Bimbo di 6 anni abbandonato sul balcone: genitori accusati di torture

Il piccolo, dopo un intervento di emergenza, è stato trasportato in ospedale in stato d'ipotermia e di malnutrizione

Abbandonato sul balcone di casa, al freddo, per 15 ore consecutive, con addosso solo il suo pigiama. È questa la punizione che i genitori di un bimbo di sei anni hanno deciso di dargli dopo averlo sorpreso a prendere del cibo in cucina.

Secondo quanto riporta il Daily Mail, è accaduto a Bruxelles all'inizio della settimana e ancora oggi il bambino, ricoverato in ospedale, versa in condizioni gravissime. Arrestati con l'accusa di sevizie aggravate e torture su minori sia il patrigno, che ha confessato il deprecabile gesto, sia la madre, che invece continua a negare l'accaduto. A divulgare la notizia è stata la procura belga.

I fatti risalgono al 26 dicembre, durante la festa di Santo Stefano, in una casa alla periferia di Bruxelles. Il bambino voleva evidentemente prendere qualche merendina in dispensa senza chiedere il permesso ai grandi. Che invece lo scoprono e gli infliggono una punizione esagerata: passare sul balcone tutto il giorno. Fino a quando intorno alle 20 vengono chiamati i servizi di emergenza. Privo di sensi, il piccolo arriva in ospedale in stato d'ipotermia e di malnutrizione.

Anche la sua gemellina è stata trovata denutrita, con segni di maltrattamenti che erano impressi anche sul corpicino del maschio. La mamma, 31 anni francese, ha negato tutto, il compagno ventunenne d'origine belga invece ha ammesso il folle gesto. "Non mi sono reso conto che le conseguenze potessero essere tanto gravi" ha tentato di giustificarsi.

Commenti

venco

Ven, 30/12/2016 - 15:38

Genitori da ergastolo, subito.