Brescia, smottamento in cava di marmo: tre feriti, un disperso

L'incidente in provincia di Brescia: si cerca il proprietario 70enne

Una persona è rimasta sepolta in una cava di marmo a Nuvolera (Brescia) a causa di uno smottamento. Si tratterebbe del proprietario della ditta, Valerio Sgotti (70 anni). Illeso un figlio e due operai stranieri, mentre un altro figlio è stato portato in ospedale con trauma toracico e cranico.

Sul posto sono intervenute le squadre dei vigili del fuoco, anche con le unità cinofile e specialistiche, un'eliambulanza del 118 e i carabinieri. A causa delle dimensioni ampie dello smottamento, l'intervento risulta però complesso. Stando alle prime ricostruzioni, sembra che l’incidente sia avvenuto mentre uno dei figli di Sgotti, Sergio (38 anni) e i due operai stavano tagliando un blocco di marmo a monte della cava. In quel momento un altro blocco si sarebbe staccato trascinando a valle il titolare e l'altro figlio, Nicola (35 anni), che era a bordo di un escavatore e che è stato recuperato quasi subito dai soccorsi.

Mappa