A Brindisi giovane donna incinta sospende le cure per il Parkinson

Dopo il parto mamma e bambino stanno bene

Trent'anni e una vita già segnata dal morbo di Parkinson quella di una donna di Brindisi che per portare avanti la gravidanza e dare alla luce il piccolo Marco, nato da poco, ha dovuto interrompere le cure. Un parto naturale nella casa di cura “Salus” del capoluogo pugliese.

Sonia Scivales è il nome della giovane donna che ha portato a termine la gravidanza con la forza che solo una madre sa avere.

“Si tratta di un evento raro - ha spiegato a “La Gazzetta del Mezzogiorno” il dott. Giancarlo Locorotondo, - perchè il Parkinson difficilmente si manifesta in età così giovane e, dunque, sono sporadici i casi di gravidanze con pazienti affette da questo morbo.”

I farmaci somministrati per questa malattia servono a fermare il tremolio tipico che prende coloro i quali sono colpiti dal morbo. Gli stessi farmaci però sono, ugualmente, dannosi per il feto in caso di gravidanza (anche se, come detto, sono rari i casi perché il Parkinson è un morbo che si manifesta, nella stragrande maggioranza dei casi, in età avanzata).

Come si legge ancora sulle pagine del giornale regionale pugliese, il piccolo e la neo mamma (che ora dovrà riprendere le cure) stanno bene e sono la dimostrazione di come l'amore materno sia tra le medicine più efficaci.