Bergamo, picchia e minaccia con un coltello la sua ex: arrestato

A Bergamo, un 23enne spagnolo ha picchiato la sua ex fidanzata, l’ha minacciata con un coltello e l’ha chiusa in casa dopo averle sottratto il telefono. La vittima, in un momento di distrazione dell’aggressore, ha recuperato il cellulare e ha chiesto aiuto alla polizia

Ha prima picchiato la sua ex fidanzata e, poi, in preda ad un raptus l’ha minacciata con un coltello e, infine, l’ha chiusa in casa. Il nuovo episodio di violenza su una donna si è verificato a Bergamo proprio nel giorno della ricorrenza dell’otto marzo.

Il responsabile dell’aggressione, arrestato nella serata di ieri, è C. S. D. A., un 23enne nato in Perù ma cittadino spagnolo risultato essere senza fissa dimora e con precedenti di polizia per rapina aggravata ed altri reati.

Secondo quanto ricostruito dalle forze dell’ordine, il giovane si è presentato presso l’abitazione dell’ex compagna di 19 anni e, dopo essere entrato in casa con una scusa, le ha sottratto con la forza il cellulare per controllare tutti suoi messaggi. Lo straniero, folle di gelosia, voleva assicurarsi che la ragazza non avesse una relazione con un’altra persona.

La donna, però, ha provato a reagire ma il suo tentativo le è costato davvero caro. Il 23enne, infatti, in preda alla rabbia l’ha picchiata e poi l’ha trascinata a terra prendendola per un foulard che la giovane aveva al collo.

Non contento, lo spagnolo si è recato in cucina dove ha preso un coltello di 32 centimetri con cui ha sgozzato due peluche davanti agli occhi terrorizzati della ragazza.

Successivamente, il violento ha rivolto l’arma contro la sua ex minacciandola e colpendola, dalla parte non affilata dell'utensile, alla coscia senza provocarle lesioni.

Infine, lo straniero l’ha chiusa in casa e le ha tolto il cellulare per controllarlo. La giovane è rimasta bloccata nell’abitazione per circa trenta minuti. Quando è riuscita a recuperare il telefono approfittando di un momento di distrazione dell’immigrato, la ragazza ha allertato immediatamente il 112 raccontando quanto le stava accadendo.

Gli agenti di una Volante intervenuti sul posto hanno trovato e soccorso la vittima che era in evidente stato di choc. Condotta in ospedale, la ragazza è stata visitata con dieci giorni di prognosi e ha presentato denuncia.

I poliziotti, contemporaneamente, sono riusciti a fermare l’aggressore mentre tentava la fuga dalle scale. L'uomo, denunciato dalla sua ex fidanzata, è stato arrestato e condotto in carcere in attesa del rito direttissimo.