"Cacciata per il velo in Aula": ecco cosa dice il regolamento

La vicenda dell'avvocato 25enne che ha dovuto abbandonare l'Aula del Tar ha sollevato non poche polemiche. Ecco cosa dicono le norme

"Amarezza, il giudice ha subito messo nel mirino il mio velo". La vicenda dell'avvocato 25enne che ha dovuto abbandonare l'Aula del Tribunale amministrativo di Bologna ha sollevato non poche polemiche. Il giudice non ha rilasciato dichiarazioni per spiegare la sua scelta, ma di fatto un regolamento affisso sulla porta dell'Aula spiega bene il motivo di questo gesto.

Nel cartello viene citato l'articolo 129 del codice di procedura civile. Tra i vai commi uno stabilisce che chi assiste o interviene in un'udienza deve "stare a capos scoperto". "Chi interviene o assiste all’udienza non può portare armi o bastoni e deve stare a capo scoperto e in silenzio è vietato fare segni di approvazione o di disapprovazione o cagionare in qualsiasi modo disturbo", si legge sempre nell'articolo 129. Insomma si tratta di regole abbastanza chiare che servono a definire il codice di comportamento da seguire durante un'udienza. Ma Asmae Belfakir, la 25enne avvocato protagonista di questa vicenda, ha puntato il dito contro il giudice: "Mentre lasciava l’aula, il giudice avrebbe spiegato che si tratta del rispetto della nostra cultura e delle nostre tradizioni", spiega Belfakir, sottolineando che il giudice Mozzarelli "ha parlato di cultura, nemmeno di legge".

Commenti

Raoul Pontalti

Mer, 17/01/2018 - 16:33

L'obbligo di tenere il capo scoperto di cui alll'art. 129 cpc (norma risalente al 1940) non è assoluto è non è mai stato fatto applicare nei confronti di chi avesse giustificato motivo di portare il capo coperto (carabinieri in servizio, suore, soggetti con alopecia da chemioterapia, etc.).

Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 17/01/2018 - 16:57

mettiamola così "cara" mussulmana, sei stata ,giustamente, cacciata fuori per legge e per nostra cultura . facci un bel dispetto, vattene dall'italia, così il giudice e gli italiano se ne pentiranno amaramente della tua cacciata dall'aula!

Giovanmario

Mer, 17/01/2018 - 17:00

tutte balle pubblicitarie per creare conflitto ideologico.. sicuramente si sta preparando ad essere candidata nel pdr (partito di renzi)..

fabiano199916

Mer, 17/01/2018 - 18:43

LA praticante doveva attenersi alle regole. Le sue proteste sono irrispettose.

giorus

Gio, 18/01/2018 - 01:26

L'articolo del codice civile e' sicuramente molto chiaro e quindi non da adito ad interpretazioni la signora con laurea in giurisprudenza dovrebbe conoscerlo a memoria se non gli sta bene vada ad esercitare in una nazione che gli permette di tenere il copricapo non mi meraviglio della reazione di alcuni politici che sproloquiano a vanvera senza essere informati poi voglio ripagare queste persone con una frase che sento spesso e a sproposito e dico : io cittadino italiano quando vedo l'abbigliamento di queste persone, " MI SENTO PROFONDAMENTE A DISAGIO "

giorus

Gio, 18/01/2018 - 01:46

Anche il giudice ha sbagliato per non dargli adito a tutti questi inutili commenti avrebbe dovuto dire:AVVOCATO AI SENSI DELL'ARTICOLO 119 DEL CODICE CIVILE LA INVTO A SCOPRIRE IL CAPO ALTRIMENTI ABBANDONI L'AULA così detto nessuno avrebbe avuto modo di generare tutti questi inutili commenti la legge è chiara e VA RISPETTATA

giorus

Gio, 18/01/2018 - 01:53

Sig pontalti il codice civile è stato revisionato nel 2017 e l'articolo in questione non è stato modificato quindi questa E'la legge e va rispettata senza ECCEZIONI

Ritratto di Joker2

Joker2

Gio, 18/01/2018 - 09:12

Quindi è un regolamento "Fascista" Ma guarda! Ai nostri giorni i giudici italiani dovrebbero vestirsi seguendo quanto prescritto dal regio decreto 14 dicembre 1865 n. 2641, relativo all’ordinamento giudiziario; ma è evidente che la prassi va in tutt’altra direzione. Tale regio decreto impone infatti ai giudici di indossare: zimarra nera, cintura di seta guarnita di nappine, toga di lana nera con maniche rialzate e annodate alle spalle con cordoni, tocco e collare di tela batista, con colori e tessuti che variano a seconda del grado e delle occasioni (ad esempio, nelle riunioni solenni le corti di cassazione e di appello vestono la toga rossa, e in Cassazione non manca l’ermellino).

Ritratto di Joker2

Joker2

Gio, 18/01/2018 - 09:14

persino gli uscieri in servizio alle udienze delle corti e dei tribunali, a norma dell’art. 162 dello stesso decreto, sarebbe tenuti a indossare “tunica lunga fino al ginocchio di panno nero tutta abbottonata con una fila di bottoni lisci di seta, fascia alta dodici centimetri, serrata alla persona sul dietro con fibbie, collare liscio di tela batista, calzoni corti con calze di lana, mantelletto di panno lungo quanto la tunica e tocco di lana nera“. E pensare che ormai, benché l’art. 104 del regio decreto 6 gennaio 1927 n. 3 prescriva loro di indossare la toga nelle udienze dei tribunali e delle corti – chiarendo che l’inosservanza di tale obbligo è sanzionata in via disciplinare -, molti avvocati si presentano nelle aule di tribunale in veste informale… (se non indecorosa!).

SAMING

Gio, 18/01/2018 - 09:35

Quella laureata in legge, di origine araba e di fede mussulmana, che protesta perchè un giudice l'ha obbligata ad uscire dall' aula del Tribunale perchè il regolamento vieta il capo coperto, dica e dicano i suoi stupidi fans cosa sarebbe successo in un Tribunale arabo o comunque di uno stato islamico se una praticante si fosse presentata a capo scoperto, cioè senza il velo. Farisei !

sereni

Gio, 18/01/2018 - 09:35

@giorus 01.53 allora non vogliamo più vedere una suora con il velo!

Aegnor

Gio, 18/01/2018 - 10:08

@sereni - meglio togliere subito qualsiasi dubbio vero?

giorus

Gio, 18/01/2018 - 10:15

Egr sereni mi dispiace per te ma sai noi discendiamo dai ROMANI E LORO DICEVANO"LEX DURA LEX poi una riflessione se è vero che si è laureata con 110 dovrebbe conoscere BENE IL CODICE se non lo conosce non ha meritato la laurea

giorus

Gio, 18/01/2018 - 10:28

A tutti quelli che commentano la stria si ripete non dobbiamo inventarci nulla gli arabi nell'800 hanno invaso la sicula e la Spagna quando sono diventati troppo invadenti e hanno cercato di opprimere le popolazioni locali sono stati CACCIATI in malo modo speriamo che non vada a finire come nel 1492 ultra la scoperta dell'America gli spagnoli hanno cacciato dall'Europa gli ultimi musulmani rimasti speriamo non debba finire come allora (con una guerra)

giorus

Gio, 18/01/2018 - 10:41

Scusate mi sono sbagliato l'art è il 129 e voglio dire a quelli che dicono che era riconoscibile che in ITALIANO il termine CAPO è sinonimo di testa quindi la legge dice "A TESTA SCOPERTA" quindi il giudice avrebbe potuto denunciarla per oltraggio alla corte secondo me al suo rifiuto avrebbe dovuto denunciarla

giovanni PERINCIOLO

Gio, 18/01/2018 - 11:12

Raoul Pontalti. Legge o non legge, regolamento o non regolamento, spiegami perché per rispetto alla loro cultura e tradizioni i ministri occidentali di sesso femminile quando vanno in missione ufficiale in Arabia Saudita o Iran devono mettersi il velo mentre questa fraschetta si sente in dovere di contestare i nostri regolamenti oltre alla nostra cultura e tradizioni. Forse che la nostra cultura e tradizioni hanno minore dignità??? E' grazie ai sofisti buffoni par tuo che l'Eurabia si avvicina molto più rapidamente di quanto immaginato da Oriana Fallaci!

tommy1950

Gio, 18/01/2018 - 11:28

CONTRORDINE COMPAGNI!!!! da oggi viene abolito il codice di Proc.Civ. italiano e sostituito da una triade di esperti composta da : 1 del partito radicale;1 del partito di Liberi e Uguali e dell'IMAM locale che decideranno secondo le circostanze. Da oggi è ammessa nelle aule del tribunale la coppola siciliana e il panama ( è amesso pure il fez e il turbante). Rimane il divieto di esporre il crocefisso. In compenso viene lasciata la scritta"LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTI"

sereni

Gio, 18/01/2018 - 16:20

bene, allora insisto: perchè non vengono cacciate dall'aula le suore?

tommy1950

Gio, 18/01/2018 - 18:30

Signor Sereni, le suore le abbiamo cacciate dagli ospedali, dagli asili, dalle scuole è giusto cacciarle anche dai tribunali.(Non ho capito poi le suore cosa vanno a fare nei tribunali boh!!!)