Aosta, ragazzini adescati online per prostituirsi: tre arresti

Minorenni adescati sul web venivano indotti a prostituirsi ad Aosta, dove la polizia di Stato ha arrestato tre persone

Adescavano minorenni online per rapporti sessuali, dando loro dai 50 ai 200 euro. Così la polizia di Aosta ha arrestato tre persone accusate di induzione e sfruttamento della prostituzione minorile.

Le indagini, iniziate nel 2017, hanno permesso di appurare l'esistenza di una vera e propria rete di prostituzione minorile, attraverso la quale gli arrestati hanno ripetutamente compiuto atti sessuali con giovani minorenni.

Dopo l'adescamento con l'inserzione di annunci online su siti web, seguivano gli incontri in diversi luoghi, anche appartati, nei quali i minori svolgevano le prestazioni sessuali richieste, ricevendo ciascuno un corrispettivo in denaro contante variabile dai 50 ai 200 euro.

Secondo gli inquirenti, le modalità di approccio erano particolarmente allarmanti e hanno portato man mano a creare un'amplissima rete di minori. I ragazzini adescati all'epoca dei fatti avevano circa 14 anni e nessuno di loro presenta situazioni famigliari di disagio.

La forte probabilità di reiterazione delle gravi condotte poste in essere, hanno portato all'emissione delle misure cautelari, con conseguente accompagnamento in carcere dei tre soggetti coinvolti nella vicenda.

Commenti
Ritratto di Suino_per_gli_ospiti

Suino_per_gli_ospiti

Ven, 10/08/2018 - 12:48

Fuori i nomi.

Ritratto di italiota

italiota

Ven, 10/08/2018 - 13:15

nomi, cognomi e fotografie !!!

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Ven, 10/08/2018 - 13:24

Riserveranno lo lo stesso trattamento che stanno riservando a prete pedofilo pescato con una ragazzina di 11 anni. Non faranno nulla e resteranno a piede libero. A proposito di quel prete, Il Giornale non ne parla più?

Popi46

Ven, 10/08/2018 - 15:51

Alla berlina i venditori,giusto, ma gli “acquirenti” non sono forse della stessa risma? E quelli sono intoccabili?