Al Badrutt's hotel il manager è una bimba

La famiglia Badrutt ha cambiato il volto di St.Moritz. Nel 1856 c'era una piccola pensione, poi Caspar Badrutt, figlio del capostipite Johannes, acquistò un hotel e ne fece il primo Palace. L'intraprendente albergatore senior garantì ai suoi ospiti inglesi - che frequentavano le Alpi solo nella bella stagione - che, se fossero tornati l'inverno successivo, avrebbero avuto sole e divertimento. Badrutt vinse la scommessa: costruì un campo da bocce sul ghiaccio e il primo toboga del mondo, inventando così il turismo alpino invernale. Da allora i turisti continuarono a tornare, negli ultimi 50 anni accolti al Badrutt's Palace dal Resident Manager Angelo Martinelli. Quest'anno l'hotel ricorda la sua storia centenaria, che lo ha visto teatro delle vacanze dell'aristocrazia europea e del jet-set internazionale e introduce il junior general manager. Il direttore e amministratore delegato Hans Wiedemann ha lanciato sul web la sua proposta: arricchire l'offerta per i piccoli ospiti con la consulenza di un giovanissimo manager. Le candidature sono arrivate da tutto il mondo: bimbi tra i 5 e i 12 anni hanno inviato dall'Europa, dall'America, ma anche da Tokio video di 2/3 minuti nei quali hanno messo se stessi e tutta la loro voglia di partecipare a questo gioco importante. Ha vinto Anna Birrer, 9 anni, svizzera di Lucerna. Sentite come, grazie a lei, i bambini si sentiranno ospiti speciali all'hotel. La caccia al tesoro si svolge sulla neve con dolci sorprese e discese mozzafiato sulla slitta, la preparazione della pizza negli antichi spazi della Chesa Veglia, il pigiama party con lancio e decorazione di cuscini nei locali esclusivi del King's Club - la nota discoteca dell'hotel frequentata dai nomi più celebri - e ancora un tuffo in piscina, oltre a piatti gustosi e colorati «a misura di bambino». La stagione si preannuncia frizzante. Verrà anche inaugurato il sesto ristorante Matsuhisa Nobu al mondo, La Coupole.