Boeri attacca sui vitalizi ​I questori: "Ora basta"

Il commento di Tito Boeri, presidente dell'Inps, sul rinvio del taglio dei vitalizi agita e non poco il Parlamento

"Una presa in giro per gli italiani". Il commento di Tito Boeri, presidente dell'Inps, sul rinvio del taglio dei vitalizi agita e non poco il Parlamento. L'attacco duro da parte di Boeri ha suscitato la risposta altrettanto dura dei questori di Montecitorio che hanno chiesto uno stop al presidente dell'istituto nazionale di previdenza sociale "nella sua campagna di delegittimazione". Boeri infatti negli ultimi tempi ha anche accusato la Camera di essere poco trasparente sulle cifre dei vitalizi: "Egregio Presidente - scrivono i tre questori - abbiamo preso atto, negli ultimi giorni, di alcune sue dichiarazioni in ordine ad un’asserita mancanza di trasparenza concernente i contributi previdenziali versati dai singoli parlamentari. Come è stato già chiarito dall’Ufficio Stampa della Camera, i dati riguardanti i contributi versati dai deputati sono da sempre pubblici nel loro complesso essendo registrati in una specifica voce nel Bilancio interno della Camera disponibile sul sito istituzionale. Naturalmente il dato si riferisce al complesso dei versamenti e non alle singole posizioni contributive di ciascun deputato, così come immaginiamo avvenga anche per l’Istituto da lei presieduto - erogatore di trattamenti previdenziali - che non ci risulta pubblichi sul proprio sito istituzionale le posizioni dei singoli soggetti iscritti all’Inps".

"Peraltro - proseguono i questori - la Camera dei deputati non è mai stata destinataria di alcuna richiesta formale di questi dati e l’Ente da lei presieduto non ha competenza istituzionale a conoscere nel dettaglio le singole posizioni contributive dei deputati in carica e di quelli cessati dal mandato. Infatti: i trattamenti previdenziali relativi ai deputati cessati dal mandato sono erogati esclusivamente dalla Camera dei deputati a carico del bilancio di quest’ultima; nessuna prestazione viene erogata a carico dell’Inps nè da alcuna altra istituzione pubblica; le disposizioni che disciplinano i trattamenti medesimi sono dettate dalla normativa, deliberata dall’Ufficio di Presidenza e la relativa applicazione è di competenza dell’Amministrazione della Camera dei deputati; la proposta di legge recentemente approvata dalla Camera in tema di abolizione di vitalizi e nuova disciplina dei trattamenti pensionistici dei membri del Parlamento, non attribuisce alcuna competenza all’Inps. L’unica disposizione ivi contenuta che evocava una competenza di tale istituto è stata soppressa nel corso dell’esame del progetto di legge presso la Camera dei deputati". "Confidiamo, quindi - conclude la nota - che possa chiudersi una polemica su questo tema che non fa altro che alimentare una ingiustificata campagna di delegittimazione dell’Istituzione parlamentare".

Commenti
Ritratto di giangol

giangol

Mer, 02/08/2017 - 20:03

alludeva ai vitalizi dei poveri italiani, cioè i pensionati e futuri pensionati. visto che ormai la pensione dopo 40anni di contributi questa zecca rossa la ritiene un vitalizio siccome dobbiamo mantenere i manzi della savana

guardiano

Mer, 02/08/2017 - 20:21

Non è Boeri che delegittima il parlamento, a delegittimarsi è abbastanza bravo lui stesso.

Klotz1960

Mer, 02/08/2017 - 21:31

Boeri dovrebbe parlare da tecnico, non da politico, e rammentarsi che le leggi le fa il Parlamento. Il Governo dovrebbe invitarlo seccamente ad un contegno adeguato, altrimenti che se ne vada. Non lo rimpuangera' nessuno, lui e la sua arroganza.

Anonimo (non verificato)

m.nanni

Mer, 02/08/2017 - 23:23

cacciare via boeri diventa un imperativo politico. non può istigare il popolo deformando la realtà delle cose.

tirex

Gio, 03/08/2017 - 05:47

"la Camera dei deputati non è mai stata destinataria di alcuna richiesta formale di questi dati" balle! COntro il governo ci sono centinaia di denunce che vogliono sapere anche quello