Il buonsenso inascoltato delle mamme

Vi vogliono far credere che fumare una canna è normale, che faticare a parlarsi è normale, che andare sempre oltre è normale. Qualcuno vuole soffocarvi». Non c'è voce più potente di questa. Non c'è verità più concreta di quella che viene dal cuore spezzato di una madre, che ha visto suo figlio morire suicida e che, con il cuore gonfio di dolore, dice ai tanti giovani presenti al funerale di suo figlio: «Diventate protagonisti della vostra vita e cercate lo straordinario».

Una frase, quella di Antonella Riccardi, che deve squarciare la politica, la società e le menti di tutti coloro che vogliono convincerci che non possiamo essere felici cercando un momento di pace, di evasione dalle follie del mondo e lo straordinario dentro noi stessi, anziché nelle droghe leggere o pesanti che siano. Il 12 luglio del 2014, in California, dove le canne si trovano nei smoke shop, Connor Ekchardt, diciannove anni, ha fumato uno spinello e poi è andato a dormire. Da quel sonno non si è mai più risvegliato. «È bastato un solo tiro e la nostra vita è cambiata per sempre», ha detto suo padre davanti alla tomba del figlio in un video diventato virale.

Chi è per la legalizzazione la colpa della morte di Giò l'ha data alle Fiamme Gialle. A chi darà la colpa il giorno in cui, una volta legalizzate, un'altra giovane vita sarà strappata a se stessa per la stessa ragione? Perché non ascoltiamo il buonsenso dei padri e delle madri che lottano ogni giorno con le dipendenze dei loro figli e che, a volte, li vedono anche morire? Politici, opinionisti, esperti, scrittori. Tutti parlano. Un ragazzino di sedici anni muore gettandosi dalla finestra e ognuno è pronto a usare quella morte per dire la sua sulla legalizzazione delle droghe «leggere». C'è anche chi, forse non del tutto consapevole del suo ruolo sociale, di quanto la sua voce possa arrivare forte proprio a quelle anime fragili che si affacciano alla vita, afferma che legalizzare è una necessità che va fatta subito e bene. Come a dire che se questo adolescente è morto suicida la colpa è di uno Stato che punisce. Giò sarebbe morto allo stesso modo se non fosse stato scoperto? Questo non lo possiamo sapere. Sappiamo però che, specie negli adolescenti, gli spinelli possono amplificare i pensieri suicidi che già a questa età sono possibili. Sappiamo che se le canne nessuno gliele avesse offerte forse oggi sarebbe ancora qui, con le sue ansie, le sue paure, le sue fragilità, ma anche con un futuro davanti. Allora tra le mille voci esperte o improvvisate, che urlano le loro istanze e tra le quali c'è anche chi specula su questa inaccettabile fine per dare ragione alle proprie cause, ce n'è una sola che dobbiamo ascoltare. Quella del buonsenso di una madre. La madre di Giò. La sola che ha il diritto sacrosanto di parlare. La sola che dovrebbe bucare il muro spesso di tutti quegli adulti incapaci di proteggere le nuove generazioni da qualsiasi droga, dal loro egoismo e dalla loro incapacità di cogliere lo straordinario non da un po' di fumo che altera la percezione delle cose, ma dalla vita.

Commenti

i-taglianibravagente

Gio, 16/02/2017 - 14:25

"Sappiamo però che, specie negli adolescenti, gli spinelli possono amplificare i pensieri suicidi che già a questa età sono possibili." ...per non parlare degli ZOMBIE, che non si suicidano ma che vediamo pascolare numerosissimi ovunque tutti i giorni. Che bel risultato, essere liberi di poter diventare dei vegetali ed esserci riusciti!...in barba a tutti i "proibizionisti di destra" e soprattutto in barba a quei DELINQUENTI dei loro genitori che glielo hanno lasciato fare....ma che meraviglia. L'EDUCAZIONE E' FATICA.