Arezzo, tornano le baby gang: padre di famiglia pestato da 14enni

Si torna a parlare del terribile fenomeno delle baby gang nella città toscana di San Giovanni: un padre di famiglia ha rimproverato dei ragazzini, che stavano lanciando sassi, e per questo è stato barbaramente pestato di fronte agli occhi della moglie

Un padre di famiglia di San Giovanni Valdarno (Arezzo) è stato accerchiato e brutalmente pestato da un gruppo di ragazzini. Si torna così a parlare del grave fenomeno, sempre più dilagante, delle baby gang.

Il fatto è avvenuto lo scorso martedì sera in via Vetri Vecchi, nelle vicinanze della stazione ferroviaria. La vittima è un uomo di 30 anni, che stava tranquillamente passeggiando con la compagna e la loro bambina di pochi mesi. Ad un tratto, tuttavia, la famiglia è stata presa di mira da un gruppo di adolescenti. Questi ultimi, che si trovavano in un’area verde sopraelevata rispetto alla strada percorsa dalla coppia, hanno cominciato a tirare dei sassi in loro direzione per puro divertimento.

Ovviamente il 30enne li ha redarguiti per il loro comportamento, ma i giovanissimi hanno subito risposto a tono. A questo punto si è originato un alterco, presto sfociato in un autentico scontro fisico impari. L’uomo, infatti, si è ritrovato accerchiato da più di dieci ragazzini, che lo hanno vigliaccamente assalito in branco, accanendosi contro di lui con una furia inaudita. Neppure quando il 30enne è finito a terra il pestaggio si è interrotto: spietati, i piccoli criminali hanno continuato a massacrarlo di colpi, mirando anche alla testa.

Provvidenziale l’intervento di alcuni residenti che, richiamati dal frastuono e dalle grida disperate della compagna dell’uomo, si sono affrettati a contattare le forze dell’ordine. Sul posto si è precipitata una pattuglia dei carabinieri, che ha immediatamente prestato soccorso alla coppia. Gli aggressori, compreso il pericolo, avevano comunque già fatto perdere le loro tracce prima dell’arrivo dei militari.

Il 30enne è stato accompagnato al pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria della Gruccia a Montevarchi (Arezzo), dove ha ricevuto le dovute cure.

Gli inquirenti, adesso, stanno indagando per risalire all’identità degli aggressori. Secondo la testimonianza della vittima, non dovrebbero avere più di 13-14 anni.

Paura e sconcerto fra i cittadini di San Giovanni, dove sempre più spesso si stanno verificando episodi di violenza commessi da giovanissimi.

Lo scorso inverno a far notizia era stato un piccolo gruppo di ragazze appena 14enni che avava preso di mira due coetanee. Le violenze erano state immortalate in alcuni video registrati con dei cellulari, e poi postate sui social network, come se vi fosse qualcosa di cui vantarsi. A inizio 2018, inoltre, le forze dell’ordine avevano scoperto una nutrita attività di spaccio portata avanti da minorenni in prossimità della stazione.