L'Acquedotto pugliese lascia a secco lo stadio San Nicola

La società calcistica del Bari non pagava le bollette da un anno e domenica ci sarà nel campo sportivo il concerto di Vasco Rossi

Cosa succede se non si pagano le bollette dell'acqua? Semplice, l'acquedotto chiude i rubinetti. Ed è quello che è accaduto alla società di calcio di serie B, la Fc Bari a cui era intestato il contratto di erogazione di acqua dello stadio San Nicola.

Secondo quanto si legge dalle fonti di stampa, il debito ammonterebbe sei mila euro. La società pare non paghi le bollette da un anno. Così lo stadio è rimasto senza acqua.

Sul caso è infiammata subito la polemica, anche perché domenica 16 Giugno sarà proprio lo stadio San Nicola ad ospitare il tanto atteso concerto di Vasco Rossi nel Sud Italia. E di certo un campo sportivo di quasi 60mila posti non può rimanere a secco.

Ma a placare le polemiche arriva oggi una nota dell'Acquedotto pugliese: "Ridaremo l'acqua allo stadio", ma sottolinea "Nessun trattamento di favore, ci sono le condizioni per poterlo fare".

Intanto ad agitare i sonni della società calcistica di Bari non ci sono solo le bollette, ma pare ci sia un buco in bilancio di 5 milioni di euro e si rischia la bancarotta.

Commenti
Ritratto di Lupodellealpi

Lupodellealpi

Mer, 13/06/2018 - 19:52

Dissetati dall'acqua di Serino. Albaresi.

rossini

Gio, 14/06/2018 - 10:01

Mi pare giusto, giustissimo! Ma come, le squadre di calcio hanno i milioni per pagare stipendi principeschi ai giocatori e non trovano qualche migliaio di euro per pagare l'acqua che consumano a profusione per innaffiare il campo, per le docce e i servizi igienici? Che restino all'asciutto.