L'imprenditrice che si ispira al respiro delle cavallette per costruire le case

Ha inventato biomateriali edili imparando dal respiro delle cavallette

In un mondo che sta cambiando sotto gli occhi di tutti, mentre la natura si ribella ai soprusi dell'uomo dopo secoli di devastazioni, c'è ancora qualcuno che dalla natura impara. Un caso in cui si può a buon diritto parlare di "green economy" viene segnalato a Cagliari dove Daniela Ducato, imprenditrice nel settore dell'edilizia, è stata insignita del titolo di cavaliere della Repubblica dal presidente Sergio Mattarella per i meriti acquisiti nel lavoro.

A darne notizia per prima è l'agenzia Ansa che ha avvicinato la Ducato per chiederle da dove traesse origine questo prestigioso riconoscimento. Sembrerà strano, ma l'imprenditrice sarda fa edilizia imparando dal respiro delle cavallette. "Tutto ciò che ci circonda ci può dare un suggerimento" ha ricordato alla stampa in occasione della Fiera della Scienza sempre a Cagliari. "Studiando l'apparato respiratorio di una cavalletta si riesce a capire come catturare l'aria e tenerla ferma. Un meccanismo perfetto che può essere adottato anche dall'industria." ha spiegato. Lei che si definisce una "contadina dell'edilizia", è diventata cavaliere della Repubblica perché "campionessa mondiale di innovazione, orgoglio della nostra Italia migliore" con i suoi biomateriali. Cento i tipi da lei inventati.

Realizzati tutti con diversi prodotti di scarto che preferisce definire "eccedenze". Eccedenze lavorate senza spreco di acqua e petrolio né suolo. Lasciando la terra libera di respirare, appunto. Libera come lei che volutamente non ha "quote e non amministra società". "Non ho paura del potere - conclude nell'intervista rilasciata all'Ansa - Anzi. Mi sento di esercitarlo con la forza delle mie idee per contribuire ad un futuro migliore: libera però da ogni condizionamento".