Arriva il cimitero verticale: il palazzo dei defunti

A Verona sorgerà un edificio che ospiterà migliaia di defunti

Dopo il Bosco verticale, due torri residenziali di 111 metri sui quali sono presenti 900 specie arboree su quasi 9mila metri quadri di terrazze, arriva pure il "cimitero verticale".

Se il Bosco verticale si trova a Milano, nel quartiere storico di Isola, il Corriere riporta che il cimitero verticale sorgerà a Verona, sull'area di Fondo Frugose (periferia est della città). Questa è la proposta del Comune scaligero che vorrebbe costruire un grattacielo esclusivamente per la sepoltura dei morti. La giunta ha già assegnato il terreno, di oltre 72mila metro quadri, su cui vedrà la luce il cimitero. La società alla quale è stata assegnato il pezzo di terra è la Cielo infinito. L'idea, però, non è nata a Verona. Già tre anni fa Milano, dopo il Bosco, aveva pensato di costruire un cimitero verticale di 34 piani. Il palazzo avrebbe dovuto avere circa 4mila alloggi funebri per una capienza di circa 60mila salme.

I progettisti avevano raccontato che "il progressivo invecchiamento della popolazione, gli spazi disponibili sempre più ridotti, le nuove abitudini e gli attuali stili di vita, rendono necessarie nuove soluzioni per affrontare un tema delicato come il culto dei defunti. Grandi aree da dedicare a spazi cimiteriali possono infatti risultare non solo difficili da reperire ma anche scomode, anti-economiche e poco fruibili da anziani e disabili. Di qui l’idea di realizzare una struttura moderna, semplice e snella nella sua organizzazione a torre, in cui la verticalizzazione sembra incarnare l’idea dell’ascesa verso il cielo e nello stesso tempo costituirebbe la risoluzione al problema della qualità e quantità delle superfici disponibili"La mancanza di spazio, fanno notare il presidente di Icon Consulting Pier Giulio Lanza e l'architetto Riccardo Manfrin, rende necessario trovare nuove idee per sistemare i defunti. E l'idea di sfruttare la superficie che si sviluppa in alto può essere una soluzione. 

Commenti

michele lascaro

Gio, 25/09/2014 - 12:00

In questo modo, con la corsa all'accaparramento dei posti superiori, il tragitto per il Paradiso (facciamo anche per il Purgatorio), sarà più breve.

Albius50

Gio, 25/09/2014 - 14:55

Quando vedo i cimiteri americani con sepoltura fra l'erba dico che sono sinonimo di civiltà; ma l'alternativa deve essere la cremazione con possibilità di spargere le ceneri nei posti di affezione del defunto ciò evita anche spiacevoli problemi per i parenti dei defunti.

eglanthyne

Gio, 25/09/2014 - 15:04

AHAHAHAHAH ben scritto Sig. m.lascaro, cordialità Eglanthyne.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Gio, 25/09/2014 - 15:17

@Albius50. Vero, purtroppo non abbiamo gli spazi degli americani. A me l'idea di un grattacielo di morti non ispira per nulla. Ma tornare alle care, vecchie ed affidabili catacombe no?

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Gio, 25/09/2014 - 15:17

@Albius50. Vero, purtroppo non abbiamo gli spazi degli americani. A me l'idea di un grattacielo di morti non ispira per nulla. Ma tornare alle care, vecchie ed affidabili catacombe no?

Ritratto di gammasan

gammasan

Gio, 25/09/2014 - 16:00

Io ho sempre considerato assurda l'abitudine di mettere da parte i cadaveri. A pensarci bene è assurda veramente: ma chi va a "pregare" sulla tomba di un morto troverebbe qualche differenza se nella tomba non ci fosse niente? Quando ci decideremo a diventare razionali? Lo smaltimento naturale dei cadaveri è solo la cremazione.

gio 42

Gio, 25/09/2014 - 16:29

Buonasera, questa è la mia modesta opinione, ogni defunto ritorni alla Madre Terra da dove siamo venuti, con sopra una piccola Croce nera simbolo della pietà con su scritto solo il nome e cognome, così non si presta a nessuna speculazione o differenza fra gli uomini, li di differenze non ne esistono più. Poi dopo qualche anno il posto si ricicla, le eventuali restanti ossa vanno nell'ossario come hanno sempre fatto i nostri antennati. Oltre ad eliminare le speculazioni e le differenze fra i morti sarebbe anche una questione di salute pubblica. Ma capisco che gli interessi in gioco sono enormi. Buonasera

michele lascaro

Gio, 25/09/2014 - 16:48

Grazie, Eglanthyne, ricambio i saluti. (ma lo sa che vado pazzo per il suo nome?)

Ritratto di stock47

stock47

Gio, 25/09/2014 - 17:18

Una follia. Chi controllerà quello che avviene sui vari piani? Si dimentica che oltre alla gente che va a trovare i propri defunti possono circolare criminali che vanno ad aspettare prede isolate in posti irraggiungibili per la legge. Una mostruosità del genere ha bisogno di continue cure, agli ascensori, alle luci, a chi entra e chi esce dei vivi, perché potrebbe finire che qualcuno rimanga perfino chiuso dentro di notte se non è uscito nei tempi fissati. Sono già un deserto dei tartari cimiteri come quello di Prima Porta a Roma, nonostante che sia ben più a natura d'uomo. Gli antichi romani per lo più i loro defunti li cremavano su apposite pire. La sepoltura è un costume d'importazione del Medio Oriente, dove non esistendo alberi, in molte zone, per fare pire li seppellivano ma li hanno a disposizione zone desertiche immense! Il cristianesimo ci ha fatto importare questo costume altrui. Sarebbe ora che si passasse alla cremazione a tutto spiano, delle ceneri, poi, ne facciano quello che vogliono.

vince50

Gio, 25/09/2014 - 17:59

Se fossimo capaci di intendere e volere,meno egoisti non legati a concetti di millenni fa,i morti con tutto il rispetto dovrebbero essere cremati.Però in nome dell'avidità e dell'egoismo allo stato puro,si è trovato il modo di speculare(senza pietà)anche sui morti.L'anima?chissà,ma il resto finirà al macero prima o poi dopo aver arricchito molta gente.

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 26/09/2014 - 05:20

Ci pensate se qualcuno rimane bloccato dentro un ascensore che si guasta, cosa fa? Chiama qualche morto ad aiutarlo a uscire? Se poi, per disgrazia, gli ascensori si dovessero bloccare mentre la gente è in visita, come farebbero a scendere tutte le persone anziane dall'alto di un grattacielo? Solo per farlo non gli basterà l'intera giornata. Il grattacielo avrà bisogno di guardie, operai per la manutenzione, video camere di sorveglianza,ecc. Questa del grattacielo per i defunti è un idiozia totale.

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Ven, 26/09/2014 - 07:03

ma che bell'idea! suggerisco di edificarla a pianta circolare, come l'Arena, e magari farne sede di concerti e opere con annesso Discount e Centro commerciale....si risparmierebbe sui costi e forse ci si guadanerebbe pure!

Angel59

Ven, 26/09/2014 - 09:02

Con la cremazione si risolvono tutti i problemi per lo smaltimento dei cadaveri. La colpa non è di coloro che costruiscono tombe o grattacieli per i morti ma di quelli che corrono dietro a queste assurdità. Continuamente vedo funerali da faraoni a cui fanno seguito abbuffate consolatorie...quanta ipocrisia, le persone vanno amate e rispettate da vive e non da morte.