Da Bayer una nuova soluzione contro il dolore medio-moderato

Per tanti pazienti, l'Aspirina è il rimedio più sicuro cui affidarsi di fronte ai primi disturbi. Difficile che nelle case non ci sia una scatola di queste compresse. È un farmaco che si è evoluto nel tempo e che ora si presenta in un'interessante versione, creata dalla tedesca Bayer, che, sicuramente, incontrerà il favore del pubblico per le sue caratteristiche particolari. La società ha inserito nel prontuario dei farmacisti l'Aspirina Dolore e Infiammazione, la nuova versione dell'Aspirina che sfrutta l'innovativa tecnologia MicroActive (sviluppata dalla stessa Bayer) rendendo il farmaco un rimedio valido contro il dolore medio-moderato e anche acuto come mal di testa, dolori cervicali, dolori muscolari, mal di schiena e disturbi infiammatori. Cos'è cambiato, dunque? L'azione, 6 volte più rapida, consente un più rapido assorbimento del principio attivo (2 volte e mezza più veloce) e una concentrazione tre volte superiore: il tutto, paragonato a una compressa tradizionale da 500 mg.

L'effetto antalgico avviene così in metà tempo, risolvendo i sintomi nelle prime due ore dall'assunzione e offrendo sollievo fino a 6 ore. «È opportuno sottolineare - afferma il dottor Carlo Gargiulo, medico di medicina generale - che l'acido acetilsalicilico, capostipite degli anti-infiammatori non steroidei, ha una buona tollerabilità a livello cardiovascolare, epatico, e renale, superiore rispetto ad altri FANS e una tollerabilità a livello gastrico sicuramente non inferiore. Infine, nei pazienti in prevenzione cardiovascolare con acido acetilsalicilico a basse dosi, l'Aspirina permette di avere un'azione analgesica e anti-infiammatoria senza il rischio di interazioni, che invece si potrebbero manifestare con altri FANS». Studi clinici hanno poi dimostrato come il nuovo prodotto sia efficace nel trattamento a breve periodo senza comportare, con il suo uso, aumenti dei rischi, a esempio, cardiovascolari o renali.

A questo punto, «l'arsenale» del farmacista si arricchisce di un farmaco innovativo. In sostanza, il farmacista che deve aiutare un paziente colpito da emicrania e cefalea di tipo tensivo, può consigliare Aspirina Dolore e Infiammazione come trattamento di prima linea. La nuova Aspirina Dolore e Infiammazione, disponibile in due nuovi formati da 20 e 8 compresse, è completamente rinnovata nell'immagine, presentandosi con una grafica moderna e distintiva, comoda nell'uso grazie al nuovo blister a forma di quadrifoglio, molto pratico, specialmente fuori casa. La dose raccomandata e l'assunzione massima giornaliera del farmaco, specificamente riservato ad adulti e ragazzi di età non inferiore a 16 anni, sono indicate nel foglietto illustrativo (www.aspirina.it) .