Cagliari, grave il brasiliano accoltellato: si cercano i responsabili

Il grave episodio si sarebbe verificato nella centrale piazza Amendola, prospiciente il porto della città, in pieno giorno. Lo spiazzo non è nuovo ad episodi di questo genere, essendo divenuto da tempo luogo di ritrovo di balordi e disadattati, ma anche zona di bivacchi e di ricoveri di fortuna

Ancora un’aggressione in pieno centro a Cagliari, questa volta avvenuta intorno alle 8:30 del mattino (guarda il video).

Ad esser soccorso da alcuni passanti, riverso in una pozza di sangue, un cittadino di nazionalità brasiliana di 35 anni, vittima di un accoltellamento. Secondo quanto gli inquirenti hanno potuto ricostruire sulla base di alcune testimonianze e delle poche parole riferite dalla vittima prima del trasporto in ospedale, l’episodio si è verificato in piazza Amendola. Lo spazio prospiciente il porto, divenuto da tempo luogo di ritrovo di balordi e disadattati, non è purtroppo nuovo ad episodi del genere. Lo scorso anno 4 algerini avevano aggredito con coltelli e cocci di bottiglia, ferendoli in modo grave, un connazionale ed un giovane del Mali per sottrarre loro uno zaino, denaro e dei cellulari.

Per quanto concerne l’episodio di stamani, le indagini sono affidate ai carabinieri del nucleo radiomobile di Cagliari, sotto la direzione del tenente Stefano Martorana. Il 35enne, residente in Toscana, sarebbe intervenuto per tentare di sedare una rissa tra due “ospiti” della piazza, probabilmente ubriachi. Nella concitazione di quegli attimi, uno dei due litiganti avrebbe estratto un coltello, affondando un colpo in direzione del brasiliano. Trafitto all’altezza dell’addome, l’uomo avrebbe iniziato a prerdere molto sangue e, mentre gli altri due coinvolti si davano all’immediata fuga, si è trascinato fino a raggiungere le scalette che conducono in viale Regina Margherita. Dopo l’enorme fatica, la vittima si è accasciata a terra invocando aiuto e, grazie ad alcuni passanti, in breve sono potuti giungere i soccorsi del 118. Trasportato d’urgenza in codice rosso al Brotzu, il 35enne è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico ma non dovrebbe trovarsi comunque in pericolo di vita.

I militari attenderanno anche i dettagli del suo racconto per procedere con le ricerche dei responsabili, già in corso.

Commenti

seccatissimo

Gio, 01/11/2018 - 21:08

Mi sconcerta la ingenuità e la dabbenaggine della vittima !