Autonomia di 56 km in modalità elettrica. Trazione «quattro»

MadridElettrificazione, diversificazione sono le linee guida della nuova strategia Audi che parte da lontano, ma che è stata accelerata dal «dieselgate». Il programma che porterà a una versione e-tron (ibride plug-in o elettriche) per ognuno dei modelli della gamma è comunque già partito con la A3 Sportback e-tron alla quale presto si aggiungerà la Q7 e-tron «quattro» 3.0 Tdi. Il modello, realizzato sulla piattaforma che ha debuttato con l'ultima generazione del grande Suv (oltre 5 metri di lunghezza, 3 di passo), è un perfetto esempio di diversificazione all'interno di una stessa gamma.

La vera innovazione tecnologica si trova sotto un abito leggermente modificato e ha il suo cuore nei motori, endotermico 3 litri V6 da 258 cv, ed elettrico da 94 kW che insieme forniscono una potenza di sistema pari a 373 cv (700 Nm la coppia). Così equipaggiata, la Q7 può percorrere 56 km in modalità elettrica, grazie a un pacchetto di batterie da 17,3 kWh che si ricarica in 2,5 ore attraverso una presa da 400 Volt e in 8 ore da quella di casa. Questa Q7 raggiunge i 225 orari ma, secondo il ciclo combinato europeo specifico delle ibride plug-in , consuma appena 1,7 litri per 100 km (CO2 46 grammi/km). Ricca è la dotazione di sicurezza e infotainment ( virtual cockpit e piattaforma Mmi Plus) che ha un prezzo di 83.700 euro e che arriverà in primavera del prossimo anno. Il cambio Tiptronic a 8 rapporti e la trazione integrale «quattro» contribuiscono a rendere la guida dell'Audi Q7 e-tron un'esperienza molto speciale. Un'autentica chicca tecnologica, un'esclusiva di questa nuova vettura, è la pompa di calore che fornisce il riscaldamento dell'abitacolo utilizzando parte del calore disperso dagli organi meccanici.