Bologna, rubati i computer ​dell'ispettore Coliandro

L'ispettore Coliandro vittima dei ladri: rubati a Bologna due computer della sua trouppe televisiva

L'ispettore Coliandro è rimasto vittima dei ladri: sono stati derubati due computer dal deposito della troupe televisiva a Bologna.

In genere è lui a trovare i cattivi, ma questa volta ha dovuto richiedere l'internvento della polizia, quella vera, il noto ispettore televisivo che ha il volto di Giampaolo Morelli. Venerdì notte qualcuno si è introdotto nel deposito della trouppe di via Oberdan e ha portato via due pc. Una delle assistenti di produzione si è accorta che la serranda era stata forzata e sollevata, e ha notato l'assenza dei computer.

Subito è scattato l'allarme: gli investigatori dopo una serie di controlli, sono riusciti a scovare uno dei due notebook, finito nelle mani di un 50enne di Venezia. L'uomo era tranquillamente seduto al tavolino di un bar in via Massarenti e quando i poliziotti gli hanno chiesto di chi fosse il computer, lui senza ha affermato:"È il mio, ce l'ho da una vita". Peccato che il numero di serie fosse lo stesso del personal computer rubato alla troupe di Coliandro e quindi il 50enne, già finito nei guai per reati contro il patrimonio, è stato denunciato per ricettazione.

Il computer nel frattempo era già stato formattato, ed erano scomparsi tutti i contenuti della memoria. Non è stato ritrovato, invece, l'altro pc: la caccia ai ladri è aperta. L'attore Giampaolo Morelli su facebook ha precisato:"Sulle tracce del computer ci siamo messi noi utilizzando l'applicazione che lo localizza. I "colleghi" sono stati informati da noi solo dopo; sono intervenuti ed è stato riconsegnato al proprietario. Quindi non scherziamo, Coliandro è sempre un passo avanti".

Commenti

cgf

Lun, 24/04/2017 - 20:38

molti computer, non solo i melafonini, hanno la localizzazione, meglio per l'altro possessore del PC rubato non connettersi in alcun modo a internet.