Belgio, denuncia di un italiano: "Noi picchiati perché siamo gay"

Un fumettista italiano, Mauro Padovani e il marito Tom Freeman con un post su facebook denunciano di essere stati picchiati in Belgio, a Gand

"Siamo stati picchiati perché omosessuali". Un fumettista italiano, Mauro Padovani e il marito Tom Freeman con un post su facebook denunciano di essere stati picchiati in Belgio, a Gand, solo perché gay. Sul caso sta già indagando la polzia ma di certo il volto pieno di sangue fa pensare che il pestaggio sia stato drammatico. E proprio il fumettista afferma: "È stato brutale". A quanto pare i due sarebbero stati picchiati dai loro vicini di casa con una spranga di ferro. La prima ad aggredire i due sarebbe stata la vicina, poi nella rissa, dopo sputi e insulti, si è inserito il marito. La discussione rapidamente è degenerata.

Padovani e Freeman hanno riportato alcune ferite al volto che hanno reso necessario l'intervento dei medici. "Com’è possibile che succeda una cosa del genere in una bella città come Gand? Amo questa città, ma ora non mi sento più al sicuro - ha affermati Padovani - Il Belgio è un paese gay friendly. Qui abbiamo avuto la possibilità di sposarci ed è una cosa stupenda. Ma la polizia dovrebbe proteggerci. Quando vengono picchiati anche gli omosessuali perdono sangue, proprio come tutti gli altri". A quanto pare la vicina di casa dei due aveva già colpito Freeman in passato e così Padovani aveva già fatto alcuni reclami alla polizia. Evidentemente inascoltati.

Commenti

EmanuelaBs

Dom, 12/08/2018 - 23:27

Almeno questa volta non possono incolpare Salvini. Solidarietà ai due ragazzi comunque

dare 54

Lun, 13/08/2018 - 00:03

Abbiamo ulteriori elementi per credere che siano stati picchiati perché gay? O si tratta solo di una lite di vicinato? Leggo infatti che ci sono stati dei precedenti tra le due famiglie, e che il Paese è comunque gay friendly. Mi piacerebbe conoscere gli sviluppi: la storia dell'uovo nell'occhio docet ....

Ritratto di Professor...Malafede

Professor...Malafede

Lun, 13/08/2018 - 01:59

Ma... cosa facevate a casa vostra? O fuori? Come mai i vicini (se è vero) hanno fatto questo? Rumori molesti? Schiamazzi? Non credo che abbiano la vista a raggi X, forse questi facevano qualcosa che dava fastidio anche ai vicini. Troppo facile dire che siccome siamo omosessuali ci hanno picchiati! Non ci credo!

Ritratto di magicmirror

magicmirror

Lun, 13/08/2018 - 06:52

marco e suo marito tom. l'america li aspetta. ci vadano.

Ritratto di depil

depil

Lun, 13/08/2018 - 07:07

gli omosessuali provate a farlo in casa vostra e non in giro per le città

Ritratto di Situation

Situation

Lun, 13/08/2018 - 07:17

ben fatto

FRATERRA

Lun, 13/08/2018 - 07:23

....insidiavano, il marito...o qualche figlio??????......

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Lun, 13/08/2018 - 07:51

MA QUANTO MI DISPIACE !

Ritratto di antonio corso

antonio corso

Lun, 13/08/2018 - 07:58

propongo una legge che dichiari un crimine gli atti omosessuali. Costoro sono contro le leggi di Dio e della natura, altro che matrimonio.

rudyger

Lun, 13/08/2018 - 08:17

Fumettista italia..... e il MARITO... Voi del GIORNALE state fomentando la cultura sessista utilizzando questa terminologia. Il marito... VERGOGNA !

frapito

Lun, 13/08/2018 - 08:56

Ho sempre consigliato, ai conoscenti gay, di abbassare i toni e la visibilità, perché hanno trasformato "l'orgoglio" in "insolenza", e alla gente non piace. L'insolenza viene ricambiata con altrettanta insolenza, che spesso sfocia in deprecabile violenza.

Totonno58

Lun, 13/08/2018 - 09:01

L'unica consolazione è che quei farabutti, grazie alle leggi contro l'omofobia che vigono in vari paesi europei, si faranno diversi anni di carcere...a proposito, caro min.Fontana, se davvero vuole esercitare i suoi poteri in modo tanto ampio da discutere la Legge Mancino, ecco un es.da seguire...

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Lun, 13/08/2018 - 09:24

@Frapito 08:56 - praticamente lei consiglia ai suoi amici gay di nascondersi, di essere invisibili. A noi etero questa richiesta non viene mai fatta, possiamo esibire tranquillamente l'affettività con i nostri compagni. I suoi "amici gay" invece devono nascondersi, altrimenti diventano "insolenti" e quindi "se la cercano", l'eventuale aggressione, la deprecabile violenza.

Alessio2012

Lun, 13/08/2018 - 09:43

UNA BRUTTA BATOSTA, MA MAGARI POTREBBE AIUTARLI A RAGIONARE CORRETTAMENTE.

miki017

Lun, 13/08/2018 - 12:45

@EmanuelaBs: "ragazzi", li chiama ?? ma, se sono quasi due vecchietti ...... ! e , brutti, fra l'altro !