Bere champagne allontana Alzheimer e demenza

Secondo una ricerca inglese bastano tre calici a settimana per contrastare il declino cognitivo

Chi lo ha detto che bere vino fa male? Secondo una ricerca inglese bere tre calici di champagne alla settimana per contrastare vuoti di memoria e addirittura prevenire demenza e Alzheimer.

Secondo lo studio condotto dal docente di biochimica Jeremy Spencer della Reading University, una dose regolare di bollicine aiuterebbe a rallentare il declino cognitivo, che colpisce moltissime persone in tutto il mondo. A far bene sarebbe l’acido fenolico contenuto nelle uve di Pinot Noir e Pinot Meunier che stimolerebbe la memoria.

La ricerca è stata condotta sui ratti a cui è stato messo dello champagne nel cibo per sei settimane. Gli animali dovevano percorrere un labirinto e il 70% di quelli che avevano bevuto vino ricordavano esattamente l'itinerario da fare. Ora il professor Spencer continuerà lo studio su 60 pensionati, che dovranno bere regolarmente champagna per tre anni.

Commenti

franco@Trier -DE

Mar, 07/05/2013 - 17:13

Come mai sono diminuite le vendite?

gcf48

Mar, 07/05/2013 - 18:02

va bene anche il prosecco?

cgf

Mar, 07/05/2013 - 23:48

da quando hanno abbassato i limiti di alcol per chi guida si beve molto meno, lo sanno molto bene baristi e ristoratori, io stesso mi 'accontento' nella quantità quando vado fuori a mangiare e devo guidare, se devo fare autostrada e cmq dappertutto durante il fine settimana, più facile incappare nei controlli, mi astengo proprio da tutti gli alcolici. Conosco una persona la quale e stata trovata con 0,6 grammi/litro il 29 luglio 2010, se lo avessero fermato 24 ore prima non sarebbe stato classificato ubriaco, la patente gli serve per lavoro, non è stato tanto la sospensione della patente, ma da allora è trattato con delle vessazioni che non augura a nessuno, lo fanno sentire peggio di un pezzente, guai a 'marcare visita'. OK, ma chi veramente commette omicidio colposo è trattato sicuramente meglio, in merito al calo delle vendite.. sono aumentate di molto quelle estere, sopratutto le bollicine italiane hanno superato quelle francesi, il prosecco è molto apprezzato all'estero, cmq se porteranno come si dice il limite a 0,2 possono anche togliere la licenza alcolici ai ristoranti.