Argentina, dona il fegato al nipote e lascia il calcio: ora è l'idolo dei suoi tifosi

Alejandro Benitez, un giocatore della serie C argentina, ha smesso di giocare a calcio dopo aver donato il fegato al nipotino malato

Un giocatore della serie C argentina è diventato un vero e proprio eroe dopo aver salvato la vita al suo nipotino.

Dopo essere diventato donatore di fegato ha dovuto dire addio al calcio ma questo è stato il gol più bello della sua carriera. Alejandro Benitez ha sempre giocato per la squadra del Central Larroque ma l'applauso che i tifosi gli hanno riservato durante l'ultima partita è stato sicuramente indimenticabile.

"Lulo", così come viene chiamto da tutti, ha 30 anni. Il nipote Milo di nove mesi è il figlio di sua sorella. Quando gli è stata diagnosticata una ostruzione biliare che nessuna terapia riusciva a guarire Alejandro, unica persona compatibile con il piccolo, ha deciso di sottoporsi all'intervento. "Per me la prima cosa era la salvezza di mio nipote e non m’importava nient’altro che mio nipote. Siamo tre fratelli e formiamo una famiglia molto unita", ha raccontato Lulo.

Dopo la donazione i medici l'hanno obbligato a smettere di giocare a calcio. Ma lui risponde: "Quando ho visto Milo sorridere dopo l’operazione è stato il giorno più bello della mia vita: sì, più bello che segnare il gol più importante".

Commenti
Ritratto di makko55

makko55

Sab, 29/07/2017 - 14:02

Persona fantastica. !!!

albero_a_cammes

Sab, 29/07/2017 - 18:34

Bel gesto. Ha barattato qualche hanno (pochi) di lusinghe, dagli spalti, con il sorriso di un'essere, nel quale potra' specchiarsi, per tutta la vita.

alfa2000

Dom, 30/07/2017 - 12:02

B R A V O - B R A V O - B R A V O