Appalti Expo, indagato il sindaco di Milano Sala

Il sindaco di Milano tra i nuovi nomi nel registro degli indagati Per la Piastra, la gara più rilevante, da 149 milioni

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala è indagato nell'ambito dell'inchiesta portata avanti dalla Porocura di Milano sulla Piastra di Expo, ovvero la costosa infrastruttura realizzata a Rho Pero dalla ditta Mantovani. Di fatto Sala è finito sotto inchiesta dopo la richiesta da parte del sostituto procuratore generale Felice Isnardi di un prolungamento di 6 mesi per le indagini. La Procura di Milano aveva chiesto l'archiviazione a cui però si è opposto il gip Andrea Ghinetti. Gli inquirenti avevano già messo sotto inchiesta gli ex manager Expo Angelo Paris e Antonio Acerbo, l’ex presidente della Mantovani spa Piergiorgio Baita e gli imprenditori Ottaviano ed Erasmo Cinque. Al centro dell'inchiesta l'assegnazione dell'appalto al consorzio capeggiato da Mantovani che si è aggiudicato la commessa, con un ribasso record del 41,80%, a 149 milioni rispetto ai 272 iniziali.

Secondo gli inquirenti, nella fase di assegnazione dell'appalto non vennero rispettate tutte le procedure per completare i lavori in tempo per l'apertura di Expo, l'1 maggio del 2015. L'appalto doveva essere comunque assegnato. Anche a costo di non svolgere, scriveva la Gdf, la necessaria "verifica di congruità" nei confronti dell'impresa vincitrice, Mantovani, determinando "un contesto di evidente illegalità". Sempre la Guardia di Finanza aveva acceso un faro sul ruolo di Sala, allora amministratore delegato di Expo, su quello del responsabile del procedimento, Carlo Chiesa e sull'allota gneral manager Paris. Secondo le fiamme gialle i tre dirigenti non avrebbero tenuto un "comportamento irreprensibile e lineare". Pur "con gradi di responsabilità diversi - chiariva la Gdf - attraverso le loro condotte fattive ed omissive hanno comunque contribuito a concretizzare la strategia volta a danneggiare indebitamente la Mantovani (impresa che vinse l'appalto con un ribasso di oltre il 40%, ndr) per tutelare e garantire, si ritiene, più che la società Expo 2015 Spa il loro personale ruolo all'interno della stessa". E dopo l'iscrizione nel registro degli indagati arriva il commento di Sala: "Apprendo da fonti giornalistiche che sarei iscritto nel registro degli indagati nell'ambito dell'inchiesta sulla piastra Expo. Pur non avendo la benché minima idea delle ipotesi investigative, ho deciso di autosospendermi dalla carica di sindaco, determinazione che formalizzerò domani mattina nelle mani del Prefetto di Milano".

Commenti

Tarantasio

Ven, 16/12/2016 - 00:23

non c'è una legge elettorale, al posto di primo ministro c'è un sostituto, presidente della r. è un facente funzione, e' morta la sinistra e la destra non sta tanto bene, l'esercito importa invasori oriundi, il parlamento è sull'aventino, ora non c'e' più neanche il sindaco di milano... l'unica istituzione rimasta in funzione è Equitalia

un_infiltrato

Ven, 16/12/2016 - 00:28

Mi sembrerebbe d'obbligo un commento del giornalista in pensione Emilio Fede.

magnum357

Ven, 16/12/2016 - 00:40

Ma che bravi i giudici !!! Se lo sapevano da tempo immemore, come mai non gli hanno notificato l'avviso prima delle elezioni amministrative ? A pensare male si fa peccato, ma talvolta ci s'azzecca nehhhh..........

lorenzovan

Ven, 16/12/2016 - 01:06

cioe'...se ho capito bene...sono indagati per aver fatto risparmiare milioni di euros? se e' cosi'...meno male che vivo felicemente all'estero...

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Ven, 16/12/2016 - 01:49

E bravo Sala !! Sospenditi pure. Tanto finirá a tarallucci e vino.

justic2015

Ven, 16/12/2016 - 01:59

AIl signor sala non ha la minima idea di che cosa stanno investicando sul suo conto e` strano poverino si era dimenticato di menzionare al tempo nella sua dichiarazione dei redditi di dichiarare quella piccola casetta vacanze che si e trovato in svizzera va be sara` stata una dimenticanza era il tempo che si doveva fare politica ,milano doveva rifare il sindaco e lui persona onesta si e scritto alla partecipare alla gara,ha vinto con mggioranza e adesso si vuole autosospendere? Se i cittadini di milano lo vogliono posso venire io a fare il sindaco per pari stipendio e carta bianca inclusa.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Ven, 16/12/2016 - 04:18

Autosospenditi pure.Per gli altri pretendete le dimissioni. Voi vi autosospendete. Che non esiste da nessuna parte. O si resta o ci si dimette. Punto.

elpaso21

Ven, 16/12/2016 - 06:47

Che disastro :-(

Ritratto di tomari

Anonimo (non verificato)

Iacobellig

Ven, 16/12/2016 - 07:21

FACCIA TOSTA. SENZA VERGOGNA!

TheSchef

Ven, 16/12/2016 - 07:23

avanti il prossimo.....!

Paul58

Ven, 16/12/2016 - 07:24

il politico piu pulito in Italia ha la rogna

Duka

Ven, 16/12/2016 - 07:34

SOSPENDERSI DALLA CARICA PUBBLICA NON E' UN ATTO EROICO MA SEMPLICEMENTE PARTE DEL SUO DOVERE. Non faccia il Renzi della situazione che ha reclamizzato le sue dimissioni IL RENZI SI E' DIMESSO PERCHE' HA PRESO UNA BATOSTA CHE SI RICORDERA' PER IL RESTO DELLA VITA.

il sorpasso

Ven, 16/12/2016 - 07:49

Ma non era un santo uomo messo a disposizione per controllare i lavori dell'EXPO? Milanesi l'avete votato?

Gasparesesto

Ven, 16/12/2016 - 07:52

Ma . . devo veramente credere . . che il Nuovo Scienziato della Sinistra " Giuliano Pisapia " non sapesse niente di questi Imbrogli ?

Ritratto di CONTRO68

CONTRO68

Ven, 16/12/2016 - 08:10

Questa e la Milano che ha votato si al referendum come da loro rivendicato, quella che si vanta e si mostra alla prima della scala di essere l elit. Complimenti a tutti i milanesi per averli scelti e selezionati avete scelto il meglio tra voi. Buon Natale a tutti ma attenzione alle indigestioni…

rossini

Ven, 16/12/2016 - 08:13

Su questa storia delle autosospensioni è venuto il momento di chiarirsi le idee. Io credo che un amministratore pubblico che si autosospende parta dal presupposto che l’istituzione che amministra (il Comune, la Regione ecc.) sia una COSA SUA, in ordine alla quale può comportarsi da PADRONE e non da servitore. Le possibilità, al contrario, dovrebbero essere solo due: o si rimane, e si continua a fare il lavoro per cui si è stati eletti, o si danno le DIMISSIONI e si va via DEFINITIVAMENTE. Troppo comoda la scelta dell’autosospensione, che non è né carne né pesce. Che consente di conservare la carica, con un piede dentro e l'altro fuori, per rientrare quando si vuole. Quando, cioè, l’interessato decide di averne abbastanza di essersi autosospeso. Invece oggi va di moda l’autosospensione; quest’istituto ipocrita che consente di continuare ad amministrare per interposta persona. Altro che trasparenza e galantomismo!

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Ven, 16/12/2016 - 08:13

A tutti quei pirla, compreso un mio famigliare, che alla domanda "ma perchè hai votato Sala" mi rispose "io voto la persona.." , senza peraltro sapere nulla di chi era Sala, stamattina vi dico : GODO !

dinross

Ven, 16/12/2016 - 08:17

ma va, chi l'avrebbe mai detto, un cosi brav'uomo

roseg

Ven, 16/12/2016 - 08:31

Eccolo di nuovo...con le mani nel vasetto della marmellata.

pensaepoiagisci

Ven, 16/12/2016 - 08:55

che figure..guarda !!!

pensaepoiagisci

Ven, 16/12/2016 - 09:49

ma si...ed anche tutta la tua sinistra..sospendevi ! che avete rovinato milano..con tutta la delinquenza importata !

Knokout

Lun, 19/12/2016 - 10:27

La Mantovani già implicata nel Mose poteva contrattare con la p.a.? E l' appalto irregolare a Farinetti ? Allora aveva ragione il Procuratore agg.Robledo. Infatti è stato cacciato di brutto per lesa maestà al pd !