Aprilia, paura all’istituto Rosselli: studente lancia tre molotov

Gli studenti stavano entrando a scuola dopo la campanella quando si è scatenato il panico: il 15enne ha estratto dallo zaino delle molotov, poi lanciate in corridoio e verso le scale. Immediato l’intervento delle forze dell’ordine e dei vigili del fuoco

Paura questa mattina in una scuola superiore di Aprilia (Latina), quando uno studente ha fatto il suo ingresso armato di molotov.

Il fatto è avvenuto nell’Istituto d’Istruzione Superiore “Carlo e Nello Rosselli”, appena dopo il suono della prima campanella. Il 15enne, vestito addirittura in tenuta mimetica, era intenzionato a “muovere guerra” contro la propria scuola, senza curarsi di quali avrebbero potuto essere le conseguenze.

Nascoste all’interno del suo zaino, ben 8 ordigni artigianali pronti all’uso. Il ragazzo è riuscito fortunatamente ad usarne soltanto tre, che sono stati lanciati in corridoio e contro una rampa di scale. In breve si è scatenato il panico, ma i docenti sono riusciti a tenere la situazione sotto controllo, facendo evacuare gli studenti ed allertando i soccorsi.

Sul posto si sono precipitati i vigili del fuoco ed una pattuglia di carabinieri del reparto territoriale di Aprilia. Mentre i primi si occupavano di effettuare un sopralluogo e sedare il principio d’incendio, gli uomini dell’Arma hanno individuato il responsabile, trattenuto dal personale docente. Nello zaino del 15enne sono state rinvenute le 5 molotov rimanenti ed il ragazzo è stato fermato.

Al momento gli inquirenti stanno indagando per cercare di capire quale sia la ragione che ha portato l’adolescente a compiere un simile gesto. Stando alle prime dichiarazioni, pare che il 15enne provasse rancore nei confronti dell’istitito a causa di una bocciatura. Bocciatura che all’inizio si riteneva essere dovuta unicamente ad uno scarso rendimento scolastico, ma che poi si è scoperto nascondere ben altre problematiche. Sembra infatti che il giovane abbia subìto numerosi atti di bullismo e che per tale ragione sia stato costretto a ripetere un anno.

Tutto, in ogni caso, è ancora da chiarire. Le autorità fanno sapere che l’edificio scolastico non ha riportato danni gravi e che nessuno è rimasto ferito.

Commenti

baronemanfredri...

Gio, 20/12/2018 - 19:09

HA FATTO BENISSIMO LEX DURA SED LEX