C'è un mondo fuori dal contratto

C'è un mondo fuori dal contratto. E quel mondo cambia, avanza, fluttua, si muove. Anche se Di Maio e Salvini fingono di non saperlo. Questo governo caso unico nella storia repubblicana si basa su un contratto, un programma messo nero su bianco da due forze politiche che fino al giorno prima delle elezioni erano una contro l'altra armate fino ai denti. Un'anomalia che è anche una follia. Perché, in un mondo che scorre velocissimo, non si può pensare di appendere un'intera legislatura a un testo scritto nella primavera del 2018. Praticamente una pianificazione quinquennale. E a tutto quello che scorre fuori da questo sacro documento chi ci pensa? Il governo? I fatti recenti dimostrano di no.

Le cronache quotidiane ci dicono che l'esecutivo perde giornate, settimane e mesi a litigare sui punti del contratto. Cioè per le cose sulle quali dovrebbero essere d'accordo. Si scannano sulla prescrizione, non trovano un punto d'incontro sul condono, sul reddito di cittadinanza, sulla Tav, sulla Tap e sulla flat tax. Sono rigidi in un mondo che prevede plasticità. Lenti in una società che implora immediatezza. Veloci solo a postare e twittare scazzi e battute a bruciapelo. Il governo comunica con la banda larga e poi si muove in vicoli strettissimi e spesso ciechi. Figuriamoci come possono affrontare la gestione quotidiana e corrente di un Paese. Quello che capita, che non si può prevedere, che non può essere discusso per mesi, vistato dalla Casaleggio associati, votato su Rousseau, mediato con via Bellerio e poi bollinato da un notaio. E infatti non gestiscono il presente. Sarebbe troppo complesso mettersi d'accordo, avendo niente in comune e interessi divergenti.

Hanno impiegato tre mesi per mettere a punto un decreto (che doveva essere d'emergenza) sulla tragedia di Genova. E sono riusciti a infilarci dentro pure un condono su Ischia, che evidentemente nel programma era scritto con l'inchiostro simpatico. Tre mesi precisi. Ma d'altronde loro mica potevano prevedere nel contratto che il 14 agosto il ponte Morandi sarebbe crollato. Altro esempio: lo spread va alle stelle e loro cosa fanno? Nulla. Fotografano quello che succede, ma senza intervenire, convincendosi che quota 300 sia la normalità. Così come, da giorni, si prendono a schiaffi sugli inceneritori, senza riuscire a cavare un ragno dal buco.

D'altronde nel loro libretto delle istruzioni il problema non era previsto e dunque non esiste. Perché il governo del cambiamento vorrebbe innanzitutto cambiare la realtà, piegarla e imbrigliarla all'interno delle sure del suo rigidissimo Corano. Ma è più facile che la realtà cambi il governo, senza che neppure se ne accorgano, troppo distratti a mercanteggiare sui codicilli del loro contratto.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 18/11/2018 - 09:38

quindi il contratto è inutile! ma bravi! complimenti! furboni i legaioli e i babbei comunisti e grulli!!! ci volevano credere perchè non vogliono piu credere a berlusconi, e sono finiti dalla padella alle brace! bravi, continuate a fare i furbi!!!! :-)

carlottacharlie

Dom, 18/11/2018 - 11:42

Si è cercato in tanti modi di farlo capire a Giggi e suoi amichetti che il contratto non dev'essere "chiuso" al buonsenso ed intelletto e, purtroppo, sono troppo scemi per capirlo. Loro seguono quel pezzo di carta che - quando lo nominano vien voglia di rispondergli con la frase di Totò verso il tedesco che invocava "carta bianca".- non se ne discostano cadesse a pezzi il paese, 'sti incapaci mentecatti di dubbio intelletto con deficit totale. Li prenderei uno ad uno e gli farei ingoiare il loro contratto a suon di sberle.

INGVDI

Dom, 18/11/2018 - 12:05

Tutto vero, ma se non lo comprendono gli ancora tanti tifosi (nella sua accezione negativa, acritica) di Salvini, non ci sarà nessuna speranza e il governo giallo-verde continuerà a fare disastri.

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Dom, 18/11/2018 - 12:07

Si possono modificare ed integrare i contratti di affitto già stipulati. Pare che il "contratto" abbia una valenza pari alle tavole dei comandamenti. E' un atteggiamento demenziale.

Ritratto di adl

adl

Dom, 18/11/2018 - 12:31

Grande sorella Fattura Elettronica è nel CONTRATTO ???? No è una marchetta e come tutte le marchette si rispettano, PERBACCO. A proposito di scontrini non controllati QUANTO CI COSTA AGENDA DIGITALE ???

fisis

Dom, 18/11/2018 - 14:12

In effetti questa soria del contratto è assolutamente ridicola, se non fosse drammatica perchè coinvolge la vita di tutti noi. Non penso che questo governo possa andare avanti per molto.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Dom, 18/11/2018 - 15:57

Articolo sbagliato, perché se c'è qualcuno che dimostra il contrario è proprio Salvini che solleva il problema rifiuti al Sud. Quindi i due al governo sanno benissimo che ci sono cose oltre il contratto. Il contratto è la novità più rivoluzionaria degli ultimi anni nella politica e serve ad andare oltre le paludi dell'ideologia. Non capirlo è da gente con i paraocchi.

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 18/11/2018 - 18:43

Fino a quando, Salvini, abuserai della nostra pazienza? Con Di Maio vuoi passare alla storia, come un moderno Catilina?

Savoiardo

Dom, 18/11/2018 - 19:25

Fare un tavolo permanente per risolvere le problematiche emergenti nello spirito dei programmi elettorali di entrambi i Partiti.Elementare Watson!La soddisfazione di vedere il PD e i novelli Savi Sion (Soros e c) con la bava alla bocca e'

Valvo Vittorio

Dom, 18/11/2018 - 19:27

Che il governo navighi a vista con molta foschia e privo di bussola è cosa condivisa dalla stragrande popolazione. Che ci sia stata una svolta quasi autoritaria di dilettanti allo sbaraglio è altrettanto condivisa, perché è nei fatti anche da parte del precedente PD, grazie al grande manovratore Napolitano riconfermato per la seconda volta! Mi chiedo: "Gli italiani credono davvero che la politica sia un grottesco gioco delle parti?" Aspettare un Godot che non arriverà mai! Forse è il gioco della vita a noi più adatto.

5stardust

Dom, 18/11/2018 - 21:09

sto seguendo stasera italia mi sembra di vedere oggi le comiche dove una madama siciliana inappuntita altro che madamine torinesi vuole l'iva agevolata nelle isole ed il ponte sullo stretto. altro siciliano con barba ex iene che inneggia al decreto cittadinaza e critica le madamine torinesi che non sanno che cosa è la tav (ce lo faremo spiegare dal mitico toninullo che ci dirà "è un treno che và pericolosamente pancia a terra ma senza entusiasmo) da quello che vedo solo il direttore Sallusti parli per il bene dell'italia gli altri solo pensano al sud. concediamo l'indipendenza a questi meridionali e facciano cosa vogliono.felpina stacca la spina e tira lo catena dello scarico

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Lun, 19/11/2018 - 09:25

02-02-1940 --- Ma che fai, paragoni il di maio a CICERONE ? Caspita che pseudocultura sfoggi. AHAHAHAHAHAHAHAHAH

skywalker

Lun, 19/11/2018 - 23:40

ARTICOLO PERFETTO! Purtroppo c'e' la gran parte della stampa che dovrebbe essere di destra (Libero, Verita', Tempo), che non muovono una minima critica alle follie di questo governo, anzi le difendono. Povera Italia.

peter46

Mar, 20/11/2018 - 00:21

Del Vigo...c'è un mondo fuori dal contratto,vero?Dove ca...volo stava negli anni precedenti quando lo stesso mondo stava fuori dal montusconi, dal lettusconi,dal renzusconi e dal gentilonusconi?Glielo ha ricordato anche a quelli che c'era un mondo fuori dal compitino assegnatogli dai loro proprietari europei,o no?Sembra di no se siamo ancora a ricordarlo ed anche a coloro che quei proprietari proprio non hanno,o sì?Non li faccia rosicare che lei ha solo l'articolo da scrivere e pubblicare,ma a sopportarli dovremo essere in...ecco,sembra che siamo in tanti a doverli sopportare non più pochi..

Ritratto di cuginifabio

cuginifabio

Mar, 20/11/2018 - 02:17

PERTANTO QUALUNQU AFFERMI CHE IL CONTRATTO SIA UNA CAVOLATA AMMETTE CHE ANCHE QUEL FAMOSO CONTRATTO CON GLI ITALIANI, MAI RISPETTATO DEL RESTO, ERA UNA PRESA PER I FONDELLI, NON VALEVA NULLA, QUALSIASI COSA SI VOTI D'ORA IN POI SONO TUTTE SCIOCCHEZZE. MA INVECE CREDO CHE QUESTO CONTRATTO, NON DI CERTO IL NAZZARENO COSA VOSTRA E DI POCHI INTIMI, SIA L'UNICA RAGIONE DEL LARGO CONSENSO CHE HANNO QUESTE DUE FORZE E MOLTI CONTINUANO A DAR LORO FIDUCIA SOPRATTUTTO GRAZIE ALLE VOSTRE REAZIONI. IL GIORNO CHE MEDIA E LACCHE' VARI PARLERANNO BENE DI QUESTO GOVERNO ALLORA DOVREMMO VERAMENTE STARE ATTENTI CHE COME TUTTI CI STANNO FREGANDO.

Ritratto di Unicum68

Unicum68

Mar, 20/11/2018 - 12:41

Non è un problema i contratti scadono e nessuno se ne fa un cruccio: lo sapete che il contratto della Sanità privata (scusate se mi tiro in ballo visto che ci lavoro con altre 25000 persone) accreditata, certificata e che offre un servizio pubblico è scaduto nel 2007? Dopo capodanno saranno 12 anni ma chi se ne frega? Avete visto due righe su qualche giornale? Tanto il costo della vita non è aumentato no? Diamo 780 euro a chi non vuole lavorare, a chi non vuole spostarsi dal paesino dove abita, diamogli tre possibità di rifiutare così tira avanti 20 anni a sbafo! e raggiunge la pensione! Saluti e scusate lo sfogo ma una situazione di dilettantismo e sbando come oggigiorno non si era mai e dico MAI vista! Quanto detto non salva i governi preecedenti dalle loro responsabilità sia chiato! Saluti a tutti

Ritratto di Unicum68

Unicum68

Mar, 20/11/2018 - 12:48

Aspetta che non sia dato quanto pormesso e poi ci risentiamo!