri spicchi della sinistra). La partita non si gioca quindi tra i sì (netta maggioranza) e i no, ma sul livello di affluenza (in Veneto serve che voti la metà più uno degli aventi diritto, in Lombardia no). È una delle rare volte nelle quali i cittadini sono chiamati a votare per qualche cosa e non anche contro qualcuno, come per esempio all'ultimo referendum sulla riforma del Senato che si trasformò in un referendum su Renzi premier. Sarà insomma una prova di maturità politica che nelle ultime ore qualcuno sta cercando di smorzare e avvelenare, evocando da un lato lo spettro di una Catalogna, dall'altro il rischio di indebolire il già malconcio Sud Italia.

In realtà, se approvati, i referendum non provocheranno nessun effetto automatico. Semplicemente permetteranno ai governatori delle due regioni di aprire una trattativa con lo Stato centrale per trattenere sul territorio qualche euro (di tasse) in più dei tanti, tantissimi, che oggi vengono bloccati a Roma, dove si disperdono in mille e a volte misteriosi rivoli. Non c'è nulla di egoista in questo, anzi. Se la locomotiva del Paese (il Nord) riuscisse a rafforzarsi e a correre ancora più forte ne avrebbero vantaggio tutte le carrozze trainate. Un euro investito dove può fruttare velocemente - in Lombardia e in Veneto ciò mediamente accade - non può che portare benefici ovunque, come del resto è sempre successo.

Per quanto riguarda il «rischio Catalogna» viene da sorridere. A differenza dei catalani, i lombardi - non me ne voglia Maroni - non sono mai stati un popolo, tantomeno sono un popolo oppresso nella sua identità. È più probabile che un bresciano faccia guerra a un bergamasco, i lecchesi ai comaschi e gli interisti ai milanisti che tutti insieme scendano in piazza contro i romani (pure i cattolici - fatto unico nelle regioni italiane - hanno riti diversi).

Domenica prossima è quindi bene andare alle urne senza timore. Per fare una Brexit non basta un referendum, ci vogliono gli inglesi e una regina. Ma per migliorare un po' il nostro Paese (tutto), questo voto può servire davvero.

Ps: da domani Vittorio Sgarbi si riprende questa prima pagina con la sua storica rubrica giornaliera «Sgarbi quotidiani». Mi tremano i polsi, ma sono certo di potergli dare a nome di tutti voi un sincero bentornato.

Commenti

swiller

Dom, 15/10/2017 - 15:31

Io voterò SI.

faman

Dom, 15/10/2017 - 16:10

io sono emiliano, del PD, forse ex perchè forse alle prossime elezioni non voterò per nessuno, ma sono d'accordo, una volta tanto, col direttore Sallusti, questi due referendum sono importanti, se ce ne fosse uno anche in Emilia voterei SI. Sono anche Europeista convinto, e un nord economicamente forte e autonomo (non mi importa chi governa le varie regioni), può trainare tutto il sistema Italia e renderci enormemente più forti in Europa.

Domenicobisinella

Dom, 15/10/2017 - 16:52

Il vero nodo è che se le regioni trattenessero maggiori tasse sul territorio queste andrebbero con ogni probabilità a gonfiare la macchina regionale e le amministrazioni locali. Quindi, prima di procedere, scrivessero una bella legge dove si chiarisce che i fondi così trattenuti vanno per davvero in investimenti produttivi.

VittorioMar

Dom, 15/10/2017 - 17:16

..EGREGIO DIRETTORE,AUGURO CHE IL REFERENDUM LOMBARDO-VENETO ABBIA TANTO SUCCESSO...MA E' L'ITALIA POLITICA CHE HA GIA' PERSO !!!

Tarantasio

Dom, 15/10/2017 - 17:18

purché i nuovi introiti non vengano dirottati per l'accoglienza...

Carlopi

Dom, 15/10/2017 - 18:14

Ben detto !

maria angela gobbi

Dom, 15/10/2017 - 19:22

Bene tutto,ma per la nota finale, Sgarbi-che potrebbe essere Ministro dell'Istruzione-la deve smettere di insultare le capre paragonandole a persone idiote o ignoranti.Le capre sono animali intelligenti e han la cultura necessaria per cavarsela in luoghi impervi.Userebbe le aquile per insultare qualcuno?

Cheyenne

Dom, 15/10/2017 - 19:39

SE POTESSI VOTARE (SONO SICILIANO) VOTEREI SI

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 15/10/2017 - 21:43

Il problema è che se passa il sistema di decentramento amministrativo, ovvero le Autonomie alle realtà locali avviene che a Roma nun c'è più trippa pe i gatti. Non arriva a quei "valletti" del popolo la risorsa per continuare la bella vita in nome del popolo ... restano in bolletta.

edo1969

Dom, 15/10/2017 - 22:53

Sgarbi è il peggio che esista, solo in Italia diamo spazio a ciarlatani volgari ed ignoranti facendoli passare per dei genii. In un Paese normale Sgarbi sarebbe a scaricare casse di frutta e verdura. Come Fazio, Mamuccari, Signorini e la Vinier. Invece da noi, più sono stupidi, arroganti e antipatici e più si arricchiscono.

Ritratto di gianpaolo.barsi

gianpaolo.barsi

Lun, 16/10/2017 - 01:42

Bergamaschi vs bresciani, interisti vs milanisti, guelfi vs ghibellini, fiorentini vs pisani, lecchesi vs comaschi, fascisti vs comunisti.....molti nemici, molto onore. L'Italia è una repubblica fondata sul livore. Il resto del mondo, invece, è fondato sull'amore. O no?

ghichi54

Lun, 16/10/2017 - 09:20

Caro Direttore, pensa davvero che Sgarbi porti consenso al centro destra? Forse qualche lettore in più, ma anche qualche (?) elettore in meno.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Lun, 16/10/2017 - 10:07

@faman Lei è un emiliano molto, molto disinformato. Nella sua regione il Consiglio Regionale ha già avviato il procedimento con lo Stato italiano per l'ottenimento di maggiore autonomia in materia di lavoro e formazione; imprese, ricerca e sviluppo; sanità e welfare; ambiente e territorio. In pratica la regione Emilia Romagna è già oggi più avanti di Veneto e Lombardia e senza spendere un euro. Forse non è una cosa molto nota ma non c'è alcun obbligo di legge a far passare questo tipo di richieste allo stato centrale attraverso un referendum, basta una delibera regionale (stesso effetto ma spendendo decine di milioni in meno).

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Lun, 16/10/2017 - 10:09

@Cheyenne Se potessi votare, voterei per toglierla l'autonomia alla Sicilia visti i risultati ...

peter46

Lun, 16/10/2017 - 10:47

Direttore Sallusti...aspettare il giorno dopo che il 36%(tanti quanto i catalani)dei lombardo-meridionali e forse il 43% dei veneto-mezzogiorni per informarli che neanche col 50,1%,votanti, 'automaticamente' scatterebbe la tanto 'ripiegata'(secessione, macroregione,autonomia e prox vfc per tutti coloro che 'aspettano' )'autonomia'(che già c'è,avendo Roma,da 70e passa anni,firmato ad ogni arrivo la 'ricevuta di ritorno' della stessa 'pecunia' e spesso maggiorata)proprio no,vero?Questi ci credono agli asini che volano:"Se la locomotiva del Paese(nord)riuscisse a rafforzarsi,ne avrebbe beneficio tuttoilpaese":e lo dice perchè sud 'comprenda'? Anche lei,poi:il Sud è da mo' che l'aveva compreso:dove crede che ndrangheta,mafia,camorra ha investito se non al nord?Il problema che se al Sud non rientrano i relativi interessi dell'investito' col ca...volo che non trascina anche il nord nella .....:a chi ca...volo vende il suo 'pil',il nord,'languendo' i consumi interni (1)segue,forse...

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Lun, 16/10/2017 - 10:51

Se potessi essere fisicamente in Veneto il 22 voterei SI ... a quando il voto per corrispondenza (come si fa in tanti paesi democratici)? Sarebbe un passo importante per sentire le voci di tutti ed espressare un nostro DIRITTO tra tanti doveri.

peter46

Lun, 16/10/2017 - 11:13

Direttore Sallusti...(2)dicevo,senza l'arrivo degl'interessi' sull'investito il sud potrà continuare a fare quei 53miliardi di eu di 'spese' annuali che tengono 'su' le imprese del nord?

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Lun, 16/10/2017 - 11:20

Questo referendum è un gigantesco spot elettorale del costo di oltre 50 milioni di euro pagato dai cittadini! Bastava una delibera del Consiglio Regionale a maggioranza semplice come fatto dall'Emilia Romagna!

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 16/10/2017 - 11:21

---el presidente e peter -hanno spiegato perfettamente la situazione--il referendum è solo propaganda elettorale per i minus destricoli-- un’operazione perfettamente inutile dal punto di vista procedurale e costituzionale -visto che è già tutto normato dall’articolo 116 della Costituzione e commi vari---Emilia Romagna docet---50 milioncini di euri sprecati e tolti dalle tasche degli italioti per la bella faccia di zaia e maroni--sallusti le sa bene ste cose -ma figurati se rende edotti i suoi lettori--questo è il grande limite dei giornalisti militanti---swag ganja

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Lun, 16/10/2017 - 11:54

@ El presidente e @ ElKid , siete in malafede, mentite sapendo di mentire. In passato le regioni hanno tentato per diverse volte la strada della trattativa col governo ma tutte le volte non si è arrivati a nulla. La CORTE COSTITUZIONALE ha dato l'ok ai referendum proprio perché a causa dell'indisponibilità del governo un importante articolo della Costituzione non è stato ancora applicato. Quindi mentite quando dite che sono referendum propagandistici , e ricordo che all'articolista che anche il M5S li ha avvallati in sede di consiglio regionale. BISOGNA ANDARE TUTTI A VOTARE DOMENICA !

Ritratto di Mike0

Mike0

Lun, 16/10/2017 - 12:20

Rispondo ad un paio di punti. A chi parla della spesa voluta da Zaia sul referendum ricordo che lui aveva fortemente voluto l'Election Day in primavera in contemporanea alle politiche proprio per evitare la spesa, ma è stato il governo PD che invece ha voluto diversamente; ora è strano che sia proprio il PD a recriminare! A chi invece dice che maggiori soldi sul territorio non sono automaticamente a disposizione dei servizi ai cittadini ricordo che il Veneto di Zaia viene citato spesso ad esempio per la nazione sulla conduzione della spesa pubblica in vari settori ed è ora proprio il Veneto che chiede autonomia; questo significa far funzionare meglio il sistema Italia. Invece sono altre regioni che andrebbero regolamentate opportunamente a suo esempio!

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Lun, 16/10/2017 - 12:34

Sui 50 milioni di Euro spesi dalla Regione Lombardia , Maroni aveva chiesto ben due volte che il referendum fosse accorpato alle elezioni amministrative ed ad un altra chiamate alle urne ma Renzi per ben due volte ha detto no. Quindi il mancato risparmio è da imputare alla indisponibilità del governo Renzi. L'Emilia Romagna sta facendo un tentativo con il governo come hanno fatto in precedenza Toscana nel 2003, Piemonte nel 2006 ,Lombardia e Veneto nel 2007 che non sono approdati a nulla, vaedremo se e cosa ottiene l'Emilia Romagna.

Ritratto di Loudness

Loudness

Lun, 16/10/2017 - 13:00

Elkid (l'extracomunitario) ed El Presidente... mimì e cocò, Totò e De Filippo, il Gatto e la Volpe...

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 16/10/2017 - 13:04

---mike e max-----lo capisce pure un bambino che un referendum non può essere celebrato nello stesso giorno di altri tipi di votazioni per non alterarne l'affluenza--è vero che trattasi di consultivi però la partecipazione o meno può essere utilizzata per meri fini politici---swag

Mechwarrior

Lun, 16/10/2017 - 13:46

anche io andro' a votare il problema che per quanto voti in italia governeranno sempre i mandarini di stato che amano la palude statale

PEPPINO255

Lun, 16/10/2017 - 16:49

VOTATE "NOOOOOO" !!! M quante Italie vogliamo costruire ?!?

Ritratto di CONTRO68

CONTRO68

Lun, 16/10/2017 - 16:50

più si impegnino per cercare di sembrare alternativi Berlusconi e Renzi piu rende scoperto l'accordo sottointeso che una volta ragranellato il maggior numero di voti uno contro l'altro li utilizzeranno per formare un governo e fare esattamente il contrario di quello che avevano dichiarato in campagna elettorale. Fateci caso Berlusconi dice mai ius soli e l'eco Renziano dichiara che la lotta corpo a corpo sarà con il centro destra...ma se non esiste il centro destra di che ha paura !! è la solita commedia per neutralizzare i 5 stelle.

PEPPINO255

Lun, 16/10/2017 - 16:51

La presenza della 'Ndrangheta nella Regione non ci lascia più molti fondi per le nostre ruberie...!!! E dire che per unire l'Italia in migliaia hanno dato la propria vita... E' la fine, ahimè.

settemillo

Lun, 16/10/2017 - 17:31

ElKid: Come al solito.......VUOTO A PERDERE ! Per favore si legga L' UNITA' e NON rompa piu' i MARONI!

Ritratto di nestore55

nestore55

Lun, 16/10/2017 - 18:14

edo1969 Dom, 15/10/2017 - 22:53...Pensi che nel nostro Paese, accettano e pubblicano persino i suoi commenti. Di che cosa ci dovremmo stupire? A proposito, per favore puó citare qualche sua pubblicazione, recensione, intervento pubblico, mostra, manoscritto, formaggio caffè e bicchierino??? Non ne ha? E allora perchè non si sciaqua la bocca, prima di parlare del dott. Sgarbi???E.A.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Lun, 16/10/2017 - 18:14

Le regioni autonome esistenti purtroppo non han dato di sé un bell'esempio, che so, magari spendendo il denaro pubblico in un modo più assennato del governo e delle amministrazioni centrali per esempio. Vedi, per esempio, Trentino o Sicilia ecc. In alcuni casi hanno agito anche peggio di questi ultimi. E' questa una delle ragioni che mi spinge ad esser contrario a questo tipo d'avventura. E poi l'autonomia non è mai stata una buona cosa, se si vuole in coscienza uno Stato unitario a tutti gli effetti. Ed ha ragione il sig. "VittorioMar" quando dice che "...E' L'ITALIA POLITICA CHE HA GIA' PERSO". Quindi per sanare la situazione in Italia non ci si deve chiudere nel proprio guscio, come in effetti farebbero e fanno le regioni che scelgono l'autonomia o aspirano ad essa, ma lottare insieme per liberarci di uomini che amano avere il... (1 di 2)

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Lun, 16/10/2017 - 18:15

...potere per far male alla nazione derubando, ai cittadini soprattutto, e ricavarne un beneficio d'arricchimento personale solo per se stessi. Questi signori sono da cacciare, se occorre anche a pedate nel sedere, magari con una rivoluzione, piuttosto che trincerarsi in un'autonomia per godere di un soldo in più in una comunità più ristretta. L'autonomia in effetti è un tradire le idealità dei nostri veri padri della patria che han lottato, anche fino all'estremo sacrificio, per l'unità della Patria. (2 di 2)

Ritratto di nestore55

nestore55

Lun, 16/10/2017 - 18:20

Tutto inutile:ai sinistri si fa prima a metterlo in quel posto che mettere loro una nozione in testa. I feticci rossi el kaz e il presidente di se stesso, stanno li a dimostrare i limiti della scienza: se fossimmo preparati adeguatamente, loro non sarebbero qui a sfruculiare i gioielli di famiglia.E.A.

Ritratto di nestore55

nestore55

Lun, 16/10/2017 - 18:21

CONTRO68 Lun, 16/10/2017 - 16:50...I pentasfigati non hanno bisogno di essere neutralizzati: ci riescono benissimo da soli.E.A.

peter46

Lun, 16/10/2017 - 18:31

settemillo...ricorda di 'portarlo dietro 'intatto' il 'vuoto a perdere' che ti restituiscono i soldi,(per la consultazione proprio no)come troverai scritto nel decreto fiscale in arrivo.Certo che se aspettassimo te per saperne di più in tema referendum...campa cavallo.

Ritratto di CONTRO68

CONTRO68

Lun, 16/10/2017 - 19:11

nestore55 non discuto le opinioni per quanto mi riguarda sono tutte rispettabili ma dire siamo alternativi come sostengono Berlusconi e Renzi per poi mettersi d'accordo subito dopo il voto è una truffa ! poi sono d'accordo con Lei che i cinque stelle non saranno la soluzione ma almeno sarà la fine politica del duo Berlusconi Renzi