Bambini affidati all'asilo abusivo della santona indiana tra sporcizia e freddo: blitz dei carabinieri

Blitz dei carabinieri per liberare i piccoli tra i 6 e gli 11 anni che vivevano al freddo e tra lo sporco. Per una retta da oltre 6mila euro

Una retta di 6250 euro l'anno. Famiglie benestanti, tra loro professionisti, giornalisti, registi, cantanti e funzionari delle Nazioni Unite, che avevano deciso di affidare i propri bambini ad una scuola-convitto, totalmente abusiva, ispirata ai principi dello Sahaja Yoga, il metodo della meditazione scoperto dalla "santona" indiana Shri Mataji Nirmala Devi (morta nel 2011). Desideravano che i loro figli fossero educati e crescessero secondo tale filosofia di vita.

Ma un blitz dei carabinieri ha messo fine a quello che doveva essere un luogo perfetto. Nella struttura abusiva di Cabella Ligure, nell'Alessandrino, erano ospitati una sessantina di bambini, tra i 6 e gli 11 anni, provenienti da ogni parte d'Europa, compresa l'Italia. I minori si trovavano in "condizioni di degrado". È quanto sostiene la procura torinese dei minori che dopo l'azione dei carabinieri, ha avviato la procedura di adottabilità.

Ciò che la magistratura contesta non sono solo le mancate autorizzazioni e l'assenza di personale specializzato, ma anche il modo in cui i minori erano costretti a vivere. Il termostato del riscaldamento, infatti, si fermava a 14 gradi e mezzo, diversi bambini avevano le mani screpolate dal freddo. Inoltre nelle camerate e nei corridoi è stata trovata sporcizia.

"Non siamo stati mossi da alcun intento discriminatorio - ha precisato a La Repubblica il procuratore dei minori del Piemonte Annamaria Baldelli - né contestiamo i metodi educativi o gli insegnamenti religiosi che si trasmettono nella comunità. Quello che per noi conta è la totale mancanza di rispetto delle regole che abbiamo riscontrato. Per quanto certi genitori possano aver agito in buona fede, non potevano non accorgersi della situazione di degrado in cui vivevano i bambini".

Commenti
Ritratto di gabriele74-cina

gabriele74-cina

Ven, 03/04/2015 - 10:24

venivano preparati per poter vivere in mezzo all'immondizia in india. Non so perché ma tutto ciò che è legato all'india mi sa di sporco...

ELZEVIRO47

Ven, 03/04/2015 - 10:37

I disastri della religione NEW AGE.

Sonia51

Ven, 03/04/2015 - 10:41

Genitori che pensano e fanno pensare ai loro figli "orientale" senza verifiche e controlli ... ci siamo quasi (all' imbecillità totale).

Ritratto di uccellino44

uccellino44

Ven, 03/04/2015 - 10:44

Certo che i genitori (ricchi) di questi bambini in quanto ad amorevolezza sono imbattibili! Io, nonno e d'accordo con i genitori, prima di affidare il mio nipotino ad un asilo nido ho preteso di visitare la struttura e, soprattutto, la cucina, i servizi igienici ed il dormitorio!!!

Ritratto di ContessaCV

ContessaCV

Ven, 03/04/2015 - 10:45

Genitori incapaci che mettono al mondo dei figli e per non averli fra i piedi li "parcheggiano" dove capita, dimenticandosi magari di verificare se il "parcheggio" è ordinato e curato.Dato che fare un figlio non è obbligatorio mi chiedo perché certe persone, a quanto pare benestanti, mettano al mondo dei bambini per poi chiuderli in un collegio o in una struttura facendone degli infelici.

Ritratto di SAGITT33

SAGITT33

Ven, 03/04/2015 - 11:24

Chiedo semplicemente: quali sono gli Enti preposti ai controlli, cosa fanno, aspettano solo che vi sia ls scoperta e l'intervento dei Carabinieri?

buri

Ven, 03/04/2015 - 11:25

Santona indiana, si dice tutto con quelle due parole, poveri bambini e genitori distratti (definiti così per evitare gli insulti)

grandeoceano

Ven, 03/04/2015 - 11:33

Genitori imbecilli e incapaci, andrebbero denunciati per abbandono di minore.

Sapere Aude

Ven, 03/04/2015 - 11:40

Famiglie benestanti, che da tutta Europa, Italia compresa, mandano bambini dai 6 ai 10 anni per ricevere un’educazione in linea con la “filosofia di vita” di una santona indiana. Diciamola tutta: i genitori più che una filosofia di vita erano occupati a curare la vita propria e considerare i figli un accidente di percorso. Mettiamoci anche il politically correct del magistrato, per di più donna (e che vada al diavolo le sottigliezza dell’insulsa Boldrini) preoccupata più della salute dei virgulti che dell’abbandono dei minori, abbiamo un quadro sul degrado mentale che regna in occidente. E stiamo ancora a discutere sul concetto di famiglia? Qui non c’è più niente da discutere, se non della qualità celebrale di certi benestanti e magistrati da mettere in galera per inadempienza delle funzioni di genitori gli e di applicazione della legge in difesa dei minori l’altra.

martinsvensk

Ven, 03/04/2015 - 11:46

Sono d'accordo. Anch'io associo l'India alla sporcizia, ai cattivi odori delle persone e delle cose, pur non essendoci mai stato. Forse perché molti anni fa a Mosca ho avuto modo di incontrare molti Indiani poco profumati soprattutto mi ricordo dei loro piedi veramente poco odorosi.

Ritratto di Loudness

Loudness

Ven, 03/04/2015 - 12:36

A me quello che fa schifo è questo: "Non siamo stati mossi da alcun intento discriminatorio - ha precisato a La Repubblica il procuratore dei minori del Piemonte Annamaria Baldelli - né contestiamo i metodi educativi o gli insegnamenti religiosi che si trasmettono nella comunità. Il dover sempre precisare che, ogni qualvolta uno straniero commette un reato, non c'è intento discriminatorio a volerlo perseguire. Vivono tutti nel terrore di apparir razzisti.

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 03/04/2015 - 12:39

Sono cultore della filosfia orientale ma devo dire che molti italiani spesso capiscono fischi per fiaschi di tale cultura e si fanno incantare dal primo imbroglione che capita. Tale cultura spesso viene modellata secondo i desideri, convinzioni ideologiche e principi etici di chi l'accetta. Errore grossolano che fiinirà per farli scontrare, prima o poi, con la realtà. In quanto ai santoni indiani ci vivono sugli scemi.

Ritratto di frank.

frank.

Ven, 03/04/2015 - 13:32

Ah, in ultimo, per quelli convinti che i frequentatori fossero tutti indiani maleodoranti e terzomondisti invasori...erano tutti francesi, tedeschi, austriaci, australiani, olandesi, neozelandesi e naturalmente italiani, quasi tutti biondissimi e bianchissimi.

Ritratto di Sergio Sanguineti

Sergio Sanguineti

Ven, 03/04/2015 - 14:44

servizi sociali, tribunale minorile (illegale) sempre presenti addosso per afferrare possibili prede per la loro fiorentissima greppia, dove erano, in questo caso??? Non è che, casualmente, fossero "cointeressati" a queste porcherie che, impune abire, proseguivano camuffate con quelle scemenze filosofiche ma in mezzo a queste schifezze? Ma, ai cosiddetti vip, che passa per la testa? Possibile che, i bimbi, non si lamentassero???

Ritratto di DASMODEL

DASMODEL

Ven, 03/04/2015 - 14:55

@Loudness 12,36 mi ha preceduto, avrei scritto la medesima cosa.

Ritratto di Riky65

Riky65

Ven, 03/04/2015 - 16:24

E.....se non fosse vero quello che stanno raccontando i media incalzati da assistenti sociali e inquirenti ,proviamo a non fermarci davanti alla notizia e indagare la verità...magari scopriremo che il problema non era la condizione dell'asilo ma che non fosse allineato e controllato dalle "istituzioni",il mio è solo un dubbio.Tante volte la verità è diversa da quello che ci vogliono far vedere. Voi non sape quanti bimbi italiani sono "sequestrati" dalle istituzioni rappresentati da assistenti sociali ( che io conosco bene) che fanno tutto il contrario pur di non dare in adozione piccoli a famiglie sane italiane che potrebbero dare amore ed educazione...ma tant'è siamo in Italia!!!!

fedeverità

Ven, 03/04/2015 - 19:09

Arrestate questo essere spregievole!!! E mi raccomando.....LE DEVE ESSERE VIETATO IL NON RITORNO NEL NOSTRO PAESE!!! CHE SCHIFO!

GianniGianni

Ven, 03/04/2015 - 19:12

Vedendo il servizio dei TG di oggi non sembra né sporco né abusivo, anzi

claudio faleri

Ven, 03/04/2015 - 20:00

questa baldelli è una gran ruffiana, si copre le spalle dicendo che non vengono criticati i metodi di insegnamento ma questi ritrovi sono schifezze dove qualcuno fa i soldi

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 04/04/2015 - 00:35

Il culturame rosso continua a mietere vittime soprattutto tra i magistrati. Questa Sabelli ha una CODA DI PAGLIA LUNGA UN CHILOMETRO E TUTTA COLORATA DI ROSSO.

Marcolux

Sab, 04/04/2015 - 01:44

Mi chiedo cosa avessero nella testa gli sciagurati genitori, ai quali dovrebbero togliere i figli. Gente simile non è degna di tenerseli.