La Boldrini ora ci impone l'Europa in Costituzione

Per Boldrini, si potrebbe anche integrare "l’articolo 12 della nostra Costituzione, dedicato alla bandiera della Repubblica, con la menzione di quella europea e magari di citare nello stesso articolo l’Inno di Mameli insieme all’Inno alla Gioia di Beethoven"

"Un programma straordinario di educazione civica sull’Europa per gli studenti e l’approvazione della legge sulla cittadinanza, e cioè dei nuovi criteri attraverso i quali si può diventare cittadini della Repubblica italiana": sono le proposte lanciate dalla presidente della Camera, Laura Boldrini, nel suo intervento al teatro Valli di Reggio Emilia in occasione del 219esimo anniversario della nascita del Primo tricolore per il 70esimo anniversario, che cade quest’anno, della Repubblica italiana. "Sarebbe un messaggio di grande importanza - ha spiegato Boldrini - è l’Italia che diventa sempre più europea e che dà riconoscimento ai nuovi cittadini che saranno anch’essi protagonisti del suo futuro, che porteranno avanti la storia di una nazione che si riconosce nel Tricolore come simbolo di pace, di fratellanza e di libertà".

Per Boldrini, si potrebbe anche integrare "l’articolo 12 della nostra Costituzione, dedicato alla bandiera della Repubblica, con la menzione di quella europea e magari di citare nello stesso articolo l’Inno di Mameli insieme all’Inno alla Gioia di Beethoven". "Sarebbe il riconoscimento - ha detto ancora Boldrini - del fatto che il percorso costituente in senso federalista europeo fa parte del Dna della nostra storia unitaria e che questo rappresenta la sola garanzia di progresso della nostra società». Poco prima, intervenendo nella Sala del Tricolore dove si è tenuta la cerimonia di consegna della Costituzione italiana agli studenti delle scuole reggiane, Boldrini aveva invitato a «non delegare la cura della Repubblica perchè è un valore". Agli studenti, la presidente della Camera ha ricordato che non devono dare per scontato che "la democrazia è per sempre, e che si mantiene automaticamente". Ognuno dedichi un’ora al giorno del suo tempo per questo, ha invitato. "La democrazia - ha concluso - deve essere tutelata da ciascuno di noi, staremmo tutti meglio".

Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 07/01/2016 - 15:43

Proprio lei parla di DEMOCRAZIA? Peggio di così. .....

petra

Gio, 07/01/2016 - 16:07

Aspetta ministra, qualche anno ancora e l'Europa non esisterà piu'.

Ritratto di Flex

Flex

Gio, 07/01/2016 - 16:15

Non pensate sia il caso d'imporre alla Boldrini di andarsene.

venco

Gio, 07/01/2016 - 16:19

La Boldrini l'hanno messa quelli del Pd e nessuno l'aveva votata.

silvano45

Gio, 07/01/2016 - 16:23

vorrei fare una domanda ...ma chi cavolo è questo ET.? è una statista riconosciuta per il suo lavoro per il paese negli anni? è una costituzionalista?è una persona che si è sacrificata in africa asia con i poveri per i poveri? é un leader riconosciuto nel mondo? NO è solo una ex carrierista Onu che si è montata la testa occupando un posto per cui non è all'altezza e quindi vive tra lussi e sprechi tipici della casta quindi un assoluto "nessuno"

tonipier

Gio, 07/01/2016 - 16:33

" ODIO, DETESTO LA DEMOCRAZIA PIU' DELLA PESTA, PIU' DEL CANCRO". La democrazia politica ha procurato all'Italia più danno di venti guerre perdute, ha dileggiato e distrutto i più grandi ideali e valori autoctoni, ha conculcato l'istinto della etnicità, della coesione nazionale, ha infiacchito le energie morali del popolo, ha accostato gli Italiani alla concezione dell'illecito quasi come forma di vita, alla pratica del consumismo come fine della esistenza umana.

Ritratto di ohm

ohm

Gio, 07/01/2016 - 16:35

Ma percè parla sempre a sproposito?

eloi

Gio, 07/01/2016 - 17:13

Boldrini L'Italia sia sempre più Europea. Così vai predicando. Però non ti sei accorta che è sempre meno Italiana. Fatti cittadina del Senegal.

Luigi Farinelli

Gio, 07/01/2016 - 17:16

Dall'articolo: "..è l’Italia che diventa sempre più europea... nuovi cittadini che saranno anch’essi protagonisti del suo futuro, che porteranno avanti la storia di una nazione che si riconosce nel Tricolore come simbolo di pace, di fratellanza e di libertà". La Boldrini non vuole fare mente locale ed ammettere che, accanto ai certamente presenti musulmani moderati e non teste calde, ce ne sono di altri che non vedono l'ora di mettere le mani nel negozio di cristalleria che è l'Italia per sfasciare tutto. Si immagina la Boldrini uno di questi che, cresciuto in un Paese come l'Arabia, dove nei pur lussuosi negozi di abbigliamento i manichini sono privi di testa essendo proibite raffigurazioni umane, sia libero di fare ciò che vuole del David (con la testa, nudo e per giunta esposto al pubblico) o nella Cappella Sistina?

vince50_19

Gio, 07/01/2016 - 17:23

Dopo aver letto queste proposte di donna Prassede, le dedico di cuore la sinfonia n. 3 di Beethoven. Si, perché lei è eroica quando fa queste proposte. Eroicamente e ideologicamente inutile, come il giallo nel semaforo a Napoli..

epc

Gio, 07/01/2016 - 17:31

"Non delegare la cura della Repubblica"? Lo vada a dire al suo complice Napolitano, che ha detto che bisogna cedere sempre più sovranità. Sinisti, fate pace con il cervello!!

epc

Gio, 07/01/2016 - 17:32

"Non delegare la cura della Repubblica"? Lo vada a dire al suo complice Napolitano, che ha detto che bisogna cedere sempre più sovranità. Sinisti, fate pace con il cervello!!!!!