Burkina Faso, distrutta statua della Madonna e uccisi 4 cristiani

Quattro cristiani sono stati uccisi mentre stavano trasportando la statua di una Madonna a braccio di rientro da una processione mariana. È avvenuto a Singa, nel comune di Zimtenga a Burkina Faso

Sono stati uccisi in Burkina Faso mentre stavano rientrando da una processione con una statua della Madonna sulle spalle nel comune di Zimtenga. Nella stessa provincia, quella di Sanmatenga, il 12 maggio è stato ucciso il sacerdote Siméon Yampa. Il prelato è colpito a morte nell'assalto di una chiesa a Diablo mentre stavano celebrando la messa domenicale.

I fedeli cattolici del villaggio di Singa, nel comune di Zimtenga, avevano partecipato ad una processione fino al comune di Kayon che si trova a circa 10 chilometri di distanza. I terroristi hanno bloccato i quattro. Insieme a loro c'erano anche alcuni minori e bambini piccoli. I giovani sono stati lasciati andare mentre gli adulti sono stati tutti quanti uccisi a colpi di fucile. La statua della Madonna è stata ridotta in mille pezzi.

Ieri si sono anche celebrati i funerali per i cattolici uccisi a Diablo e monsignor Seraphin Francois Rouamba ha invitato tutti quanti a cercare di vivere in pace e soprattutto ha ricordato che l'unico modo per superare momenti come quello tragico che sta vivendo il Paese è quello della convivenza tra più religioni.

Commenti

opinione-critica

Mar, 14/05/2019 - 18:31

Il cordoglio dell'omino vestito di bianco si è sentito in tutto il mondo. Molti sono stati gli Stati che hanno dato la disponibilità a mandare truppe per difendere la libertà religiosa, ma monsignor Seraphin Francois Rouamba ha detto che deve esserci convivenza tra le religioni. Complimenti, ci dia un esempio di come si fa, facile fare bla bla bla...

Surfer67

Mar, 14/05/2019 - 20:12

La storia insegna che esiste un solo modo pet avere convivenza tra queste due religioni. L estinzione dell una o dell altra.