Bologna, il don nonno diventato prete a 71 anni

Don Giuseppe ha un figlio e tre nipoti. È diventato prete dopo essere rimasto vedovo

Vive a Bologna da ormai 50 anni, padre di un o chef, nonno di tre nipoti e un sogno nel cuore. Ha 71 anni e il suo nome è Giuseppe. O forse sarebbe più giusto chiamarlo don Giuseppe. Sì, perché il 71enne, da 5 anni, è diacono e presto sarà nominato presbitero.

Nonno Giuseppe ha iniziato il suo percorso vocazionale cinque anni fa. Ma prima di entrare in seminario l'uomo era sposato, con un figlio e tre nipoti. Poi, nel 2008 è rimasto vedovo e successivamente ha deciso di inseguire la sua vocazione. Un desiderio che aveva da tempo, anche durante gli anni condivisi con la moglie, che lui stesso definisce giorni felici. E lei, la sua compagna di vita, era a conoscenza del desiderio di Giuseppe, tanto che in punto di morte gli aveva dato la sua benedizione ad intraprendere il percorso vocazionale. "Oggi sarebbe felice- racconta il 71enne a Tgcom24- sapeva che ci tenevo".

Nel 2013, Giuseppe è diventato diacono permanente, ministero aperto anche agli uomini sposati, e ora sarà nominato presbitero, diventerà cioè prete. Il don nonno è già pronto a celebrare la sua prima messa, per assistere alla quale arriveranno il figlio e i suoi tre nipoti, che ora vivono a New York: "Non sarà una celebrazione eucaristica come le altre, sono emoziono al sol pensiero".

Commenti

Franz Canadese

Mar, 11/09/2018 - 12:43

che bella storia; auguri, Don Giuseppe. Le vie del Signore sono infinite.

epc

Mar, 11/09/2018 - 18:49

Una vocazione tardiva secondo me è segno di una vocazione sincera. Auguri, Don Giuseppe!