Una berlina al posto del furgone: l'errore che ha evitato una strage peggiore

La Dernière Heure ha rivelato una particolare choc: i terroristi avevano chiesto un furgone per raggiungere l'aeroporto. Per sbaglio gli è stata dato una semplice auto e non hanno caricato tutto l'esplosivo

Il commando che si è fatto esplodere all'interno dell'aeroporto di Zaventem a Bruxelles, aveva chiesto a noleggio un furgone, ma la compagnia ha frainteso le parole dei terroristi e ha fatto arrivare una berlina.

Ieri mattina, un'incomprensione ha evitato una strage ancora peggiore di quella avvenuta. Gli attentatori, infatti, avevano chiesto a noleggio un furgone per raggiungere l'aeroporto, ma l'assitente della compagnia non ha compreso le parole di uno dei terroristi e il tassista è arrivato con una berlina. Il furgone sarebbe stato più spazioso e avrebbe consentito di trasportare altro materiale esplosivo contenuto nei bagagli.

Un mero errore che però ha impedito agli attentatori di avere a loro disposizione tutto il carico di esplosivo che avevano preprarato. Il particolare choc è stato rivelato da "La Dernière Heure". Secondo la ricostruzione del quotidiano belga, questo errore ha evitato la morte di migliaia di persone. Il raid di questa notte a Schaerbeekhe conferma quanto è stato racconato da "La Dernière Heure": nel covo dei terroristi, infatti, è stato trovato altro materiale esplosivo e una quarta potente bomba. Anche la testimonianza del tassista in merito ai bagagli non caricati sull'auto conferma questa ricostruzione.