Arezzo, nasconde droga nel detersivo: arrestato dominicano

Un dominicano è stato arrestato dagli agenti della Polstrada di Arezzo perché scoperto a trasportare in auto un chilo di cocaina purissima. La droga, se immessa sul mercato, avrebbe fruttato ai narcotrafficanti circa 80.000 euro

Un colpo al traffico di sostanze stupefacenti è stato inferto domenica sera dagli agenti della Polizia Stradale di Arezzo che ha arrestato un dominicano e sequestrato droga del valore di circa 80.000 euro.

Gli uomini delle forze dell’ordine, impegnati nel controllo delle principali arterie della Toscana, hanno fermato un’Audi con targa spagnola, noleggiata Barcellona, sul tratto della A/1 vicino Monte San Savino.

Al volante c’era un dominicano di 27 anni che, davanti alla pattuglia, non solo non si è intimorito ma addirittura, con un’aria a dir poco arrogante, ha risposto senza esitazioni ai poliziotti invitandoli, al contempo, a visionare con attenzione tutto quello che aveva nel bagagliaio, tra cui alcune buste contenenti detersivi e altri prodotti per la casa.

Proprio l’atteggiamento provocatorio dello straniero ha insospettito gli agenti che hanno avuto la certezza che qualcosa di losco fosse occultato nella vettura quando hanno notato un fustino di Dixan che sembrava essere stato chiuso in modo raffazzonato.

A quel punto, gli agenti hanno aperto il contenitore rinvenendo, in mezzo alla polvere del comune detersivo, un involucro di cellophane con dentro più di un chilo di droga. La confezione, inoltre, era stata cosparsa anche da un’altra sostanza, risultata poi essere dentifricio, per tentare di sviare il fiuto dei cani antidroga.

Il pacco è stato sequestrato per essere sottoposto ad esami di laboratorio che hanno accertato che il prodotto in questione era cocaina purissima. Ormai con le spalle la muro, l’uomo ha anche consegnato ai poliziotti diverse scatole di un farmaco usato per tagliare lo stupefacente.

Il dominicano, così, è stato arrestato e condotto in carcere ad Arezzo. Gli agenti, inoltre, hanno sequestrato l’auto e la droga che, se immessa sul mercato, avrebbe fruttato ai narcotrafficanti circa 80.000 euro.

Commenti
Ritratto di anticalcio

anticalcio

Mer, 16/01/2019 - 08:23

ah,stavolta un domenicano..si fanno concorrenza con i senegalesi e marrocchini