Il broglio disgiunto

Nessun dubbio sui brogli evocati dal decollato Cancelleri nelle elezioni regionali siciliane: «Se non abbiamo vinto, nonostante il brevissimo distacco dalla coalizione di centrodestra, è per via degli impresentabili». Mah!

I brogli cominciano con le menzogne. Il «brevissimo distacco» è di più di 13 punti: 40% per le liste a supporto di Musumeci e 26% per M5S. Già, perché Cancelleri ha molti più voti dei 5 Stelle e arriva al 34,7%. L'anomalia, o il broglio, è infatti, simmetricamente, che il candidato del centrosinistra abbia liste che arrivano fino al 26%, mentre a lui toccano ben 9 punti di meno. Singolare coincidenza. Come si spiega? Elettori poco convinti, disorientati? Soccorso rosso? O una deliberata manovra di vaporosi votanti deviati per tentare di fare perdere il centrodestra, non potendo vincere il centrosinistra? Ecco il famoso «voto disgiunto». Un'azione di depistaggio, una vera e propria frode, con voti di convenienza invece che di convinzione. Una truffa politica senza alcuna coerenza ideale. Il vero broglio è questa trasmigrazione di voti.

Commenti

AuguStarello

Mer, 08/11/2017 - 14:35

Parlaci del tuo amichetto Cateno finito or ora in catene.

AuguStarello

Mer, 08/11/2017 - 14:36

Prova...prova...prova da essere onesto e parlaci di Cateno finito in catene.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mer, 08/11/2017 - 15:47

Il vero broglio é di chi si spaccia per liberale e libertario ed é totalmente indifferente alla repressione della Libertá in Catalunya da parte del sozzo autoritarismo di una España ottusa, ignorante e prepotente.

Filippolamonaca

Mer, 08/11/2017 - 16:02

non è suo amichetto e i 5 stelle hanno perso punto pensavate di essere diventati onnipotenti, ma non è cosi, siete gia in declino. è Sgarbi ha ragione

Rossana Rossi

Mer, 08/11/2017 - 16:37

Si caro Sgarbi, il soccorso rosso ha cominciato già a darsi da fare, e siamo solo agli inizi e le oche rosse starnazzano come al solito anche dopo aver preso solenni legnate sulle orecchie. i vari augus.tarello e paolina2 confermano.....spero che Berlusconi si renda conto che la prima cosa da fare è tagliare le unghie ai giudici venduti al rosso........

orailgo38383838

Mer, 08/11/2017 - 17:01

solo in questo paese machiavellico si poteva inventare il VOTO DISGIUNTO. Disgiunto da che?? dal cervello. Se uno ha un'idea vota quella e vota l'uomo che impersona quell'idea! Il voto disgiunto è una deviazione mentale, verso il nulla...sto un pò di qua ma anche un pò di là...tipico italico

Gibulca

Mer, 08/11/2017 - 18:20

La Sicilia - e con lei Calabria, Campania, Basilicata, Puglia e Lazio - andrebbero lasciate andare per il loro destino. Poi che vinca la sinistra o la destra, in queste regioni da terzo mondo è irrilevante

Ritratto di nestore55

nestore55

Mer, 08/11/2017 - 18:27

Le zecche imperversano, tentando di inseganre la loro ignoranza...C'è la new entry che tenta, senza riuscirci, una immonda rima...Signor new entry, il fatto che quella persona abbia giá subito 14 procedimenti penali e fosse a piede libero, le dice nulla? Che non siano riusciti a dimostrare le loro accuse, le dice nulla? Non siete miopi o ciechi, siete delle zecche immonde, nulla di piú.E.A.

Ritratto di Cali85

Cali85

Mer, 08/11/2017 - 19:05

Qesta del voto " disgiunto" fa il pari con le " migrazioni " parlamentari che " Ti fai eleggere da una parte e poi vai dove ti pare" oppure la creazone dei partiti in Parlamento che non hanno mai visto uno straccio di voto !! Secondo me la "Repubblica delle banane" è molto più coerente dell'Italia !!!!!

polistrum

Gio, 09/11/2017 - 07:32

personalmente io ho visto tanti congiungersi per prendere più voti possibili per cercare di fermare un partito ( 5 stelle) che da SOLO , senza inciuci ha ottenuto un buon risultato . Il cosiddetto "centro destra o destra" ha preso meno voti delle precedenti elezioni e nonostante ,con inciuci ed alleanze varie e soprattutto con tutti quelli che non sono andati a votare hanno vinto e si accingono a governare una regione che tra l'altro hanno governato più volte con i risultati che tutti i siciliani vivono sulla loro pelle . Io , da piccolo uomo insignificante non governerei una regione in virtù di questi risultati , ma si sa....qua gli ideali politici non contano nulla, qua contano le poltrone e la ricchezza ....ahh sig. sgarbi , lei ha ragione ad arrabbiarsi , se dovessero salire i 5 stelle , loro non pagano nessuno per schierarsi dalla loro parte attraverso le tv e i mezzi di comunicazione di massa .-

il corsaro nero

Gio, 09/11/2017 - 13:54

@CADAQUES: a parte il commento completamente fuori luogo, dovrebbe sapere che il referendum indetto dall'amministrazione catalana è anticostituzionale! E' come se in Italia una regione volesse creare uno stato autonomo! Ma stiamo scherzando??

il corsaro nero

Gio, 09/11/2017 - 13:56

@AuguStarello: e non ti sembra una giustizia ad orologeria? chissà da quanto tempo avevano emesso il mandato di carcerazione, ma giustamente fa più scalpore se viene eseguito subito dopo le elezioni per di più stravinte con largo margine!!!

il corsaro nero

Gio, 09/11/2017 - 13:58

@polistrum:" se dovessero salire i 5 stelle , loro non pagano nessuno per schierarsi dalla loro parte attraverso le tv e i mezzi di comunicazione di massa" Infatti anche quando sfidano gli avversari politici al momento della verità scappano a gambe levate!!! BUFFONI E INCAPACI!!!

Ritratto di llull

llull

Gio, 09/11/2017 - 15:16

Nell'articolo si sostiene sostanzialmente che gli elettori siano tutti dei pecoroni che obbediscono a non si sa quale direttiva, tralasciando il fatto che a volte, chi vota lo fa con la propria testa e coscientemente. Parlo per me: alle scorse elezioni amministrative cittadine ho votato la lista della coalizione in cui mi riconosco ma non ho votato il relativo candidato sindaco, persona (ai miei occhi) boriosa, antipatica e anche incompetente. Viceversa ho votato il candidato sindaco dello schieramento a me avverso che ritenevo di gran lunga meritevole della mia fiducia. Il voto disgiunto è stato voluto proprio con lo spirito di favorire eventualmente le persone meritevoli (almeno della nostra fiducia). E poi nei piccoli centri (dove vivo) è abbastanza frequente conoscere personalmente i candidati sindaci ritenendoli capaci anche se di formazione politica avversa.

polistrum

Mar, 14/11/2017 - 08:24

@il corsaro nero " la capacità o l'incapacità si misurano solo in circostanze di aver agito o governato , non tanto per sparare a zero o andare contro , e non mi faccia l'esempio di Roma o Torino solo perché attaccate da tutta la stampa e abbandonate dal governo centrale , e nonostante tutto governate egregiamente come non mai .-