Cagliari, picchia la fidanzata e la crede morta: si uccide gettandosi dal cavalcavia

Un ragazzo di 25 anni di Cagliari, dopo aver litigato violentemente con la fidanzata e dopo averla picchiata, credendola morta si è gettato dal cavalcavia

Un uomo di 25 anni di Cagliari, Roberto Madau, si è ucciso lanciandosi da un cavalcavia vicino allo stadio Sant'Elia.

Dopo aver raggiunto a bordo di una Lancia Y la zona dello stadio, i due hanno iniziato a litigare violentemente. Poi lui l'ha iniziata a picchiare a sangue.

La giovane ha tentato di allontanarsi ma dopo aver percorso pochi metri è svenuta. Lui ha così pensato che la fidanzata fosse morta e, spaventato, è fuggito via. È salito sul cavalcavia che da via Schiavazzi porta al Sant'Elia e si è lanciato nel vuoto.

Adesso la ragazza è ricoverata all'ospedale Brotzu in coma farmacologico. L'episodio è avvenuto intorno alle 4 della scorsa notte e a lanciare l'allarme è stato il custode del nuovo stadio del Cagliari in costruzione proprio accanto al vecchio che ha sentito le urla in zona.

Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 14/07/2017 - 11:49

Beh....direi che la giustizia ha fatto il suo corso.Sbaglio?

lappola

Ven, 14/07/2017 - 13:21

Forse qualche altra è stata risparmiata senza nemmeno saperlo. Come sarebbe diventato tra qualche anno ?

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 14/07/2017 - 13:26

Bene cosi'...

vince50

Ven, 14/07/2017 - 13:57

Si fosse buttato prima qualcuno lo avrebbe pianto.