Bertolucci contro Marino: "Tra buche e sampietrini Roma umilia i disabili"

Il corto Scarpette rosse è una denuncia contro la Capitale indifferente nei confronti degli handicappati

Trastevere, un distesa di sampietrini. Sulla sedia a rotelle avanza a fatica Bernardo Bertolucci. Al suo fianco incede, traballate, la telecamera. È la vita difficile dei disabili che abitano a Roma. Tutto lo strazio e il disagio è raccolto in un corto che dura un minuti e mezzo. S'intitola Scarpette rosse ed è stato presentato lo scorso anno al Festival di Venezia. Un anno fa l'ha visionato pure il sindaco Ignazio Marino. "Era imbarazzato e mi ha chiesto se conoscessi chi si occupa delle manutenzioni dei sampietrini - racconta il regista a Repubblica - poi è andato via e non si è fatto più sentire".

I numeri sono allarmanti. Nonostante la denuncia di Bertolucci, Roma Capitale non muove un dito. Lungo le rampe di via Garibaldi, per esempio, si contano ben 3.254 sampietrini mancanti, sei buche e venticinque tombini saltati. Per non parlare, poi, dei rattoppi d'asfalto. "Lo scorso anno a Venezia il tema dei supercorti era dove va la cultura - spiega Bertolucci - e io ho voluto ricordare che la cultura finisce tra i sampietrini abbandonati di Trastevere, vergognosamente dissestati, che non si ricordano più di niente". Un dolore, quello del regista de L'ultimo tango a Parigi e Il tè nel deserto, che nasce da lontano. Perché, sebbene abbia a lungo vissuto a Parigi, Roma ce l'ha nel cuore. "Roma è più bella ma la qualità della vita è peggiore - racconta a Giuseppe Cerasa su Repubblica - parlo di me, di tanti come me che vivono in carrozzina. Ma parlo anche di quelle mamme con i bimbi piccoli in braccio costrette a camminare su strade ridotte a vulcani senza speranza".

Alle nozze di Mario Marone, dopo la cerimonia al Campidoglio, i festeggiamenti si sono spostati sulla terrazza Caffarelli. Peccato che non vi siano le rampe d'accesso per i disabili. Sono dovuti intervenire due inservienti. "Mi hanno caricato di peso come un sacco di patate e mi hanno portato su - racconta Bertolucci - non avevo mai subito un'umiliazione simile". Roma è fatta così. Le amministrazioni comunali cambiano colore, ma i problemi restano. "Questa è una città segnata come unfriendly per i portatori di handicap - continua il regista - lo sanno tutti, tranne il Comune. Ma non mi meraviglio, fa parte della nostra cultura, non siamo storicamente attenti al mondo di chi non è autosufficiente, non ci sono leggi di garanzia, noi preferiamo una sorta di manutenzione per i disabili, che è una via d'uscita mediocre".

Commenti
Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 19/09/2014 - 11:43

ENNESIMA DIMOSTRAZIONE CHE DOVE COMANDA UN SINDACO COMUNISTA LA CITTA' E' UNA DISCARICA A CIELO APERTO, GUARDATE MILANO ROMA E NAPOLI, GESTITE DA 3 PERSONE INUTILI E DANNOSE PER LA VITA DELLE PERSONE. ABBIAMO UNA QUALITA' DELLA VITA IN ITALIA CHE FAREBBE SCAPPARE ANCHE I SIRIANI...