Bari, rinviati tremila processi penali per il Palagiustizia inagibile

L'Unione Camere Penali: "denunciamo la gravità delle responsabilità di coloro che hanno consentito il determinarsi dell'attuale situazione"

Sarebbero stati rinviati fino a 3mila processi penali a Bari a causa dei disagi emersi nella "tendopoli" che sostituisce il Palagiustizia dichiarato inagibile meno di un mese fa.

Intanto è scesa in campo anche l'Unione delle camere penali che ha chiesto un incontro al neo-ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, per affrontare la situazione di crisi degli uffici giudiziari del capoluogo pugliese, e manifestare al guardasigilli le esigenze e le proposte degli avvocati baresi. "La gravità della situazione - si legge nella lettera dei penalisti - ci impone di intervenire a tutela degli interessi connessi al corretto ed efficiente esercizio della giurisdizione penale ed alla tutela della dignità della funzione difensiva. Dopo aver pubblicato una delibera con la quale abbiamo denunciato la gravità delle responsabilità di coloro che hanno consentito il determinarsi dell'attuale situazione di collasso, esprimendo solidarietà ai colleghi della camera penale barese, riteniamo che sia nostro dovere chiederle con la massima urgenza un incontro - scrivono ancora i penalisti - non solo al fine di esporre le preoccupazioni in ordine ai drammatici sviluppi della crisi, ma soprattutto al fine di poterle rappresentare le specifiche esigenze e le proposte di tutti i colleghi del capoluogo pugliese, facendoci responsabilmente carico di ogni possibile futura mediazione utile a trovare, in uno spirito di fattiva collaborazione, la soluzione migliore nell'interesse della classe forense e della intera funzione giurisdizionale".

Intanto ieri il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, è stato a Bari ed ha confermato l’intenzione di utilizzate provvisoriamente i due immobili già individuati di via Brigata Regina, sempre nel capoluogo pugliese, e l’ex sede distaccata di Modugno.

Dopo la visita alla tendopoli allestita nel parcheggio del Palagiustizia di via Nazariantz, a Bari, il ministro ha annunciato: "C'è un'urgenza e c'è un'emergenza, valuterò nelle prossime ore se con un decreto legge si può intervenire immediatamente per sospendere i termini dei procedimenti e quindi smantellare la situazione delle tende, perché in questo momento ci sono udienze di rinvio che sono necessarie".

Commenti
Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Sab, 09/06/2018 - 23:05

Ma Emiliano fa il saccopelista?

seccatissimo

Dom, 10/06/2018 - 01:25

Ma si può ? L'Italia ? Un Paese ridicolo !