Arriva a Roma la marijuana legale

È nato una ventina di giorni fa Joint Grow, il primo rivenditore di "marijuana light" di Roma

È nato una ventina di giorni fa il primo rivenditore di "marijuana light" di Roma. Si trova ai Monti Tiburtini, periferia nord est della Capitale ed è gestito dal 33enne Andrea Glofoni.

Joint Grow è il nome del locale dove si possono comprare semi di marijuana da collezione (non coltivabili), piante da orto e giardino, fertilizzanti, prodotti cosmetici, articoli per fumatori. L’impresa è del tutto legale perché sono in vendita solo confezioni da 8 grammi di 'cannabis leggera', che è un particolare tipo di canapa che, come si legge sul sito d Easy Joi, viene selezionata e recisa a mano per ottenere la massima qualità” e l’essiccazione "avviene in maniera naturale e non è forzata per mantenere il massimo contenuto di oli essenziali”.

Glofoni, intervistato da RomaToday, spiega: "Vendiamo la cannabis industriale che ci fornisce il nostro produttore Easy Joint. Parliamo di un tipo di cannabis sativa industriale con un basso contenuto di Thc, inferiore ai limiti di legge, che la rende assolutamente legale. La legge infatti prevede l'illegalità per la molecola del Thc e non della pianta di cannabis in sé per sé”. “Questo - prosegue Glofoni - è stato sancito da una legge di qualche anno fa che da pochi mesi è stata cambiata. In termini di legge il limite di Thc è stato alzato da 0,2 a 0,6 per cento. Il limite massimo consentito è 0,6, il range dei prodotti che trattiamo come Easy Joint arriva massimo allo 0,091, inferiore allo 0,1 per cento, quindi assolutamente legale. Questa è l'analisi del primo lotto ufficiale, con margine di errore di 0,02".

La cannabis in vendita da Joint Grow presenta percentuali di Cannabinolo e Cannabidiolo. “Il Cbn (cannabinolo) è un narcolettico che – spiega il titolare - potrebbe essere paragonato ad una camomilla o una tisana naturale, mentre il Cbd è famoso per delle proprietà miorilassanti e antinfiammatorie. La particolarità di Easy Joint è che la percentuale del Cbd è del 4 per cento, molto alta come molecola. Cbn e Cbd sono due molecole legali in Italia, senza limiti". Dal 20 maggio ad oggi “abbiamo venduto più di mille scatole e sembra che ci sia interesse da parte della popolazione romana. Di base vendiamo una scatola da 8 grammi netti al prezzo di 17 euro, con un prezzo calmierato stabilto dal produttore, senza aumenti. In tutta Roma siamo gli unici distributori che stanno aumentando gradualmente in tutta Italia". Il Joint Grow non va, però, confuso con i coffeshop olandesi perché Amsterdam la cannabis si può consumare dentro i bar e, diversamente dall’italia, ha livelli più alti di Thc. “Noi non abbiamo somministrazione, siamo simili ad una merceria o una vecchia drogheria", spiega il titolare.

Commenti

il sorpasso

Gio, 08/06/2017 - 10:19

Fantastico di male in peggio!

CHEMONDO

Gio, 08/06/2017 - 10:37

Acqua fresca per elpirl.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 08/06/2017 - 12:33

Negli USA ci sono più di 500 "cannabis shops" di questo tipo,ed anche peggio...(vendono il principio "attivo" in cristalli,da "aggiungere" alle varie bevande....).Stiamo "importando" il peggio del peggio delle "stravaganze"!!!