Attacchi a Parigi, la foto dell'ospedale Saint Louis dopo gli attentati

"È una foto che parla da sola". Uno scatto che rappresenta Parigi, i morti e i feriti di Parigi. Pourya Pashootan è un giovane medico, lavora all'ospedale Saint Louis di Parigi e la notte degli attentati si è rimboccato le maniche e si messo al lavoro per salvare decine di vite umane, insieme ai suoi colleghi

"È una foto che parla da sola". Uno scatto che rappresenta Parigi, i morti e i feriti di Parigi. Pourya Pashootan è un giovane medico, lavora all'ospedale Saint Louis di Parigi e la notte degli attentati si è rimboccato le maniche e si messo al lavoro per salvare decine di vite umane, insieme ai suoi colleghi. Ha impiegato pochi brevi istanti per scattare una foto, che subito ha iniziato a circolare in rete; l'immagine mostra la stanza affollata, con i letti vicini, in cui 40 tra dottori, infermieri e anestesisti lavoravano nello stesso momento per lo stesso obiettivo: lenire gli effetti di quella tragedia. Il TIME ha raccontato cosa si nasconde dietro quello scatto.

L'ospedale Saint Louis si trova a pochi minuti di distanza dalle aree attaccate, il locale Carillon, il Bataclan e La Belle Equipe. "Senza nessuna esitazione, ci siamo presentati tutti in ospedale. Quando ho visto quella scena, l'ho trovata bellissima. Ho scattato la foto e mentre tornavo a casa ho pensato che mi sarei pentito a non condividerla con qualcuno", ha raccontato il dottor Pashootan al TIME. "Non credevo che sarebbe diventata virale", ha spiegato sottolineando lo stupore che ha provato, invece, nel vedere le molteplici condivisioni sui social network.

"È una foto che parla da sola, non ha bisogno di didascalie. Non ci sono molte foto di questo tipo. Mostra un'intera squadra di professionisti mobilitati e pronti ad affrontare il lato peggiore degli eventi". "Non è il tipo di scena che siamo abituati a vedere - ha aggiunto -. Sembrava la guerra".

Commenti

elena34

Mar, 17/11/2015 - 23:16

Non sembrava la guerra ma e' la guerra dichiarata a tutto l'occidente .