A Bologna filo spinato all'università. Nuovi attacchi contro Panebianco

Il professore contestato dai collettivi, che gli danno del "guerrafondaio"

Il professor Angelo Panebianco esce dall'ingresso principale della Procura di Bologna

Una serie di editoriali sul Corriere della Sera non erano andati giù agli attivisti dei collettivi universitari bolognesi, che già a fine febbraio avevano interrotto una lezione tenuta dal professor Angelo Panebianco, accusandolo di essere un "guerrafondaio" per le opinioni espresse nel suo spazio sul quotidiano di via Solferino.

Una protesta che non si è fermata ed è continuata oggi, con i membri di "Assemblea Scienze politiche", gruppo vicino al collettivo Hobo, che hanno allestito una finta trincea, con filo spinato e sacchi di sabbia, lamentando quella che definiscono una militarizzazione dell'ateneo bolognese.

Dopo gli attacchi subiti Panebianco insegna ora sotto tutela, con alcuni agenti in borghese fuori dalle aule della facoltà di Scienze politiche. Oggi gli attivisti hanno allestito un finto posto di blocco nel cortile in Strada maggiore, accusando una "casta accademica complice" e la presenza di "decine di agenti" in UniBo.

I sacchi di sabbia, fatti spostare dalla vicepresidente della Scuola di Scienze politiche, Pina Lalli, sono stati poi tolti dopo qualche tempo dagli stessi studenti contestatori.

Commenti

LANZI MAURIZIO ...

Lun, 07/03/2016 - 16:26

QUESTI ATTIVISTI SONO L'IMMONDIZIA CHE SPORCA GLI ATENEI ITALIANI.

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Lun, 07/03/2016 - 16:43

Sembra di essere tornati indietro di circa cinquant'anni. Questi fatti sono inaccettabili. Perché i più facinorosi non vengono allontanati dall'ateneo e perseguiti penalmente?

Ritratto di tomari

tomari

Lun, 07/03/2016 - 16:54

Laureandi in "scienze politiche", sai che laurea! Servirà,forse,per pulirsi il...e qui mi fermo.

tormalinaner

Lun, 07/03/2016 - 16:56

La sinistra non cambia mai, totalitaria, fascista e intollerante con chi non è d'accordo.Oramai sono diventati fenomeni da baraccone, da riserva indiana e non se ne sono accorti, poveretti!

ELZEVIRO47

Lun, 07/03/2016 - 17:00

..filo spinato all'università. Le stesse buffonate viste negli anni dal '68 in poi. A quanto pare, i padri dagli eschimo da battaglia hanno perpetrato una specie di minus habens costruiti a loro immagine e somiglianza.

gustavodatri@vi...

Lun, 07/03/2016 - 17:09

QUESTA SPECIE MERDOSA DI STUDENTI PENSASSERO A STUDIARE E NON CONTESTAZIONI INUTILI.

eloi

Lun, 07/03/2016 - 17:25

Jiusmel perchè perseguirli penalmente. Non si possono perseguire i membri dei centri sociali. E' previsto dalla costituzione Loro si sentono i partigiani del dopo, dopo, dopo guerra. Gli eroi della democrazia. Perchè non istituire la giornata dei centri sociali.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Lun, 07/03/2016 - 17:29

Anno 1968. Vestivo una divisa grigioverde ed ero un servitore dello stato. Ogni giorno ero in prima linea contro questi delinquenti fancazzisti. Statale, Cattolica, Politecnico. Ore ed ore in servizio, senza cambio, senza pranzo, senza cena. Solo qualche caffé preso in gran fretta e qualche brioss. Non molte perché i soldi erano pochi. Ora, a 50 anni di distanza sempre gli stessi, con la stessa ideologia, la stessa prepotenza, la stessa arroganza, le stesse menzogne, stanno dettando legge. Il comunismo e le ramaglie ad esso collegate sono state la totale rovina dell'Italia. Dovranno passare generazioni prima che vengano corretti tutti i danni provocati.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Lun, 07/03/2016 - 17:33

Mi chiedo, ma il collettivo giorna...lai del Currierun, che dice??? Sempre pronto a posizionarsi sulla riva sinistra del rio, difenderá ancora questi disgraziati e miserabili cialtroni. Se non lo facesse, parimenti si trasformerbbe in una congrega di miserabili cialtroni.

roseg

Lun, 07/03/2016 - 17:37

Pensate un pò questo è quello che uscirà dagli atenei ahahahah la futura classe dirigente...AAAAh annamo bene...proprio bbene..

carpa1

Lun, 07/03/2016 - 18:26

E ci dobbiamo pure subire le prediche di tali PDR, vari ministri e persino il Papa, per non parlare del matusa dittatore che per 10 anni ci ha rotto le palle con i giovani che sono il futuro del paese! Ma quale paese? Ma quali giovani? Questo è ormai un cumulo di macerie dove impera la prepotenza più becera organizzata ed alimentata da certa magistratura che, in questo letame, ci sguazza e di cui si alimenta, limitandosi a considerarli solo contestatori senza mai intervenire per darvi un taglio definitivo. Loro si occupano solo dei fascisti, facendo finta di non accorgersi che i veri fascisti sono proprio questi individui dementi.

Tuthankamon

Lun, 07/03/2016 - 18:31

Ho pensato per molto tempo che l'università di Bologna fosse, se non altro per tradizione (la più antica Università di cui ...), un punto di riferimento nel panorama dello studio in Italia. Purtroppo per varie vicende personali e di altri, ho scoperto che è diventato un "nido" del peggiore "politicamente corretto" e di personaggi spregevoli degno delle amministrazioni locali. Senza nulla togliere a chi fa bene il suo lavoro e ce ne sono! Non aggiungo altro se non che questa è la punta dell'iceberg e che stanno aggiungendo la loro "perla" alla collana iniziata a Roma con Benedetto XVI. Che vergogna!

Edmond Dantes

Lun, 07/03/2016 - 18:42

Grazie al 68 le università italiane, ed in particolare facoltà come Scienze Politiche dove una laurea non si nega a nessuno, sono diventate il parcheggio per gli imbecilli di sinistra che, in quanto elettori degli imbecilli della loro stessa specie, sono ormai una categoria protetta. Il 68 che voleva la fantasia al potere ha ripiegato su quello che a sinistra non si sono fatti mai mancare: l' imbecillita'.

Ritratto di Farusman

Farusman

Lun, 07/03/2016 - 18:54

Scienze Politiche: facoltà inutile per parolai nulla studianti che prepara (si fa per dire) politicanti sinistroidi nullafacenti e pieni di pretese del tipo: ho studiato (?) e pretendo un posto pubblico adeguato al mio titolo e pagato dalla collettività.

Ritratto di Grisostomo

Grisostomo

Lun, 07/03/2016 - 18:58

Ergastolo a tutti. E poi tante legnate.

antiom

Lun, 07/03/2016 - 19:04

Eh pensare che, seppur con una certa moderazione, il Corriere per volontà della Crespi, sotto la direzione di Ottone ha svoltato a sinistra, fino a diventare, per molti versi, una fotocopia del giornale partito Repubblica, che è tuttora preferito dai trinariciuti di sinistra. A me la fine del Corriere, da giornale della borghesia lombarda a duplicato di carta straccia, mi ha veramente addolorato. Ottimoabbondante: da come stanno le cose, con la complicazione che ne deriva dal buonismo verso gli extracomunitari, mi sa che ai guai generati dal comunismo non c'è rimedio! Spero di sbagliarmi per il bene dei nostri figli e nipoti.

Ritratto di Chichi

Chichi

Lun, 07/03/2016 - 19:17

Fa senso sentir parlare di guerrafondai gente che, fin dal 68, manda avanti la propria guerra civile privata contro il resto degli italiani. Com’era il detto del bue e dell’asino? Qui i «bovi» sono molti però. Visto che negli atenei sono sempre impegnati a fare assemblee, manifestazioni e a zittire chi non la pensa come loro, una delle due: ho sono studenti vita natural durante, o per loro vige ancora la laurea collettiva.«prassi socialmente accettata»?

Ritratto di acroby

acroby

Lun, 07/03/2016 - 19:17

Fascisti rossi. Perchè non li arrestano per interruzione di servizio publico? So che sarà difficile che una toga rossa incrimimi dei komunistoidi. Che schifo.

Ritratto di rapax

rapax

Lun, 07/03/2016 - 19:29

ma è possibile che nel 2016!!! dopo 27 ANNI dalla caduta del muro di Berlino, dopo 70 dalla fine della guerra, 47 ANNI DAL 68! questa spazzatura ammorba ancora gli Atenei?? fancazzisti utili idioti della sinistra, che nascono come spore, o bacelli..dalla m..rda concimante del passato?

ziobeppe1951

Lun, 07/03/2016 - 19:31

Già....filo spinato come ai bei tempi della DDR

il nazionalista

Lun, 07/03/2016 - 19:43

Sono passati quasi 50 anni dal 68 e nelle Università poco è cambiato! La differenza POSITIVA è che, adesso, le ' guardie rosse ' sono una percentuale irrisoria degli studenti. Però possono imporre la loro legge squadristica negli atenei. Come allora considerano le università loro proprietà privata e chi vi insegna o vi studia deve avere il loro placet per farlo. Soprattutto CHI rappresenta lo Stato, oggi come allora, lascia a questi delinquenti(che siano ' politici ' non vuol dire niente) carta bianca: nel 68 e dintorni i governi dc, adesso la sinistra, che è sangue dello stesso sangue LORO!! E' cambiato radicalmente, invece, l' atteggiamento verso di essi della magistratura: allora puniva gli squadristi rossi, oggi li ha eletti a soggetti ' impunibili e irresponsabili '; proprio come i magistrati stessi!!!

manente

Lun, 07/03/2016 - 20:12

Panebianco, docente all’Ateneo di Bologna ma più noto come editorialista del Corriere, durante una delle sue lezioni è stato interrotto da un gruppo di studenti che lo hanno accusato di essere un guerrafondaio. Il mondo accademico ed i gazzettieri di sinistra, sono scesi in campo evocando “fantasmi eversivi” dietro alla contestazione di ragazzi che hanno osato dire la verità e non hanno voluto ascoltare oltre un personaggio che gode di tutte le tribune che la finanza sovranazionale concede ai suoi servi. In tanto buio delle menti e dei cuori, deve confortarci la ribellione degli studenti bolognesi che non sono stati sull’attenti davanti ad un cantore delle “guerre umanitarie” e forse sarà grazie a persone come loro, in prima linea nella guerra condotta dalle lobby contro la democrazia, il lavoro e l’umanità, se abbiamo la speranza di salvarci, se non dalle bombe, almeno dalla vergogna!

beale

Lun, 07/03/2016 - 20:13

ancora con i collettivi? Bologna non riesce a liberarsi da questi ruderi comunisti

Una-mattina-mi-...

Lun, 07/03/2016 - 20:40

BAMBOCCIONI ALLA RISCOSSA, BANDIERA ROSSA

roberto.morici

Lun, 07/03/2016 - 20:45

Il massimo della democrazia...In stile fascista rosso o comunista nero, che sarebbe poi la stessa identica cosa.

roberto.morici

Lun, 07/03/2016 - 21:18

In 15 anni, scarsi, dal 1974 a 1988, i fascisti rossi hanno eseguito circa 85 condanne a morte. Durante il ventennale regime dei comunisti neri sono state eseguite 31 delle quasi 60 condanne a morte comminate dai Tribunali Speciali. Può sembrare strano ma i moderni imbecilli si stanno dimostrando più efficienti di quelli ante guerra. Ma non c'è nessun motivo per esserne contenti...

manente

Lun, 07/03/2016 - 21:42

Penebianco è la espressione plastica della “sottocultura di sinistra” che si è infiltrata nelle Università italiane sull’onda della contestazione anti-sistema sponsorizzata dal Pc-Pds, arrivando poi a diventare la negazione stessa di ogni cultura che rappresenta il “pensiero unico politicamente corretto” targato Pd. Il fatto che questi "campioni di democrazia" da sempre al servizio della lobby della finanza anglo-sionista, vengano per una volta ripagati dagli studenti di Bologna con la stessa moneta da essi abitualmente usata contro esponenti della cultura e della politica italiana non allineati al pensiero unico mondialista, mette a nudo la incredibile ipocrisia e la miserabile pochezza di questi personaggi e di quello che rappresentano.

Algenor

Lun, 07/03/2016 - 23:17

Manente, non viene contestato a questi studenti di non essere d'accordo con Panebianco ma di utilizzare metodi squadristici per zittirlo ed imporre con la forza la propria opinione: capisco che il sinistroide é naturalmente portato a comportarsi in modo violento ed animalistico ma questo non significa che la società umana debba permettergli di fare quello che vuole.

Tipperary

Mar, 08/03/2016 - 00:10

Adesso si capisce perché l'ateneo di Bologna è al 204 posto nella classifica dei migliori atenei. Signor Sindaco di Bologna , l'ateneo ie'un cesso. Faccia qualcosa!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 08/03/2016 - 00:26

I fascisti rossi fanno comodo al PD e alle toghe rosse di Magistratura Democratica. Sono i discendenti delle BR, quei famosi assassini rossi battezzati dalla sinistra come i "compagni che sbagliano". DA TROPPI ANNI LA SINISTRA DIFENDE QUESTI VIOLENTI CHE RAPPRESENTANO LO ZOCCOLO STUPIDAMENTE DURO DELL'IDEOLOGIA ROSSA.

Ritratto di passaponti enrico

passaponti enrico

Mar, 08/03/2016 - 00:36

MANENTE: cambia spacciatore!!! Ma prima vai sul dizionario e cerca la parola Libertà e poi visto che ci siamo ripassati l'art. 21 della Costituzione. Il fatto stesso che tu sia qui a scrivere idiozie dovrebbe farti capire che ognuno ha diritto di esprimere la sua idea.. anche se non ci piace. Come tu hai la libertà di dire sciocchezze deve avercela anche Panebianco e pure io, e se questo a te non va bene allora è meglio che tu prenda l'aereo e vada a Pyongyang. Laggiù troverai ciò che cerchi. Noi non sentiremo certo la tua mancanza

joecivitanova

Mar, 08/03/2016 - 00:57

Sono gli stessi di cinquant'anni fa, quelli che avevano diritto al sei politico per prendere il diploma e la laurea e che poi hanno facilmente coniugato il 'sei politico' con il 'sono politico' (per gli ideali), per avere poi anche il diritto di poter dire e fare (e sfasciare) tutto quel che volevano, magari senza lavorare, non avendo mai studiato e essendo stati anche mantenuti, da figli di papà, dalla famiglia, in molti casi. Molta Italia, oggi, poggia su questi 'ideali', cerchiamo di rendercene conto; molti di questi 'ideali' sono in politica, guidano amministrazioni e governano l'Italia; provate ad indovinare da che parte politica, soprattutto!?.. Vi do..diciamo..mezzo secondo!?.. G.

claudioarmc

Mar, 08/03/2016 - 06:27

Stroncateli subito, abbiamo già dato in passato e la tolleranza con questi squadristi ha portato solo sangue e terrore

Ritratto di venanziolupo

venanziolupo

Mar, 08/03/2016 - 07:06

Piccole zecche crescono ma male ..... e il fuoco purifica ....

egi

Mar, 08/03/2016 - 07:53

Se le scuole funzionassero bene come la fabbrica degli stupidi rossi sarebbe la migliore nel mondo.

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Mar, 08/03/2016 - 08:27

questo personaggio (Panebianco) che è editorialista del Corriere rappresenta l new-deal del Revisionismo di sinistra. La Sinistra di Renzi per capirci, che sotto mentite spoglie cavalca il Sionismo mondiale made in USA. Andateci piano prima di etichettare gli studenti dei Collettivi -a Bologna e altrove- come i figli del '68!! I veri figli del '68 sono invece proprio i personaggi che ora governano il Paese e si annidano nei Poteri Forti in Europa e Oltreatlantico...Panebianco è uno si questi anche se non il solo!

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Mar, 08/03/2016 - 08:37

Panebianco è un opinion-maker, al pari di tanti altri....Gad Lerner, Mieli, Mentana .....che si annidano a destra al centro e a sinistra....ma rispondono alle oligarchie finanziarie sovranazionali.E guarda caso.... sono tutti figli di Sion..!!

timba

Mar, 08/03/2016 - 08:41

Soluzione semplice semplice. Si danno dieci minuti di tempo agli ectoplasmi per sgomberare e rimettere tutto a posto. Dopodiché si fa irruzione e chi c'e c'è. Si coricano i primi dieci e vedi poi i figli di papà come se la danno a gambe.... Incredibile. Solo qui una immondizia del genere può permettersi tanto. Mi piacerebbe che domani un esodato (lui si con tutti i diritti di farlo) tentasse, che so, di occupare il parlamento o una prefettura per protesta. Tempo zero sarebbe preso e messo dentro. Ai fancazzisti di sinistra con il portafoglio del papà a dx tutto è permesso. Che poi mi piacebbee chiedere loro perché effettivamente protestano: il nulla al di là della siepe. Per ultimo mi rivolgo ai loro genitori : ma non vi vergognate a vita di aver cresciuto (si fa per dire) dello schifo simile e che porti il vostro cognome?

manente

Mar, 08/03/2016 - 18:22

@ passaponti enrico - Abbassa la voce e prima di sproloquiare su concetti alti come "libertà" e "democrazia", impara prima i rudimenti del vivere civile e della educazione.

billyserrano

Ven, 22/04/2016 - 12:41

L'ideologia del 68 continua a fare danni. Si vede che nella trasmissione dei cromosomi dai padri ai figli, hanno trasmesso anche l'ideologia ixxxxxxxe di quei tempi. E così ne subiamo ancora le prepotenze.