Bmw Serie 3, sesto atto E X1 è più muscolosa

Predappio (Forlì) Le deliziose colline nel cuore della Romagna hanno offerto uno scenario perfetto per la celebrazione del 40° anniversario di Bmw Serie 3 e l'avvento della nuova X1. Serie 3 è uno dei pilastri su cui Bmw ha fondato il suo crescente successo mondiale. In effetti, in 40 anni, è diventata un'icona delle berline e wagon premium di classe dimensionale compatta. Ed ecco ora l'aggiornamento di mezza vita della sesta edizione che, sul piano estetico, riguarda l'adozione dei nuovi gruppi ottici con tecnologia Led che accentuano la finezza del frontale.La classe dell'interno è stata arricchita dall'utilizzo di materiali ancora più raffinati. Sul piano tecnico, fondamentale l'adozione dei nuovi motori a 3, 4 e 6 cilindri della nuova generazione modulare ad altissima efficienza, sia turbodiesel che turbo-iniezione diretta di benzina. In Italia, Bmw Serie 3 (31.500-60.500 euro la berlina, 33.250-62.150 la Touring) vanta un successo straordinario soprattutto nella versione wagon con motorizzazioni turbodiesel, per cui Bmw ha limitato la gamma dei turbo-benzina al sobrio 3 cilindri 1.5 litri da 136 cv della 318i e al potente 6 cilindri 3.0 da 326 cv della 340i. Più ampia la scelta delle proposte turbodiesel, basate primariamente sul 4 cilindri 2.0 litri declinato su una gamma di potenze da 116 a 218 cv. Di grande interesse il 320d Efficient Dynamics da 163 cv in grado di assicurare consumi medi inferiori a 4 litri/100 km, pur fornendo prestazioni di assoluta eccellenza, in abbinamento all'eccellente cambio Steptronic a 8 rapporti. L'assetto dell'autotelaio, inoltre, è stato ulteriormente affinato, per una guida che si è rivelata esaltante sulle curve di quello che una volta era il tracciato della corsa in salita Predappio-Rocca delle Caminate.Sulle stesse strade sinuose abbiamo provato Bmw X1, rinnovata in modo radicale in quanto adotta i nuovi propulsori modulari di 3 e 4 cilindri con disposizione trasversale anteriore, che quindi hanno consentito di sviluppare il Suv compatto in configurazione sia a trazione anteriore sia in quella integrale xDrive. Il motore trasversale ha consentito di ampliare il passo, ma soprattutto di incrementare l'abitabilità nonostante l'ingombro longitudinale si presenti frazionalmente ridotto.Lo stile mantiene i suoi parametri fondamentali e la sua straordinaria personalità, ma acquista in muscolarità. X1 sarà disponibile in Italia con trazione anteriore nelle versioni 18i e 16d 3 cilindri 1.5 litri rispettivamente turbo-benzina e turbodiesel, mentre le versioni 18d e 20d, 4 cilindri 2.0 litri turbodiesel da 150 e 190 cv, sono proposte sia con trazione anteriore S Drive, sia integrale X Drive. Esclusivamente con quest'ultima è equipaggiata la potente X1 25d, 2.0 litri biturbo da ben 231 cv, un motore fenomenale. Il nuovo X1 (30.550-45.900 euro) vanta un comfort e un'abitabilità eccezionali, grazie anche al divanetto posteriore regolabile su una escursione longitudinale di 13 cm. X1, inoltre, si arricchisce di una dotazione estremamente avanzata di sistemi elettronici di ausilio alla guida e alla sicurezza. Il modello è anche dotato di un'ampia capacità di connessione e dispone del l'utile head up display per la lettura diretta, sul parabrezza, dei dati di velocità e regime di rotazione del motore. L'autotelaio ha messo in mostra un assetto impeccabile, agile e perfettamente neutro, anche nella esecuzione a trazione anteriore, a conferma della grande ingegneria di Bmw nel settore.