Bimbi nel bosco, la madre: "Ho detto di abbracciarsi e sono andata"

Alexia Canestrari racconta la sua versione dei fatti. I pm indagano su quanto accaduto

"Mi sono rifiutata di farmi ricoverare per sei ore, fino a quando non mi hanno detto che i piccoli erano stati trovati".

Alexia Canestrari, la donna ha lasciato due bambini di quattro e cinque anni nei boschi di Monte Livata tra San Silvestro e la notte di Capodanno, ha raccontato alle televisioni la sua versione dei fatti, spiegando le sue ragioni e il perché si è allontanata da loro.

"L'unico modo per salvarli era andare a cercare qualcuno", ha detto la Canestrari, ricordando come quella notte facesse molto freddo, con una temperatura sette gradi sotto lo zero e che la batteria del cellulare era scarica. La donna si sarebbe allontanata, lasciando i bambini sotto un costone di roccia, fino a trovare un carabinieri che ha indirizzato verso i piccoli.

La vicenda non è ancora del tutto chiara. I pm indagano per verificare la versione dei fatti fornita dalla donna e hanno aperto un fascicolo senza indagati né ipotesi di reato. Resta da chiarire tra l'altro perché si sia allontanata con i bambini in una zona pericolosa e se davvero il cellulare fosse scarico.

Commenti

linoalo1

Ven, 03/01/2014 - 11:42

Dovrebbero condannare la madre per 'Manifesta Ignoranza' e rinchiuderla nei Piombi a meditare su quanto ha fatto!Lino.

Ritratto di bet_65

bet_65

Ven, 03/01/2014 - 14:52

Questa mamma ha urgente bisogno di una visita psichiatrica, inoltre probabilmente non era mai entata in un bosco, trascina un bob con sopra i bimbi? percorre 12 chilometri? non bastano 4 ore oltre alla stanchezza che fà? continua? non quadra niente, i magistrati faranno luce su queste assurde giustificazioni, c'è solo da ringraziare il Signore che ha permesso il ritrovamento dei bimbi e questa è l'unica bellissima notizia

Ritratto di Civis

Civis

Ven, 03/01/2014 - 15:13

L'impressione è che questa signora abbia fatto una vita d'appartamento e che stavolta si sia avventurata a fare una passeggiata all'aperto senza rendersi conto che non avrebbe trovato un interruttore vicino ad una porta per accendere la luce all'imbrunire, il timer del riscaldamento da attivare quando comincia a far freddo, i quadri alle pareti, le scale, il il corridorio e le porte delle camere come punti di riferimento per orientarsi. Visto il suo interesse dimostrato per il mondo esterno all'appartamento ed i pericoli connessi, il magistrato dovrebbe ordinarle l'iscrizione almeno biennale ad una organizzazione di girl-scout (si chiamavano "scolte") con esame pratico finale. I due figlioli, nel frattempo, verranno mandati dal padre a frequentare un corso di giovani marmotte per saper poi controllare la madre, che un po' incosciente è probabile che lo resterà.

rinaldo

Ven, 03/01/2014 - 15:37

Non si può credere. Nessuno abbandona due bambini così piccoli di notte al freddo, ma a che ora è uscita di casa scusate, alle 21 forse x andare nel bosco? E' da ricovero urgente!!! Sperava che morissero alla svelta e così la sua storia era commovente.

grandeoceano

Ven, 03/01/2014 - 16:06

Resto dell'idea che questa "madre" li abbia abbandonati apposta perchè morissero ... e magari andare a fare qualche comparsata in televisione a raccontare il suo "dramma". Barbara D'Urso cosa aspetti???