Avvocati in piazza, Di Pietro cerca di cavalcare la protesta ma viene respinto

Quasi tremila avvocati hanno raggiunto la Capitale da tutta Italia. Solidarietà da Forza Italia. Contestazioni per l'ex pm di Mani Pulite

Gli avvocati scendono in piazza. Sono arrivati a centinaia da tutta Italia per prendere parte alla marcia per la giustizia organizzata dall'Organismo Unitario dell'Avvocatura, a cui hanno aderito numerose sigle ed associazioni, con l'esclusione delle Camere penali. Particolarmente folte la delegazione degli avvocati campani, presente in testa al corteo con lo striscione dell'ordine degli avvocati di Napoli, che ha sfilato assieme a quello romano. Presenti anche alcune associazioni di impegno civile che si occupano della lotta all'inquinamento nella Terra dei Fuochi. Il corteo si è mosso alle 13 da piazza della Repubblica per dirigersi verso piazza Santi Apostoli, procedendo senza esibire alcuna insegna se non bandiere italiane e fasce di carta tricolori ad imitazione di quelle dei sindaci. La grande maggioranza dei manifestanti, inoltre, ha scelto di sfilare in abiti civili, senza indossare la toga.

Spiega i motivi della protesta il presidente nazionale dell'Oua Nicola Marino: "La giustizia continua a essere umiliata e l'avvocatura è allo stremo. Non è più sopportabile la decretazione d'urgenza, non è più sopportabile avere sentenze emesse dopo anni, non è giustizia, i magistrati dislocati presso i ministeri torinino a fare il loro lavoro. La riduzione del numero dei tribunali - prosegue - ha inciso in maniera enorme sul caos".

"Il ministro uscente della giustizia Annamaria Cancellieri - spiega Nicoletta Giorgi, presidente dei giovani avvocati- nonostante le numerose riforme promulgate ha dovuto prendere atto che il contenzioso pendente e l'arretrato non è diminuito. Se, quindi, in uscita non aumentano i numeri, lo Stato cerca di ridurre quelli in entrata con una serie di strumenti che poco apportano al miglioramento del sistema giustizia: l'aumento di costi per le spese di iscrizione a ruolo delle cause, la previsione di un ulteriore pagamento per avere la motivazione della sentenza, la previsione di una responsabilità solidale del legale per le cause che venissero qualificate come temerarie, interventi sul processo esecutivo poco incisivi. Quella dell'Avvocatura è una protesta per il cittadino." La Giorgi, che con gli altri giovani avvocati ha formato una simbolica catena umana davanti alla Cassazione, ha poi auspicato che il nuovo ministro della Giustizia possa intavolare un dialogo costante con l'Avvocatura, e ha ribadito la disponibilità dei giovani legali al confronto.

A incontrare gli avvocati, in segno di solidarietà, sono giunti anche Giovanni Toti e Renato Brunetta di Forza Italia: il partito ha inoltre reso noto un comunicato in cui si denunciano i problemi e le inefficienze della giustizia. "La manifestazione di protesta degli avvocati, che rientra nell'ambito dell'iniziativa di astensione dalle udienze in corso in questi giorni, è volta a denunciare la giustizia umiliata, evidenziando come senza diritti non possa esserci democrazia. La delegazione di Forza Italia ha ribadito tutta la propria preoccupazione per lo stato della giustizia italiana e, in particolare, per la progressiva contrazione del diritto alla difesa, denunciato dagli avvocati, impegnandosi a proseguire in Parlamento la battaglia per una giustizia che sia finalmente civile ed efficiente", si legge nel comunicato dei parlamentari forzisti.

In piazza Montecitorio si è fatto vedere anche l'ex pm Antonio Di Pietro, che si è presentato per unirsi al presidio degli avvocati, ma ha raccolto solo fischi e contestazioni.

Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 20/02/2014 - 15:46

In Italia ci sono più avvocati che leggi, chissà perchè.

pino48

Gio, 20/02/2014 - 15:57

Di Pietro non coglie occasione per dimostrare di quale specie umana faccia parte: la peggiore! Mai visto una persona di così basso valore.

pino48

Gio, 20/02/2014 - 15:57

Di Pietro non coglie occasione per dimostrare di quale specie umana faccia parte: la peggiore! Mai visto una persona di così basso valore.

Ritratto di echowindy

echowindy

Gio, 20/02/2014 - 16:01

TONINO DI PIETRO DEVE SCEGILERE FRA L'ATTIVITA' DI AGENTE IMMOBILIARE DI SUCCESSO O RITORNARE A FARE IL CONTADINO!!!

angelomaria

Gio, 20/02/2014 - 16:22

DIPIETRO MA DAIIIII!? STATE CCHERZANDOO COME CI ANDRA' AUTO BLU E TUTTI GL'IMMOBILI NEL COFANO DEVESSERE GIGANTESCA!!!!!!!!

Ritratto di navigatore

navigatore

Gio, 20/02/2014 - 16:23

il fagottaro tratorista non as´piu dove attacarsi per salire sul carro di um vincitore, qualunque esso sia, e si che doveva essere um giudice....povera itálica giustizia, resta nei campi almeno fai qualcosa di utile

enricosavorani

Gio, 20/02/2014 - 16:32

la categoria degli avvocati è quella maggiormente rappresentata in parlamento, molte leggi sono funzionali al loro lavoro, basta citare un esempio.solo in Italia per divorziare devi essere necessariamnete assistito da un avvocato. il guaio per loro è che sono 200.000, in alcune provincie del meridione c'è un avvocato ogni 100 abitanti

Triatec

Gio, 20/02/2014 - 16:46

Di Pietro chi? Pensavo non fosse avvocato Alessandro di Pietro, conduttore della trasmissione Occhio alla spesa.

Ritratto di TizianoDaMilano

TizianoDaMilano

Gio, 20/02/2014 - 16:49

@gzorzi: Io non sarei così sicuro.

pittariso

Gio, 20/02/2014 - 17:11

@gzorzi.Si intuisce il suo modo di pensare e capire ma non è colpa sua:è stata la natura.

elalca

Gio, 20/02/2014 - 17:19

@gzorzi: si faccia vedere da qualcuno bravo, su! magari un bravo veterinario, magari sovietico e magari armato......su da bravo, corra!

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Gio, 20/02/2014 - 17:30

Di Pietro la vergogna di una certa giustizia

michele lascaro

Gio, 20/02/2014 - 17:40

Di Pietro, chi la fa l'aspetti!

Ritratto di geode

geode

Gio, 20/02/2014 - 17:45

Le mani "pulite" sono,proprie dei fannulloni; mentre le teste "candide" sono prorie degli inetti. Se poi albergano entrambe, è proprio un vero schifo.

Ritratto di Markos

Markos

Gio, 20/02/2014 - 17:46

in Italia 80.000 avvocati in Francia 30.000

roseg

Gio, 20/02/2014 - 18:14

Ci si doveva mettere in pari con l'europa in fatto di laureati hehehehe e mo manteniamoli.

maurizio50

Gio, 20/02/2014 - 19:08

gzorzi@. In Italia ci sono più avvocati che clienti. E' il frutto delle cosiddette liberalizzazioni volute da quel fenomeno politico che risponde al nome di Bersani che ha portato a 400.000 gli avvocati Italiani , grazie alle porte spalancate anche ai semianalfabeti!! Però il grande Compagno non ha fatto lo stesso con le Farmacie;mi dicono che la moglie del Bersani sia titolare di un paio di farmacie! A pensar male si fa peccato, ma spesso si indovina!!(da Andreotti).

Giampaolo Ferrari

Gio, 20/02/2014 - 20:01

Di PIetro ha infangato l'immagine della magistratura,è tra i ladri più legalizzati,dimostri le proprietà sue e della famiglia da dove sono arrivate... NO lui chiede conto agli altri.Ha messo alla gogna e rovinato tante persone poi assolte con formula piena.Ha fatto in modo che il potere da politico andasse in mano ai funzionari,cosi prima ci poteva essere il politico corrotto ma con le elezioni si poteva lasciare a casa,invece il funzionario resta al suo posto per tutta la vita, quindi o paghi o la casa non la fai,o paghi o la licenza per il tuo lavoro non arriva,o paghi o il fascicolo del tuo pagamento rimane sempre sotto il mucchio.POVERA ITALIA.

Ritratto di monique

monique

Gio, 20/02/2014 - 20:21

gli avvocati in galera lobby delinquente per antonomasia

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 21/02/2014 - 01:25

Il signor Di Pietro non ha ancora capito di essere stato definitivamente squalificato. Da utile idiota della procura di Milano ha compiuto la sua parabola. Lui però non ha ancora capito di essere politicamente morto. SI RIPROPONE E RICEVE LA SUA MERITATA DOSE DI FISCHI.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 21/02/2014 - 06:31

elalca: ho la certezza che lei ci deve essere già passato dal veterinario, uno però poco bravo, visti i risultati. Se vuole gliene indico uno che cura il mio asino.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 21/02/2014 - 08:47

sentire insulti indirizzati a di pietro è qualcosa di impagabile! se ricordiamo che si era fatto amico della sinistra, che ha aiutato il PCI a non finire indagato (o se si, lo ha assolto).... che faccia da galera!! ed hanno fatto bene ad insultarlo!!

angelomaria

Ven, 21/02/2014 - 09:17

corrotti no!!!!

tonipier

Ven, 21/02/2014 - 18:10

" IL DECLINO DEI VALORI DELLA AVVOCATURA" L'avvocatura italiana, anche nelle punte di diamante delle sue componenti, non ha saputo cogliere l'opportunità di risalire la china, di realizzare una rimonta attraverso la riappropriazione della integralità delle sue funzioni e della sua importanza quando la funzione giurisdizionale è state intaccata dalle crepe della evidenza di casi di corruzione che ne hanno scosso la posizione di integrità morale. L'accertamento di occssioni di corruzione avrebbe dovuto costituire per l'avvocatura sollecitazione alla riaffermazione ed alla conclamazione della propria supremazia morale e invece molti ordini forensi, in preda a voluttà adulatoria, hanno preferito ancorarsi al lassismo del " non veder, ne udir, m'è gran ventura".