Le bufale del superteste? Per i giudici sono oro colato

Berlusconi condannato, ma sono tanti i buchi neri nelle dichiarazioni di De Gregorio: dai contatti con la criminalità al voto sull'indulto

nostro inviato a Napoli

Le balle di De Gregorio sono «tali da non tradursi in una effettiva e concreta dimostrazione di inaffidabilità narrativa». Nella sua requisitoria contro Silvio Berlusconi, il pm Vincenzo Piscitelli aveva messo le mani avanti. Perché nel processo per la presunta compravendita di senatori per fare cadere il governo Prodi, era chiaro anche alla pubblica accusa che il tallone d'Achille del processo era lo stesso supertestimone su cui tutto si basava: Sergio De Gregorio, prima forzista, poi dipietrista, poi di nuovo forzista, infine «pentito». Ma «pentito» in un coacervo di dichiarazioni altalenanti, disparate, spesso contraddittorie, a volte inverosimili. Alla fine, i giudici gli hanno creduto. E hanno condannato Berlusconi.

Eppure i buchi sono tanti. A partire dal più vistoso di tutti, i rapporti con il mondo della criminalità organizzata. Non è un buco da poco. Perché è lì, secondo la difesa, che si spiegherebbe perché De Gregorio mente: i due milioni in contanti che dice di avere ricevuto da Forza Italia avrebbero altra strada, altra storia, che se venisse fuori causerebbe all'ex senatore guai ben maggiori dei 20 mesi che ha patteggiato. Le tracce ci sono, e sono vistose: il primo aggancio con De Gregorio la Guardia di Finanza lo trova perquisendo il contrabbandiere Rocco Cafiero, e nella miriade di personaggi che cambiano gli assegni circolari di De Gregorio ci sono Biagio Orefice, in passato denunciato per estorsione, e Gennaro Migliaccio, «gravato da precedenti di polizia per concorso esterno in associazione mafiosa». Quali rapporti ha con questi signori, De Gregorio? Non si sa, perché a dieci anni di distanza - lo dicono i pm nella requisitoria - «sono tutt'ora in corso le indagini in ordine ai rapporti intercorsi con gli stessi».

Nell'attesa, ci sono altri passaggi oscuri delle dichiarazioni di De Gregorio: e riguardano il suo ruolo nella campagna di arruolamento di altri parlamentari dell'Ulivo pronti a cambiare bandiera. De Gregorio racconta di avere abbordato Giuseppe Caforio. E Caforio, anche lui dell'Idv, conferma ai pm di essere andato a trovare De Gregorio in ospedale, dove era ricoverato per dei calcoli, e di averne ricevuto confidenze e promesse fantastiche: che De Gregorio sarebbe diventato ministro o sottosegretario, e che se Caforio lo seguiva erano pronti per lui due milioni. Possibile? E perché De Gregorio allora non è stato indagato per la tentata corruzione del collega? Per sapere come andò davvero, basterebbe ascoltare la registrazione che Caforio dice di avere fatto di nascosto dell'incontro. Peccato che il file, dopo essere stato consegnato a Di Pietro, andò smarrito. E così su quali fossero davvero i rapporti tra maggioranza e opposizione in quella fase confusa della vita del paese, resta la parola di De Gregorio. Ed è a quella che i pm credono, anche quando emergono palesi millanterie, come quando De Gregorio dice a Caforio che «Italiani nel Mondo era un marchio importante, tanto che lui aveva venduto a una importante società americana il suo utilizzo», e in aula, di fronte alle contestazioni delle difese, ammette di essersi inventato tutto. O quando sostiene di avere incontrato Clemente Mastella insieme al capo della Cia nella hall di un albergo per fargli sapere che gli americani ci tenevano a fare cadere Prodi: versione sconfessata da Mastella in aula. O quando chiama in causa Lamberto Dini, Sandro Bondi, Rocco Crimi: anche loro tutti interrogati nell'aula del processo, tutti hanno smentito la versione di De Gregorio, e i pm si sono ben guardati dall'incriminarli per falsa testimonianza. Eppure si trattava di passaggi chiave dell'inchiesta, come quello sui finanziamenti all' Avanti che secondo De Gregorio facevano parte del prezzo del ribaltone, e di cui Bondi si è preso la responsabilità, «feci tutto io, Berlusconi non ne sapeva niente».

Poi c'è quello che accadde a Palazzo Madama, i comportamenti concreti che per i pm sono la prova dell'«asservimento» a Berlusconi. Ma anche qui qualcosa non quaglia: De Gregorio a volte vota col governo, a volte con l'opposizione. E quando va in aula la legge che a Berlusconi, secondo i giudici doveva essere più cara, ovvero l'indulto, De Gregorio si astiene: che al Senato equivale al no. Ma Berlusconi, dicono i pm, lo paga lo stesso.

Commenti
Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 10/07/2015 - 23:46

Con questi magistrati politicizzati c'è da sospettare che il loro obiettivo primario È CONTINUARE A TENERE SOTTO SCACCO BERLUSCONI. Da qui la vergognosa strategia di costringerlo a percorrere tutti i gradi di giudizio. QUESTA È DI FATTO ANCHE LA VITTORIA DELLA PROCURA DI MILANO CHE CONTINUA A MASSACRARLO MALGRADO SIA STATO ASSOLTO DALLA CASSAZIONE. Buttiamo fuori dalla giustizia questi magistrati che NEGANO AI CITTADINI IL FONDAMENTALE DIRITTO COSTITUZIONALE DI ELEGGERE I PROPRI RAPPRESENTANTI IN PARLAMENTO.

Gius1

Sab, 11/07/2015 - 07:37

Runasini,@ Tu lo chiami sospetto? Ma sono 20 anni che fanno cosi'. Ho il sospetto che per laurearsi devono dimostrare di non appartenere Alla destra

Ritratto di Tibursi

Tibursi

Sab, 11/07/2015 - 07:40

Dalla foto non si capisce bene se e' di allevamento oppure di Cinta

Ritratto di gabrichan46

gabrichan46

Sab, 11/07/2015 - 07:42

Quello che risulta evidente è che non si è trattato di: indagine e processo. Si è trattato di un vero e proprio agguato, pianificato, preparato ed eseguito.

maurizio50

Sab, 11/07/2015 - 07:42

In Italia vige la dittatura dei Giudici! Costoro prima emettono la sentenza nei confronti di chi è loro nemico e, poi, trovano la motivazione di comodo! L'Italia tornerà ad essere un paese libero quando i giudici torneranno ad essere dipendenti dei cittadini, non già, come avviene oggi, governanti del paese, mai eletti da nessuno!!!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 11/07/2015 - 07:50

Però anche solo a guardarlo ?!?!......................ma il cav come avrà fatto a fidarsi di tale figuro????PIGliatelo voi

linoalo1

Sab, 11/07/2015 - 08:03

Basta guardare i suoi tratti somatici,per capire subito il Tipo!!

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Sab, 11/07/2015 - 08:03

Quando potremo vedere la magistratura al completo, catene a mani e piedi, sul banco degli imputati?

Ritratto di Tibursi

Tibursi

Sab, 11/07/2015 - 08:26

dalla foto non si capisce bene se e' d'allevamento oppure di cinta

Ritratto di Tibursi

Tibursi

Sab, 11/07/2015 - 08:28

ma Prodi non cadde per colpa di Mastella?

Ritratto di depil

depil

Sab, 11/07/2015 - 08:43

De Gregorio corrotto?? certamente ma dalle toghe campane che ...

Ritratto di marystip

marystip

Sab, 11/07/2015 - 09:10

CHIUDERE I TRIBUNALI E RIPARTIRE DA CAPO. SOLO COSI' CI SALVEREMO E POTREMO COSTRUIRE UNA DEMOCRAZIA MODERNA, AFFIDABILE E SERIA. LA MAGISTRATURA NON PUO' E NON DEVE FARE POLITICA. OGGI INVECE E' UN VERO E PROPRIO PARTITO S'INTROMETTE SU TUTTO (COME IL PAPA) TUTTO DISPONE E COMANDA. INACCETTABILE.

giovanni PERINCIOLO

Sab, 11/07/2015 - 09:13

Giustizia amministrata secondo il rito partenopeo inaugurato da tempo, autenticato e convalidato da un certo Esposito......!

elgar

Sab, 11/07/2015 - 09:41

Ho impressione che i guai di De Gregorio siano ben più gravi. E i pm lo abbiano favorito con un bello sconto di pena. A patto che.... cantasse la canzone che volevano ascoltare. E lui non si è fatto scrupoli. Ma come si dice "un solo testimone nessun testimone". Bisognerebbe prima trovare dei riscontri. Altrimenti potrebbe dire ciò che vuole ed essere creduto. Non mi sembra un modo corretto di procedere. Ma tant'è.

Ritratto di d-m-p

d-m-p

Sab, 11/07/2015 - 09:46

Come possono questi giudici credere alle menzogne di questo tizio con le sue contraddizioni e non tenere conto di quello che dicono i vari testimoni , questi non sono giudici ma , giustizialisti , sono prevenuti quindi incapaci di fare il proprio lavoro .

precisino54

Sab, 11/07/2015 - 14:34

X d-m-p- 09:46; il fatto è che i giudici hanno approfittato di questo "signore" per la loro ennesima aggressione, ben sapendo che tutto sarebbe finito in prescrizione; è evidente che in questo caso non serviva accertare la consistenza di quanto avvenuto, ricordo che Prodi testimoniò escludendo la "compravendita", ma tenere continuamente sotto scacco il cav ed erodere il residuo consenso!

precisino54

Sab, 11/07/2015 - 14:42

X BenFrank – 08:03; ahimè credo che il tuo desiderio rimarrà tale e non troverà mai attuazione. Forse in tutt'altro che prossimo futuro qualcuno pagherà per lo stravolgimento delle regole democratiche e dei codici, ma sono certo che non ci sarò più per poterne godere.