Auto blu per la famiglia, la consulta respinge ​le dimissioni di Zanon

Per lui vale l'autosospensione. "La Corte costituzionale conferma pieno rispetto e massima fiducia anche nei confronti del giudice"

La Corte costituzionale respinge le dimissioni del giudice Nicolò Zanon, indagato dalla procura di Roma per peculato d'uso. "In attesa che la magistratura concluda l'indagine in corso sul giudice costituzionale Nicolò Zanon per il reato di peculato d'uso, in relazione all'utilizzazione dell'autovettura assegnatagli dalla Corte costituzionale in base al proprio regolamento - si legge in una nota della Consulta - oggi pomeriggio il giudice Zanon ha voluto informare la Corte sui fatti addebitatigli dalla Procura della Repubblica di Roma e spiegare le motivazioni che lo hanno indotto, nella serata di ieri, a presentare al Presidente della Corte le sue dimissioni dall'incarico di giudice, pur nella convinzione dell'insussistenza del reato".

Nella nota si legge anche: "Fermo restando il pieno rispetto e la massima fiducia per il lavoro della magistratura e auspicando una rapida conclusione dell'iter giudiziario, la Corte costituzionale conferma pieno rispetto e massima fiducia anche nei confronti del giudice Zanon. Perciò, pur comprendendo e apprezzando la sensibilità istituzionale dimostrata dal giudice Zanon con le sue dimissioni, motivate con un forte richiamo al rispetto dell'etica pubblica e della funzione ricoperta, la Corte, allo stato della procedura, ritiene di non accoglierle. La Corte prende atto dell'intendimento del giudice Zanon di sospendere, in questa fase, la sua partecipazione ai lavori del collegio".

Commenti

DRAGONI

Mar, 13/03/2018 - 22:24

NON SEMBRA CHE LA SITUAZIONE SIA GESTITA CON LA DOVUTA CORRETTEZZA FORMALE E SOSTANZIALE.

salvatore40

Mar, 13/03/2018 - 22:32

La SENSIBILITA' ISTITUZIONALE ! Ora stiamo in paradiso : come prima,più di prima. Pereat mundus et fiat ...la sensibilità istituzionale.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Mar, 13/03/2018 - 22:37

Se lo avessi fatto io.....apriti cielo.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 13/03/2018 - 22:39

Capitttooo i PARRUCCONI!!!!Cane NON mangia cane, dice un vecchio proverbio!!!Pensierino della sera. Accettare l'ingiustizia e CODARDIA Ghandi.

federik

Mar, 13/03/2018 - 23:04

La consulta è fatta di dipendenti statali come lui e non da professionisti o imprenditori, dipendente non mangia dipendente perché non rischia niente di proprio e quindi non è danneggiato........

magnum357

Mar, 13/03/2018 - 23:19

Corte dei soldi altrui da mandare a casa subito !!!!!!!!

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Mar, 13/03/2018 - 23:23

Ma se non ha i soldi per comprarsi un'auto tutta sua e per di più abita distante dal luogo di lavoro è giusto che gli assegnino un auto : che poi quest'auto sia blu o zebrata non ha importanza : se invece abita vicino , allora là trucco c'è perché può camminare a piedi e invece lui , il furbo , non vuole nemmeno fare 2 passi 2 . Uhm , mi sembra tutto giusto . Correggetemi se sbaglio : mi corrigerete o no ? : rispondete si o no . Yeeeeeeeeeaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh .

GiovannixGiornale

Mar, 13/03/2018 - 23:35

Con quello che costa un Giudice Costituzionale si salverebbe dal fallimento una piccola azienda ogni anno. Se leviamo di mezzo tutta la combriccola una ventina di piccole aziende si salverebbe ogni anno. E in più eviteremmo tutti i danni che fanno.

pisopepe

Mer, 14/03/2018 - 07:12

SI DIVIDONO LA TORTA DA ANNI ALTRO CHE COSTITUNAZIONALISTI APPROFITTATORI!!!

umberto nordio

Mer, 14/03/2018 - 07:18

Privilegiati ,fancazzisti e permalosi!

Duka

Mer, 14/03/2018 - 07:23

E'CHIARO TUTTI FANNO LA STESSA COSA DA DECENNI.

Happy1937

Mer, 14/03/2018 - 08:13

Certo che la Consulta ha respinto. Altrimenti anche le loro consorti dovrebbero fare a meno dell'auto blu con autista e prendere il tram.

Gasparesesto

Mer, 14/03/2018 - 08:14

Mi piace che la Lobby della Consulta che si sia Consultata e ha espresso solidarietà " contro ogni regola di bon ton " a chi fa un uso improprio dei soldi di tutta la Comunità ! Già, come al solito si pone il dilemma . . chi controlla il controllore ?

Ritratto di rebecca

rebecca

Mer, 14/03/2018 - 08:54

mi fa veramente schifo vedere il comportamento di certe persone, godono di PRIVILEGI che il popolo bue neppure immagina, malgrado ciò lucrano su tutto, consapevoli che non saranno mai puniti, perchè come scrive "hernando45" CANE NON MANGIA CANE.

Ritratto di Flex

Flex

Mer, 14/03/2018 - 08:54

Poverino, l'avra fatto a sua insaputa, come accade sempre in certi casi.

mariolino50

Mer, 14/03/2018 - 09:00

federik I dipendenti rischiano e spesso perdono la vita, circa mille all'anno, nella indifferenza degli imprenditori e dello stato, provare per credere, in casa mia è successo, notai, commercialisti, avvocati, non succede.

Trinky

Mer, 14/03/2018 - 09:33

Ennesima dimostrazione del detto CANE NON MANGIA CANE !!! Non mi dite che vi sareste aspettato un comportamento diverso da questi parrucconi? Che il prossimo governo metta mano a questa banda di gente che pretendono di comandare l'Italia!

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 14/03/2018 - 09:35

Orrroreeeeeee,bisogna fare subito una legge che permetta 'uso delle auto blu,fino alla settima generazione e collaterali delle toghe!ACCHHH SOOOO!!!

gpl_srl@yahoo.it

Mer, 14/03/2018 - 09:36

ed hanno sicuramente ragione ! non respingerle significherebbe che eventuali altre indagini, porterebbero ad altre dimissioni e cosa potrebbe succedere se questi poveri giudici dovessero ritrovarsi ridotti a metà soprattutto senza quella maggioranza necessaria a giustificare, di fatto, decisioni in grado criticare e condannare comunque la destra?

Lapecheronza

Mer, 14/03/2018 - 09:37

Suppongo che, per analogia, al prossimo episodio del dipendente pubblico pizzicato a timbrare per il collega assenteista, a quest'ultimo, dopo aver presentato le dimissioni, gli verrano subito rifiutate.

Ritratto di centocinque

centocinque

Mer, 14/03/2018 - 09:42

La casta.......

mariod6

Mer, 14/03/2018 - 10:05

E quando mai un magistrato ne accusa un'altro ??? Non scherziamo.

compitese

Mer, 14/03/2018 - 10:15

Deve essere prassi comune e non si capisce perché ne è stato individuato solo uno.

Emiliotoscana

Mer, 14/03/2018 - 10:19

E' bene che lo difendiate è un patrimonio del paese. Si va in pensione a 67 anni e loro sono sempre lì anche quando il cervello non connette. Anche la signora di sinistra si sente pura?

poli

Mer, 14/03/2018 - 10:24

cane non mangia cane,fra di loro non si tirano le pietre,resta da chiedersi come pure i giudici della corte costituzionale hanno l'auto blu?salvini qui serve la rivoluzione!!!!!!!!!!!!!!

federik

Mer, 14/03/2018 - 11:04

Questi meritano un gettone presenza di 50 euro a seduta e invece, chissà perchè, prendono centinaia di migliaia di euro all'anno di soldi pubblici...vergogna, a casa tutti e galera a questo qua se ha usato privatamente un'auto non sua!!!

Giovanmario

Mer, 14/03/2018 - 11:18

in italia, si sa, più di ogni altra cosa vale la regola "fatta la legge trovato l'inganno" e di questa regola se ne servono tutti.. dagli evasori ed elusori fiscali agli impiegati degli enti locali fino ai parlamentari e, perchè no, ai magistrati della corte costituzionale.. perchè l'articolo testualmente dice: "all'utilizzazione dell'autovettura assegnatagli dalla Corte costituzionale in base al proprio regolamento".. cioè tutti si fanno un proprio regolamento.. non basta che si dica genericamente "l'uso dell'autovettura è destinato al titolare del diritto nell'esercizio delle sue funzioni".. macchè.. ci deve essere un regolamento.. che tra una riga e l'altra, magari dice tutto il contrario..