Appendino, l'ex portavoce indagato per estorsione

La procura di Torino contesterebbe a Luca Pasquaretta, ex portavoce di Chiara Appendino, i reati di estorsione, traffico di influenza illecita e turbativa d'asta

La procura di Torino contesterebbe a Luca Pasquaretta, ex portavoce di Chiara Appendino, i reati di estorsione, traffico di influenza illecita e turbativa d'asta.

Nuovi guai giudiziari dopo le indagini aperte nel gennaio dell'anno scorso. Pasquaretta oggi non è più nello staff del sindaco di Torino, ma lavora in quello del viceministro all'Economia, Laura Castelli.

Secondo quanto scrive l'Adnkronos, i fatti contestati riguarderebbero episodi avvenuti dopo la fine dell'esperienza al Comune di Torino. Oggi intanto sarebbe stato sentito in procura, solo come persona informata sui fatti, l'assessore al Commercio torinese Alberto Sacco.

Commenti

buonaparte

Sab, 02/02/2019 - 12:10

SE FOSSE DEL PD SAREBBE TUTTO ARCHIVIATO PERCHè NON ESISTE IL REATO, E' DEL M5S E PERTANTO SARANNO GUAI.. CHI VUOL COMPIERE REATI DEVE SCEGLIERE IL PARTITO GIUSTO. IERI SERA HO VISTO L'INCHIESTA SU ROSSI DELLA BANCA DI SIENA. FA RABBRIVIDIRE COME HANNO AGITO I GIUDICI A SIENA E NESSUNO SI E' MOSSO DAL CSM E DAL FIGLIO DI BERNARDO MATTARELLA ?

Ritratto di direttoreemilio

direttoreemilio

Sab, 02/02/2019 - 12:25

i reati di estorsione, traffico di influenza illecita e turbativa d'asta, tutti reati che sono di proprietá nel DNA della sinistra e dei berluschini. Come si permette sto portavoce di una grillina di farsi accusare sugli stessi reati di un Dell´Utri, un De luca, Belsito, Verdini Renzi senior, Boschi papa, eh no eh questo non si fá. il patentino spetta ai pidioti e ai berluschini .Punto e basta.