Tra arte e design c'è anche la beneficenza

di Micaela Farrocco

Al Fuorisalone c'è spazio anche per la solidarietà. 26 artisti contemporanei, emergenti e non, hanno messo all'asta le loro opere nel corso dell'evento "L'arte che aiuta i bambini".

Nell'aula rossa della sede del Sole 24 Ore sono stati venduti 32 pezzi (tutti quelli presenti nel catalogo d'asta più altre sei offerti da Elio Fiorucci) per un totale di 13.500 euro. I fondi saranno interamente devoluti alle due ONLUS milanesi: Abn (Associazione per il bambino nefropatico) e casa Fata (Famiglie temporanea accoglienza), un edificio che ospita bambini allontanati dalle famiglie in seguito ad abusi.

"Un evento molto divertente in cui nulla è rimasto invenduto- ha commentato Ivan Quaroni che si è occupato di mettere insieme i 26 artisti - anche grazie al fatto che gli stessi pittori hanno acquistato le opere dei loro colleghi".

In poco più di due ore dunque le opere di Pastorello, Paolo De Biasi, Norma Picciotto (solo per citarne alcuni), sono entrate nelle case non solo degli addetti ai lavori ma anche di gente comune che stasera avrà nel suo salone un pezzo unico. Un modo inedito questo di pensare all'investimento in opere d'arte, decisamente in linea con “Asta silente di libero mercato”, un'altra iniziativa dell'evento Arte Accessibile che offre a tutti gli espositori la possibilità di vendere, al migliore offerente, una/due opere del loro carnet.